Cloud: le competenze richieste dalle aziende

L'affermazione del cloud computing e la penuria di figure lavorative specializzate aumenta la richiesta di determinate competenze da parte delle aziende

Cloud Computing

Una settimana fa abbiamo parlato di figure lavorative legate alla piattaforma cloud Microsoft, Azure. La lista delle posizioni maggiormente retribuite a livello globale ci ha offerto una parziale panoramica. Nell’articolo di oggi ampliamo lo sguardo all’intero mercato del lavoro nel cloud computing, elencando le competenze che possono attirare maggiormente l’attenzione delle aziende in cerca di personale specializzato – mai abbastanza come visto in precedenza.

Migrazione nel cloud

Il numero di imprese che si affida al cloud è in costante aumento: in base alle esigenze di business ed al numero di dipendenti, un’azienda può optare per soluzioni ibride o pubbliche. Indipendentemente dalla scelta dei vertici aziendali, sono particolarmente apprezzate figure professionali in grado di supervisionare le procedure di migrazione programmando i vari passaggi e garantendo la sicurezza generale delle operazioni.

I potenziali candidati dovranno dimostrare di possedere una conoscenza approfondita della piattaforma cloud computing di destinazione, investire formazione è quindi fondamentale – per AWS viene indicato il Certified Solutions Architect – Associate mentre per Azure la certificazione Specialist: Implementing Microsoft Azure Infrastructure Solutions.

Sicurezza/sviluppo delle applicazioni

A fronte dei costanti report e studi di settore inerenti problematiche di sicurezza nel cloud, un non trascurabile numero di applicazioni continua a non essere conforme agli standard che dovrebbero adottare le aziende: Netskope, in riferimento all’Europa, afferma che oltre il 90% delle applicazioni non è enterprise ready (conclusione di uno studio che ha analizzato 777 app cloud).

A questo si affianca la deadline del 2018, ovvero quando l’EU General Data Protection Regulation (GDPR) entrerà ufficialmente in vigore nell’UE. La tutela dei dati sensibili starà particolarmente a cuore delle imprese, anche per via delle multe salate previste dalla normativa. Considerando infine che solo il 2% delle applicazioni è attualmente pronta per la GDRP, è evidente come competenze inerenti la sicurezza delle applicazioni offrano molte opportunità lavorative. La certificazione consigliata è la Certified Cloud Security Professional (CCSP).

Con un crescente numero di aziende che scelgono di affidarsi al cloud o sperimentarne i potenziali vantaggi,ne consegue che gli sviluppatori specializzati nello sviluppo e testing di applicazioni nel cloud sono sempre più richiesti. AWS ed Azure offrono adeguati strumenti e supporto.

Database e Big Data

Una percentuale elevata di dati archiviati nei computer di mezzo mondo non viene sfruttata dalle imprese perchè invisibile (dark data) – le organizzazioni sono sprovviste di adeguati metodi di catalogazione ed analisi. Secondo alcuni studi le “informazioni invisibili” costituirebbero almeno l’80% del totale. Puntare su competenze che garantiscano al candidato ottime conoscenze del mondo Big Data e database cloud, soluzioni disponibili presso le principali piattaforme pubbliche (RSD e Simple DB per AWS; SQL Database per Azure) e sempre più utilizzate dalla aziende, è un ottimo modo per valorizzare un curriculum. Non bisogna infine dimenticare l’open source: la piattaroma MongoDB ed Hadoop sono molto popolari quando si parla di database e vasti data set.

Container

Chiudono l’elenco i container, tecnologia che gode ormai di buona fama in ambito enterprise e che si presenta come valida alternativa alla virtualizzazione in determinati casi di utilizzo: il trend dei micro-servizi, legati a doppio filo alle applicazioni cloud, ne è un esempio. E’ bene ricordare che, rispetto alle altre skill della lista, i container sono meno determinanti nella ricerca di una nuova posizione lavorativa anche se, sul medio termine, la loro importanza è destinata sicuramente ad aumentare.

Fonte: 1

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *