DigitalOcean: disponibile il nuovo servizio Spaces (Object Storage)

DigitalOcean lancia il proprio servizio object storage "Spaces" entrando in un segmento particolarmente delicato e competitivo del mercato.

DigitalOcean Spaces (Object Storage)

Fonte: sito ufficiale del provider.

DigitalOcean ha aggiunto un servizio object storage (Spaces) al proprio portfolio. L’ex startup, particolarmente apprezzata dagli sviluppatori, ha deciso di lanciare il prodotto a seguito dei numerosi feedback ricevuti dai clienti. Negli ultimi 12 mesi, hanno rivelato gli analisti di 451 Research, il segmento object storage è stato interessato da numerose riduzioni di prezzo tanto da candidarsi come “prossimo campo di battaglia della guerra nel cloud”.

DigitalOcean arriva quindi in un settore ostico ma nel quale può sicuramente dire la sua. Tra i tratti distintivi della compagnia la volontà di fornire ai developer soluzioni convenienti ed intuitive pensate per agevolare lo sviluppo dei progetti. Spaces rimane fedele a questa linea di pensiero offrendo un’interfaccia drag and drop e prezzi accessibili (250GB di storage a 5$/mese).

Spaces is the most important product we’ve released since Droplet, the first SSD-based compute instance in the market. DigitalOcean is becoming the developer’s platform, providing storage, compute and networking capabilities to scale applications of any size. Despite the technical complexity of launching a product like this, we’ve worked incredibly hard to ensure Spaces maintains the same ease-of-use and effortless UI as our other products. We wanted to simplify the way developers can innovate so they can spend time building great software

ha affermato il CEO Ben Uretsky.

Tra i casi di utilizzo più comuni del servizio l’host di web asset, backup, file multimediali vari ed immagini di generose dimensioni.

One of the things you end up finding, particularly as these applications grow or you want them to do different, more sophisticated things is that you begin to have more of a need for static object storage that could be for media files, it could be for logs, it could be for any number of things that you end up wanting to do

ha commentato un analista interpellato dal portale The Whir.

Per chi volesse testare Spaces, DigitalOcean consente di provarlo gratuitamente per due mesi (versione di prova).

Fonte: 1

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *