Chip a 7 nanometri, l’annuncio di IBM

IBM raccoglie i frutti degli investimenti nel campo dei semiconduttori e realizza il primo chip test funzionante a 7 nanometri

IBM chip 7nm

 

Secondo la Legge di Moore, teorizzata da Gordon Moore (cofondatore Intel) negli anni ’50, il numero di transistor impiegati per la realizzazione di un processore e la potenza computazionale derivante sono destinati a raddoppiare ogni 18 mesi circa.

L’intuizione di Moore si rivelerà profetica tanto da rimanere più o meno valida fino ad oggi, nonostante l’incessante scorrere del tempo. La corsa a processi produttivi più avanzati (attualmente a 14 nanometri – nm), con conseguente miniaturizzazione dei transistor, non procede tuttavia celermente come in passato: le attuali tecnologie e i materiali a disposizione hanno infatti iniziato a mostrare i propri limiti e i costi per trovare soluzioni adatte a sostenere lo sviluppo e la commercializzazione dei prossimi chip sono sempre più elevati.

A fronte delle difficoltà elencate, IBM ha ufficializzato la costruzione del primo chip di prova funzionante realizzato mediante processi produttivi a 7nm. L’importante traguardo è stato raggiunto grazie alla collaborazione con Samsung e Global Foundries. La realizzazione del chip ha richiesto l’impiego di 10 tecnologie all’avanguardia ancora in fase di sperimentazione, i nomi citati dalla stampa specializzata sono sostanzialmente due: il composto chimico silicio-germanio (SiGe) e la tecnica di litografia extreme ultra violet (EUV).

Secondo quanto dichiarato da Mushen Khare (vice presidente delle tecnologie per i semiconduttori presso IBM Research), il chip prototipo ha tenuto impegnati ingegneri e ricercatori per quasi cinque anni e rappresenta un grande passo in avanti per il settore: rispetto ai 14nm (a breve sul mercato con la famiglia di processori Intel Skylake), il rapporto consumi energetici / prestazioni migliora del 40-50%; rispetto alla sperimentale generazione a 10nm, il “balzo” è quantificabile nel medesimo ordine di grandezza.

L’arrivo di prodotti consumer a 7nm non avverrà in ogni caso prima del 2020 (nella migliore delle ipotesi), anno dal quale alcune proiezioni vedono possibile “il pensionamento” definitivo della longeva Legge di Moore.

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *