AWS Lightsail, una nuova gamma di soluzioni VPS

Lightsail è la nuova proposta di servizi VPS Amazon che punta al mondo degli sviluppatori ma non solo con un prezzo molto aggressivo

AWS re:Invent 2016

Lightsail è stato uno degli annunci più importanti della terza giorna del re:Invent 2016 di Las Vegas. A presentare alla nutrita platea di spettatori la nuova gamma di soluzioni VPS è stato come di consueto Andy Jassy, CEO AWS. L’obiettivo di Amazon è quello di ampliare ulteriormente il proprio raggio d’azione interessandosi non solo alla grandi compagnie ma anche alle piccole e medie imprese, non interessate al cloud pubblico ed ai data center sia per scelte operative (risorse sovradimensionate rispetto alle reali esigenze) che di budget.

“Negli ultimi anni si è molto parlato della scelta di Amazon [di focalizzarsi] sul settore enterprise. Con questo annuncio [AWS si difende dalla concorrenza e torna a riaffermare uno dei principi alla base del suo business, ovvero] supportare gli sviluppatori con prodotti low cost” osserva un partner del fondo d’investimento Trinity Ventures.

E parlando di “convenienza” e “sviluppatori” non può che venire in mente DigitalOcean, provider che ha costruito la propria fama e successo con soluzioni economiche pensate per il mondo developer. La gamma Lightsail propone VPS a partire da 5$ al mese ( 20GB di spazio su SSD, 512MB di RAM ed 1 vCore) e, in base a quanto affermato dal CEO AWS, al cliente occorreranno pochi clic per effettuare il setup ed il lancio del servizio. Le immagini server disponibili sono una decina e correlate del software necessario per iniziare a lavorare: l’ambiente di sviluppo Nginx viene ad esempio affiancato da phpMyAdmin, SQLite,  FastCGI, Memcache, ImageMagick ed altri componenti. Tra le altre caratteristiche anche un indirizzo IP statico, connettività SSH, gestione DNS, monitoraggio del server, console di gestione utilizzabile dal web.

Lightsail prezzi gamma VPS

Il listino prezzi delle soluzioni VPS Lightsail

 

Oltre al prezzo, il punto di forza di Lightsail sembra essere la natura “managed” del servizio: tutti gli aspetti “più tecnici”, dal lancio delle VM fino alle procedure relative allo storage (attaching) ed ai gruppi, sono gestite direttamente dal provider, rendendo quindi appetibili i VPS anche ad utenti meno esperti.

“Siamo lusingati che AWS abbia proposto una soluzione simile alla nostra. La semplicità ha un grande valore, è per questo che ci siamo focalizzati su questa tipologia di offerta fin dal 2003. L’arrivo di AWS [in questo segmento di mercato] non fa altro che confermare la bontà di tale scelta. […] Gli sviluppatori e le piccole community trarranno sicuramente vantaggio dalla competizione [in questo settore]. Per quanto [ci riguarda] continueremo a differenziare [la nostra offerta] come abbiamo sempre fatto]” ha affermato Casey Smith, CMO di Linode – provider specializzato in questo segmento di mercato.

Gli utenti più esperti e/o che necessitano di maggiore libertà continueranno naturalmente a rivolgersi a provider come Linode, Digital Ocean ed altri ma a seguito della mossa di AWS ci saranno inevitabili “ripercussioni” nel settore.

 

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

  1. Riccardo says

    Non è niente di così rivoluzionario, sono più o meno i prezzi che OVH offre da anni con caratteristiche tecniche analoghe.

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *