AWS: perchè il provider punta sull’America Latina

AWS ha aperto un ufficio in Colombia, intensificando la propria presenza nell'area. La sintesi dell'intervista al regional manager dell'America Latina.

AWS ha aperto un ufficio a Bogotà

Bogotà – Colombia.

Non solo India ed Asia-Pacifico. Anche l’America Latina rientra nella lista dei mercati appetibili per i cloud provider che seguono con attenzione le economie in via di sviluppo. L’apertura di un nuovo ufficio AWS in Colombia ne è la conferma.

La giornalista Loren Moss di Finance Colombia ha avuto modo di intervistare proprio il general manager dell’America Latina, Marcos Grilanda. Di seguito una selezione e sintesi delle domande più interessanti, il link all’intervista completa (in inglese) è disponibile come sempre nella sezione delle fonti.

AWS ha recentemente [inaugurato] un ufficio qui a Bogotà, in Colombia. Cosa vi ha spinto ad aprirlo? Che cosa ha convinto AWS a pensare che fosse il momento giusto per espandersi in America Latina?

Marcos Grilanda (MG): […] [AWS ha avviato le proprie attività poco più di 10 anni fa mentre in America Latina siamo arrivati poco più di 5 anni fa. Il nostro business è in continua espansione. 

Tra la fine dell’anno scorso e quest’anno abbiamo deciso di mantenere questo ritmo ed abbiamo aperto due uffici: uno qui in Colombia, con base a Bogotà, e parallelamente [un altro a Santiago], in Cile. E’ parte del nostro piano d’espansione. Il motivo principale è che vogliamo essere vicini ai nostri clienti e partner [locali]. […] [AWS aveva clienti in Colombia anche prima di [arrivare in America Latina perchè da ogni parte del mondo è possibile aprire un sito ed iniziare ad usare la nostra piattaforma di servizi cloud].

Abbiamo molti clienti. Alcuni sono noti come Sura, una grande compagnia di assicurazioni [colombiana]. Abbiamo poi l’Università Nazionale della Colombia, che ha più di 50.000 studenti, e Deltacloud. Nel [settore finanziario][…] Bancolombia [e] NEQUI – un’applicazione molto importante [per l’invio di denaro tra dispositivi mobile].

Questo è un trend che abbiamo riscontrato in tutti i Paesi dell’America Latina, e la Colombia non fa differenza. Abbiamo notato [un’accelerazione dell’adozione dei servizi cloud in molte industrie di differenti dimensioni].

Amazon ha investito molto sulla promozione delle imprese – non solo le più grandi ma anche le piccole imprese. […] [Più in generale, in termini di adozione ed accettazione del paradigma cloud, gli ostacoli che avete affrontato qui in America Latina sono stati differenti da quelli visti in Nord America ed Europa]?

(MG):[…]Non direi che ci sono differenze tra un Paese e l’altro. Sono i [vertical market] ad essere differenti. […] Le startup avviano il proprio business nel cloud. Non c’è un’altra opzione. Non prendono nemmeno in considerazione la possibilità di avviare un’impresa in un tradizionale ambiente IT e dire [cose come] “Ok, comprerò un paio di server o dello storage perchè voglio aprire un’impresa”. Semplicemente non ci pensano.

[…] Non importa quale sia il Paese. [La questione riguarda più l’industria di cui si sta parlando]. La finanza, ad esempio. Le banche sono solitamente un pò indietro nel processo di adozione perchè devono seguire delle normative. Hanno molte problematiche da risolvere. Ma nel mondo – e l’America Latina non fa differenza – stiamo assistendo ad una [rapida adozione del cloud computing da parte delle banche]. […] La questione è la velocità con cui ogni industria procede all’adozione del cloud.

Come si inserisce Amazon in questo ecosistema [riferito al settore IT ed alle imprese/startup dell’America Latina]? Con la crescita, [come pensi che sarà fra due o tre anni l’ecosistema IT e la situazione di Amazon qui in Colombia e, più in generale, nell’America Latina]?

(MG):Prima di tutto [ il business del cloud] è appena iniziato. Siamo ancora nelle primissime fasi del pieno potenziale. E’ possibile dire con certezza che in futuro sarà difficile trovare una compagnia che non utilizzi il cloud. Crediamo che la maggior parte delle compagnie sarà nel cloud. Naturalmente, per arrivare a questo, c’e’ una strada da seguire – che noi chiamiamo “il viaggio”. [Il viaggio verso il cloud inizia selezionando un’applicazione o un progetto Big Data o un sito disaster recovery e prosegue in un ambiente ibrido. […] Siamo in grado di offrire un servizio di connessione diretta ai nostri data center ed iniziare poi una migrazione su più larga scala. Ed alla fine la maggior parte dei loro servizi ed applicazioni sarà nel cloud AWS].

Questo è quello che ci aspettiamo accada nel mercato – che vediamo evolversi molto velocemente. E perchè? Perchè è [qualcosa di buono] per i clienti. E’ buono per la compagnia stessa. [Seguendo questa strada potrai risparmiare]. In 10 anni abbiamo abbassato 62 volte i prezzi di listino – per tutte le persone che utilizzano il prodotto. Non devi chiamare nessuno e non devi fare proprio niente. Se stai utilizzando un prodotto [che è stato ribassato pagherai automaticamente di meno].

Fonte: 1 (intervista completa)

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *