AWS Marketplace è una piattaforma da 1 miliardo di dollari

La piattaforma AWS sembra riscuotere un buon successo per via delle interessanti funzionalità messe a disposizione dei clienti

Quando si parla di AWS è abbastanza facile lasciarsi prendere dall’entusiasmo ed esaltare gli importanti numeri “macinati” dalla divisione di servizi cloud ed affini di Amazon. Amazon MarketplaceCloudTech (forse lasciandosi prendere la mano?) ha descritto il Marketplace come un elemento destinato a cambiare l’industria del software online. E’ realmente così?

AWS Marketplace (recentemente approdato nella region di Francoforte) era stato lanciato nella prima metà del 2012 con lo scopo di fornire, al vasto bacino di utenza, uno sorta di “motore di ricerca del software” compatibile con AWS, pronto all’acquisto ed al deploy.

A distanza di tre anni, l’intuizione di uno delle aziende leader del mercato sembra rivelarsi vincente. La piattaforma, riporta il sito CloudTech, muove un un giro d’affari prossimo al miliardo di dollari. Tra i motivi che hanno contribuito al successo della formula figura il netto cambio di rotta rispetto ai vecchi standard del settore: nessuna necessità di eseguire lunghe ed impegnative sessioni di setup del software, nessuna installazione richiesta o hardware dedicato per il funzionamento corretto delle applicazioni.

Funzionalità come Amazon Machine Image (AMI) semplificano la vita degli acquirenti consentendo ai software vendor di rendere disponibili immagini EC2 già ottimizzate per l’esecuzione delle applicazioni. In caso di deploy più complessi, i vendor possono affidarsi a CloudFormation, una raccolta di template, parametri vari etc. che si rivelano particolarmente utili.

Interessante ricordare la presenza della formula “try and buy”: AWS Test Drive consente infatti di provare senza alcun impegno e gratuitamente le soluzioni presenti online, sbrogliando il groviglio burocratico rappresentato dagli accordi e dalla gestione delle licenze del periodo “pre-cloud”.

Amazon ha infine spalancato le porte a vari Consulting Partners: il nutrito numero di prodotti presenti nel portale, ad oggi circa 2200, può facilmente disorientare i potenziali acquirenti; appositi advisor hanno allora lo scopo di guidare il cliente o l’azienda di turno, come si è soliti dire, verso la scelta più adatta alle proprie esigenze di business.

Senza sbilanciarsi, è comunque possibile affermare che le premesse per un’ulteriore crescita ed ampliamento di Marketplace vi sono tutte.

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *