VMware ed AWS studiano un software per i data center?

AWS e VMware starebbero studiando un nuovo software per i data center. Google resta l'unica vera sostenitrice del cloud pubblico?

AWS e VMware collaborano ormai da diversi mesi. Una partnership impensabile fino a qualche anno fa

Dell’idea che i principali cloud provider si erano fatti sul futuro dei data center proprietari si era parlato alcuni mesi fa, in sintesi: Google è un convinto sostenitore della visione public cloud only. Microsoft promuove, in linea con i propri interessi, una visione ibrida. AWS, in un primo momento collocato dalla stessa parte di Mountain View, si è tuttavia rivelato più vicino alle idee promosse da Nadella, l’artefice della virata cloud ed open source in quel di Redmond. A confermare l’interesse di AWS per il cloud ibrido non solo la partnership, alla quale nessuno avrebbe pensato qualche anno fa, con VMware ma anche l’accordo strategico con Red Hat. 

A rivelare dettagli, non confermati dai diretti interessati, sulla successiva fase della collaborazione tra Amazon e la compagnia di vSphere ci ha pensato in questi giorni il portale The Information che titola: “Next Phase of AWS-VMware Venture Could Be Data Center Software”. 

Ma di cosa si parla esattamente? Sono solo speculazioni o c’è qualcosa di concreto?

La soluzione sta nel mezzo

Le grandi compagnie non vogliono assolutamente migrare tutti i propri workload nel cloud, procedura onerosa o non possibile per via di determinate regolamentazioni (es: GDPR) o tipologie di workload delicate come i big data – osservano gli analisti. Il cloud è visto tuttavia come un utile strumento di supporto al quale ricorrere per la gestione di altri workload.

Dall’esclusiva indiscrezione di The Information si riescono a dedurre pochi dati: il prodotto in fase di studio sarebbe destinato ad essere eseguito nei data center dei clienti e dovrebbe fungere da “ponte” tra gli ambienti on premise ed il cloud AWS. Tra le altre funzionalità menzionate dalla fonte anonima anche la possibilità di spostare le applicazioni tra i vari ambienti cloud e procedere al recupero dei dati in caso di eventi critici (quindi anche una soluzione di disaster recovery).

Prendendo per attendibili i rumor divulgati, AWS starebbe in un certo senso seguendo le orme di Microsoft che, a Settembre 2017, lancerà infine Azure Stack – la variante on premise di Azure utilizzabile però solo su sistemi venduti dai partner autorizzati da Microsoft.

“E’ il segnale che AWS [desidera appropriarsi dei workload on premise]. L’annuncio originale era che che VMware avrebbe gestito le instanze AWS VMware. Ora [si stanno orientando probabilmente verso il modello self service. Se fosse realmente così, sarebbe una buona cosa per i CIO in quanto avranno più opzioni di deploy per le immagini VMware” ha commentato l’analista e vicepresidente di Constellation Research.

Fonte: 1

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *