AWS si affida all’hypervisor KVM. Addio Xen.

Il cloud provider abbandona l'hypervisor Xen e si affida ad una versione personalizzata di KVM. Le istanze C5 sono le prime ad utilizzarlo.

KVM: AWS ne impiegherà una versione personalizzata per le proprie istanze

AWS ha annunciato nella giornata di ieri il rilascio di una nuova tipologia di istanze EC2 (C5) disponibili nelle region EU (Ireland), US East (Northern Virginia)US West (Oregon) e pensate per workload che richiedono elevata potenza di calcolo. E quale migliore soluzione dei nuovi processori Xeon Skylake (in realtà ci sarebbero anche gli AMD Ryzen ma AWS ha preferito Intel per un preciso motivo che vedremo a breve)?

Il dettaglio che ha più interessato gli addetti ai lavori non riguarda però la dotazione hardware quando l’hypervisor al quale il provider ha deciso di affidarsi: non più Xen, del quale AWS è stata per diversi anni prezioso e prestigioso supporter, ma una versione personalizzata di KVM:

C5 instances use a new EC2 hypervisor that is based on core KVM technology. […] Going forward, we’ll use this hypervisor to power other instance types.

Secondo The Register lo sviluppo del nuovo hypervisor, del quale saranno diffusi più dettagli nel corso dell’attesa convention Re:Invent 2017, è la principale causa dietro al “ritardo hardware” accumulato da AWS rispetto agli altri competitor: si parla naturalmente dell’adozione degli Xeon Skylake giunti da diversi mesi sulle piattaforme cloud Google, IBM (entrambi estate 2017) e Microsoft (circa due settimane fa).

Ottimizzazione e performance prima di tutto

AWS ha commissionato ad Intel la produzione di una partita di processori Xeon Platinum 8000 custom (3Ghz stock, turbo boost 3.5Ghz ma su singolo core). Le due aziende hanno lavorato a stretto contatto per creare un processore “ottimizzato per EC2, […] engine AI/deep learning con l’ultima versione della libreria Intel Math Kernel” ed in grado di offrire “[elevata ottimizzazione ad MXNet ed altri framework deep learning”. Non si tratta di una pratica inedita, osserva la stampa specializzata. La stessa Oracle è ricorsa in passato a processori personalizzati.

L’abbandono è un duro colpo per la popolarità dell’hypervisor Xen che in questi anni si è indubbiamente avvantaggiato del brand AWS. In nome dell’ottimizzazione e delle performance (un rapporto prezzo/prestazioni migliore del 25-50% rispetto alle istanze EC4 afferma Jeff Barr) il provider ha tuttavia ritenuto necessario cambiare strategia e “tagliare con il passato”. KVM è utilizzato anche da Google su Compute Engine e Container Engine.

Fonti: 1, 2

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *