Alla scoperta del nuovo data center Hosting Solutions

Hosting Talk ha avuto modo di visitare il nuovo data center Hosting Solutions, ecco il resoconto del tour nell'articolo di oggi.

Data center Hosting Solutions

Schematica data center

 

Hosting Talk era presente all’inaugurazione del secondo data center proprietario di Hosting Solutions (video ufficiale visualizzabile qui) ed ha potuto osservare da vicino i locali della nuova server farm che va ad estendere il preesistente network del provider (un altro data center a Firenze, 1 colocation a Roma, 1 colocation a Catania).

Data center Hosting Solutions ingresso

Meeting room a destra; Working area in fondo al corridoio; sala UPS a sinistra di quest’ultima

Appena superata la soglia d’ingresso si notano tre porte che conducono ad altrettante stanze: la prima sulla destra conduce alla sala riunioni (meeting room, dalla quale è possibile visionare anche il vero e proprio cuore del data center da un finestra appositamente collocata sulla parete), in fondo al corridoio troviamo invece l’area di lavoro (working area) per il personale autorizzato e alla sinistra di quest’ultima la sala con i gruppi di continuità (UPS). Nel caso le batterie esaurissero la propria carica sono presenti nel livello sottostante gruppi elettrogeni a diesel ridondati che possono offrire teoricamente un’autonomia energetica illimitata.

Una volta giunti in prossimità della “working area” è possibile svoltare unicamente a destra (si tratta in sostanza di un percorso ad L rovesciata) e, dopo aver superato alcuni scalini, ci si trova davanti alla prima porta di accesso con tessera magnetica. A pochi metri da quest’ultima è visibile sulla sinistra il locale con impianto antincendio, console di gestione e bombole di gas inerme – in grado di saturare rapidamente l’area eliminando l’ossigeno presente ed estinguendo le fiamme; proseguendo si giunge invece alla porta di accesso vera e propria del data center . L’accesso alle due stanze appena citate non è consentito a tutti ma varia in base al livello di autorizzazione del badge in possesso del personale.

Data center Hosting Solutions isola fredda

Isola fredda

Come abbiamo avuto modo di vedere in un precedente articoli, il data center è uno shelter completamente isolato dalla struttura dei locali che assicura una PUE (Power Usage Effectiveness) tendente a 1.  I 20 rack poggiano su pavimento flottante dotato di piedini antismici (le onde vengono assorbite e non si propagano ai rack ed ai componenti hardware) e sono montati all’interno di un’isola fredda – portata dell’aria, umidità e temperatura sono monitorati da un sistema dedicato con allarmi e notifiche in caso di variazioni improvvise dei valori. Per garantire la circolazione ottimale dell’aria ed agevolare al massimo il lavoro dei sistemisti, tutti i cavi di alimentazione, rete etc. giungono ai rack passando direttamente dal livello sottostante al piano in cui sono situati gli armadietti.

 

Data center Hosting Solutions rack

Server rack

I 4 apparati refrigeranti (unità inverter) a disposizione del data center regolano la potenza di funzionamento in base alle richieste delle macchine e sono in grado di gestire un carico di lavoro doppio rispetto alla capacità massima – in caso di fault di due delle quattro unità è quindi garantito il corretto funzionamento del sistema. Nell’eventualità che le 4 unità siano indisponibili, i server DELL (di 13a generazione con processori Intel V3 per un massimo di 18 core per socket, RAM DDR4 operanti a 2133MHZ, quarto canale per gestire fino ad 1TB e mezzo di memoria su server da 1 rack unit) sono in grado di operare in maniera continuativa fino ad una temperatura di 40 gradi (range compreso tra 5 e 40 gradi, l’operatività con escursioni termiche entro i 5 gradi e umidità al 90% è garantita per un tempo limitato) grazie alla feature Fresh Air.

Per quanto riguarda infine l’argomento connettività, la rete del data center dispone di oltre 4Gbit/s e poggia su vari operatori nazionali ed internazionali. Il data center Hosting Solutions è, come le le altre infrastrutture del provider, connessa anche al MIX di Milano (Milan Internet eXchange).

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *