8 file manager Linux da provare – Parte 2

Nella seconda parte dell'articolo procediamo con la lista dei file manager disponibili in Linux per la gestione semplificata dei file e cartelle

8 file manager Linux da provare

Nella seconda parte dell’articolo dedicato ai file manager di Linux, proseguiamo con la lista delle applicazioni che consentono di gestire in modo semplice e veloce i file e le cartelle all’interno del file system. Nella prima parte del post abbiamo conosciuto due potenti gestori quali Midnight Commander e Krusader. Diamo ora un’occhiata ad altri 6 file manager disponibili per Fedora, alcuni dei quali ripropongono una interfaccia grafica davvero semplice da utilizzare.

File manager Linux Konqueror

Konqueror è un altro potente file manager per Fedora. Una delle sue caratteristiche principali è che può essere utilizzato anche come anche web browser: basta inserire l’URL che si desidera visualizzare nella barra degli indirizzi.

La differenza sostanziale rispetto ai file manager precedenti è che Konqueror offre la possibilità di aprire più schede, ognuna delle quali può contenere più directory. Ad esempio, nell’immagine sottostante una scheda è stata suddivisa in tre riquadri, uno sul lato sinistro e due sul lato destro.

file manager linux 3

A sinistra della pagina è presente una barra laterale che facilita la navigazione su tutto il file system. L’interfaccia semplice e intuitiva non soltanto facilita la navigazione e la riorganizzazione delle directory, ma rende anche più semplice l’individuazione dei file per la modifica e la cancellazione.

La navigazione può essere eseguita utilizzando i tipici comandi da tastiera ma anche il mouse. Anche in Konqueror è possibile attivare la vista dettagliata che mostra il nome del file, l’anteprima, la data di ultima modifica, la dimensione, il proprietario e le autorizzazioni.

In alto alla pagina è presente il menu principale dal quale è possibile accedere alle configurazioni dell’applicazione. Questo file manager consente di impostare l’interfaccia secondo le proprie esigenze e salvarla in modo tale che venga riproposta uguale a tutti i riavvii.

File manager Linux Dolphin

Dolphin è un file manager molto simile a Konqueror e Krusader. È caratterizzato da due riquadri centrali per due differenti directory e una barra laterale che facilità la navigazione dell’intero file system. Anche Dolphin supporta differenti schede.

file manager linux 4

Per muoversi all’interno delle cartelle è possibile utilizzare sia le frecce e tab, sia il mouse. Questo file manager supporta inoltre l’espansione delle cartelle sia all’interno della barra laterale, sia nei singoli riquadri.

Sebbene Dolphin supporti le schede, al suo riavvio ritorna sempre nello stato di default che mostra la directory home.

File maager Linux Nautilius

Nautilius a differenza di tutti i file manager precedenti lavora su un solo riquadro di directory. Oltre al rigradro centrale è dotato anche di una barra laterale per la navigazione del file system. Grazie alla sua semplicità d’uso è consigliato soprattutto per i principianti.

file manager linux 5

Generalmente Nautilius si trova nei sistemi con GNOME, ma può essere anche installato e utilizzato con KDE. A differenza dei file manager precedenti non supporta più schede, ma la navigazioni può essere effettuata sia utilizzando i comandi da tastiera, sia con il mouse.

File manager Linux Thunar

Thunar è un file manager molto simile a Nautilius sia per quanto concerne la grafica, sia per quanto concerne le funzionalità. Ecco la ragione per la quale non è necessario soffermarsi su questo gestore di file.

File manager PCManFM

PCManFM è il file manager destinato a sostituire Nautilius e Thunar. Tutti i tre condividono la stessa interfaccia molto semplice e più o meno le stesse funzionalità.

File manager Linux XFE

XFE è uno dei file manager tra i più flessibili e possiede una interfaccia molto simile ai tre precedenti. Può essere configurato per visualizzare uno o due riquadri e la barra di navigazione laterale è opzionale.

file manager linux 6

XFE esegue tutte le operazioni di drag&drop ma richiede un po’ di passi per l’associazione dei file a specifiche applicazioni come LibreOffice.

Conclusioni

I file manager indicati in questo articolo sono tutti gratuiti e distribuiti con licenza open source. È possibile scaricarli direttamente dai repository Fedora e CentOS.

Oltre a questi file manager riproposti da opensource.com, ne esistono certamente degli altri. La scelta del programma di gestione dei file dovrebbe dipendere dalle proprie esigenze e, pertanto, non è possibile affermare che un file manager sia migliore di un altro.

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *