Come creare un sito web su un cloud server con ISPConfig

Grazie alle novità introdotte dal cloud computing è sempre più facile occuparsi di hosting. Oggigiorno possiamo avviare una nuova istanza di un cloud server in pochi minuti, installare le applicazioni che ci servono e mettere in piedi una piattaforma di hosting completa e professioanle.

Grazie alle novità introdotte dal cloud computing è sempre più facile occuparsi di hosting. Oggigiorno possiamo avviare una nuova istanza di un cloud server in pochi minuti, installare le applicazioni che ci servono e mettere in piedi una piattaforma di hosting completa e professioanle. Tutto questo beneficiando dei vantaggi del cloud computing, che consentono sistemi scalabili, flessibili, con un’architettura distribuita sul Web. Proviamo a toccare con mano alcune delle soluzioni presenti sul mercato. Uno dei provider più interessanti al momento è Hosting Solutions, che offre una piattaforma di cloud computing moderna e innovativa, caratterizzata dalla modalità Pay Per Use: quando creiamo una nuova istanza di un cloud server paghiamo solamente i minuti effettivi di utilizzo. Ciò permette di effettuare prove,  aggiungere macchine virtuali o semplicemente valutare la qualità della piattaforma senza dover investire a lungo termine.

Per fare qualche prova concreta possiamo collegarci alla piattaforma di Hosting Solutions e creare una nuova istanza, cioè un nuovo cloud server. Qui potremo scegliere tra diverse macchine e profili: nel nostro caso abbiamo effettuato un test usando un sistema Linux Debian Squeeze, sul quale abbiamo installato ISPConfig. Come profilo abbiamo scelto una macchina Silver,  caratterizzata da 1 Core CPU, 2 GB RAM e 10 GB di spazio su disco. Pur trattandosi del profilo più economico le caratteristiche della macchina sono più che sufficienti per installare ISPConfig con tutte le applicazioni necessarie.

Dopo aver installato ISPConfig saremo in grado di gestire il server direttamente dall’interfaccia del browser, collegandoci ad un indirizzo di questo tipo

dove chiaramente al posto dell’indirizzo IP 1.2.3.4 dovremo inserire quello della nostra macchina, che possiamo recuperare dal pannello di controllo del cloud server

website-01

L’indirizzo che ci interessa è quello pubblico, ovvero quello raggiungibile da qualunque rete.

A questo punto apriamo il browser e raggiungiamo la pagina iniziale di ISPConfig, dove ci autentichiamo

website-02

Record DNS

La prima cosa da fare, per aggiungere un nuovo sito tramite ISPConfig, consiste nel configurare i records DNS. Questo è necessario affinché il sito possa essere raggiunto usando il proprio hostname: senza questa configurazione gli utenti dovrebbero inserire gli indirizzi IP del server per raggiungere il sito, ma rischierebbero di non essere risolti lato server, perché mancherebbe la richiesta dell’host nell’header HTTP. Configurando il servizio DNS permettiamo a qualunque utente di arrivare sul sito semplicemente scrivendo il nome del dominio nel browser.

Per creare i records DNS ci spostiamo nell’omonima sezione dell’interfaccia di amministrazione.

website-03

Qui clicchiamo sul pulsante “Add new DNS zone with Wizard”: in questo modo procederemo con la creazione di record DNS con l’aiuto del wizard di configurazione di ISPConfig, che permette di raggiungere l’obiettivo senza particolari competenze tecniche.

website-04

In wizard ci chiederà di compilare i seguenti campi

website-05

Se stiamo creando il sito per un particolare cliente inseriamo il nominativo nel campo client. Lasciamo in bianco i campi relativi agli indirizzi IP, come in figura, e confermiamo tutte le configurazioni proposte come default. Nel campo Domain inseriamo il nome dell’host che ci interessa.

 

Notiamo la presenza dei due campi NS1 e NS2: qui inseriamo i nominativi dei Name Server fornititi dall’authority dove abbiamo registrato il dominio. Se non sappiamo dove recuperare queste informazioni dobbiamo rivolgersi al provider che si è occupato di registrare il dominio.

 

Dopo aver concluso la configurazione clicchiamo su Salva (pulsante Save) per tornare alla schermata precedente. La nuova zona DNS sarà visibile nell’elenco in basso nella pagina.

website-06

Sito Web

Per attivare un nuovo sito Web di solito è necessario configurare manualmente alcuni files specifici  del Web server. Utilizzando ISPConfig questo diventa molto più semplice, perché possiamo ottenere lo stesso risultato intervenendo solamente sull’interfaccia di amministrazione di ISPConfig, la quale si occuperà di fare da tramite tra noi e i file di configurazione veri e propri.

Per aggiungere un nuovo sito clicchiamo sulla sezione Sites del  pannello di amministrazione di ISPConfig.

website-07

Dopodiché clicchiamo su “Add new website”

website-08

Si aprirà il pannello che permette di inserire i dati del sito. Anche in questo caso, se il sito è associato ad un particolare cliente, possiamo specificarlo nel campo client. Nel campo Domain inseriamo il nome dell’host, così come lo abbiamo registrato presso il servizio di Domain Registrar, senza farlo procedere dal sottodominio www. Per tutti gli altri campi lasciamo i valori di default, ovvero quelli suggeriti dal wizard. L’unico parametro da cambiare riguarda il campo Auto-Subdomain, che impostiamo sul valore “*”, come in figura. In questo modo tutti i sottodomini (e non solo www) verranno reindirizzati verso il nostro sito.

 website-09

al termine dell’operazione salviamo per tornare alla schermata precedente. Esattamente come nel caso precedente (configurazione DNS), anche adesso potremmo vedere il nuovo sito nell’elenco di quelli configurati sul nostro server

website-10

Non preoccupiamoci se sbagliamo qualche dato o se abbiamo qualche dubbio. Tutte le informazioni che abbiamo inserito, sia per quanto riguarda la configurazione DNS sia i dati del sito, possono essere editati in un secondo tempo tramite l’interfaccia di ISPConfig.

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *