Applicazioni SaaS in crescita del 33%

Le applicazioni SaaS conquistano le aziende che negli ultimi 12 mesi hanno incrementato del 33% il loro impiego. I dettagli di un recente studio.

Secondo lo State of the SaaS-Powered Workplace Report stilato da BetterCloud, entro il 2020 la maggior parte delle applicazioni utilizzate nelle imprese saranno SaaS.

A guidare la crescita, ormai costante, della applicazioni SaaS è il settore enterprise che, nonostante le tempistiche di adozione più lente rispetto alle startup ed alle piccole/medie imprese, ha ora raggiunto il cosiddetto momento critico (tipping point), come dimostra il grafico elaborato dagli analisti:

Percentuale di applicazioni SaaS utilizzate in ambito enterprise e dalle piccole/medie imprese

Il settore enterprise sta recuperando il divario. Il sorpasso è previsto per il 2022. Fonte: BetterCloud

Le postazioni d’ufficio basate completamente su applicazioni SaaS (SaaS Powered Workplaces, attualmente il 38%) sono in aumento a discapito di quelle che si affidano alle classiche varianti on premise. Nei prossimi due anni, il 51% del campione interpellato da BetterCloud si aspetta di utilizzare esclusivamente applicazioni SaaS. Rispetto alla media, i SaaS Workplaces adoperano più del doppio delle app SaaS (34)

A guidare i professionisti IT nella scelta sono i seguenti criteri che, tutto sommato, non di discostano da quanto è lecito aspettarsi da chi lavora in ambito enterprise: costo del servizio (59%), sicurezza (47%), facilità di utilizzo (38%), integrazione (30%), qualità del servizio di assistenza (24%) le prime cinque in ordine di importanza.

Applicazioni SaaS: principali criteri di selezione adottati dai professionisti IT

Applicazioni SaaS: principali criteri di selezione adottati dai professionisti IT. Fonte: BetterCloud

 Principali problematiche delle applicazioni SaaS

Non esistono soluzioni perfette e le applicazioni SaaS si adeguano a tale dato di fatto. Il campione interpellato da BetterCloud indica come principali sfide derivanti dall’adozione di applicazioni SaaS:

  • la delega dei privilegi di amministrazione. Nelle migliori delle ipotesi, afferma il report, affidare privilegi di amministrazione/controllo granulare in postazioni di lavoro SaaS è complesso; nei casi peggiori è invece impossibile;
  • gestione degli accessi esterni. L’interazione con personale esterno all’azienda, come ad esempio i freelance, è una seconda problematica sottolineata dai professionisti IT. Gestirne in modo adeguato e sicuro l’accesso alle risorse interne è una sfida non indifferente;
  • automatizzazione delle task. Si tratta di tutta quella serie di step da effettuare ripetutamente durante le fasi di onboarding ed offboarding. Automatizzare tali procedure sarebbe ideale e consentirebbe di risparmiare tempo;
  • gestione di utenti, applicazioni ed asset. Un ambiente multi-SaaS, con decine di applicazioni utilizzate da un numero variabile di dipendenti (anche migliaia in certi casi) è indubbiamente complesso da gestire.

Per maggiori informazioni consultare il link indicato nella sezione delle fonti.

Fonte: 1

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *