Alibaba e Big Data: accordo con Nvidia

La compagnia cinese, con l'appoggio di Nvidia, si prepara al lancio di una nuova piattaforma Big Data con servizi di analisi ed elaborazione dei dati

Alibaba

La testata South China Morning Post ha rivelato alcuni dettagli sulla prossima strategia commerciale della compagnia Alibaba riguardante il mondo dei Big Data e tecnologie di machine learning e deep learning.

L’azienda presieduta da Jack Ma ha stipulato un partnership importante – non solo per il profilo di alto livello del partner ma anche per il budget impegnato nell’operazione (si parla di una “multi-billion dollar partnership”) – con Nvidia per supportare il lancio di una nuova piattaforma di servizi Big Data.

Tra le varie proposte di AliCloud (divisione per i servizi cloud nota fino a poco tempo fa come Aliyun), tutta una serie di soluzioni legate al data development chain e quindi operazioni di analisi/elaborazione dati,  deep learning, data application etc. Le gpu (graphics processing unit) della compagnia statunitense giocheranno naturalmente un ruolo importante: “metteremo a disposizione dei nostri clienti, in particolare modo le startup emergenti, servizi di computazione [basati su accelerazione GPU]” ha dichiarato Simon Hu (presidente AliCloud).

Non è ancora chiaro se Alibaba adotterà le recenti soluzioni presentate da Nvidia per l’accelerazione degli algoritmi analitici, ovvero la gamma Tesla (modelli K80 e K40) già vista all’opera su GRID 2.0, oppure varianti personalizzate dell’hardware appena menzionato. Di seguito riportiamo le specifiche dei modelli K80 e K40:

Nvidia soluzioni Tesla
Il budget stanziato per l’operazione Big Data sarà destinato anche all’assunzione a breve termine di circa 1000 nuovi impiegati, nello specifico data engineers che in pratica costituiranno una delle colonne portanti della nuova piattaforma permettendone teoricamente il lancio che l’adeguato funzionamento.

Lo sbarco delle soluzioni Big Data è previsto, senza troppe sorprese, anche nei data center situati al di fuori dei confini nazionali, Stati Uniti inclusi: sarà allora interessante vedere come reagiranno i mercati e big player come AWS e Microsoft, obiettivamente avvantaggiati rispetto ad Alibaba perché presenti da anni nel settore ed in possesso di piattaforme cloud sicuramente più mature.

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *