FASTER: termina il cablaggio USA – Giappone

Il progetto FASTER collegherà le due importanti region con un sistema di "cavi oceanici" in grado di trasferire dati fino a 60TB/s

Faster ed altri sistemi di cablaggio

A circa due anni dall’avvio dei lavori è stato ultimato il sistema di cablaggio ad alta velocità tra la costa occidedentale degli USA ed il Giappone . Il progetto ha avuto un costo prossimo ai 300 milioni di dollari e garantirà velocità di trasferimento pari a 60TB/s. Per quanto riguarda i fondi impiegati, l’opera è stata supportata da un variegato consorzio di finanziatori: Google, China Mobile International, China Telecom Global, Global Transit, Singtel, KDDI per citarne alcuni.

La presenza di  Singtel e varie telco cinesi conferma l’importanza e la dinamicità del settore in Asia: Singtel (da segnalare anche la partnership con Aliyun) è il principale data center provider di Singapore, una delle porte di accesso alla Cina ed all’intera region asiatica privilegiate da cloud provider ed affini. China Mobile è il provider telefonico più grande del mondo che opera tra l’entroterra cinese, Hong Kong ed il Pakistan.

Secondo quanto dichiarato da un rappresentante di Mountain View, i primi dati inizieranno ad attraversare l’oceano a partire dal prossimo giovedì (7 Luglio 2016). I punti strategici di partenza/arrivo (landing stations) tra le due coste sono Bandon (Oregon) negli USA; Chikura e Shima in Giappone; Taishui a Taiwan. Ciascuno di essi sarà collegato direttamente ad uno o più data center (in USA sono coinvolte ad esempio le infrastrutture di Telx ed Equinix) incaricati di reindirizzare successivamente il flusso dati alle rispettive region. 

Mountain View non è comunque l’unica ad essere interessata al potenziamento dei sistemi di cablaggio a livello globale perchè anche AWS e Microsoft, da qui al 2018, contribuiranno al finanziamento ed al lancio dei progetti MAREA ed Hawaiki, nell’ordine:

  • MAREA, al quale partecipa tra l’altro anche Facebook, sarà ultimato nel 2017 (Ottobre) e collegherà Virginia Beach (Virginia) a Bilbao (Spagna).
  • Hawaiki è atteso per il 2018 (Giugno) ed incrementerà la banda totale passante tra USA, Nuova Zelanda ed Australia. AWS sarà uno dei principali “clienti” del sistema di cablaggio.

La costante crescita del traffico a livello globale, guidata soprattutto dal cloud e fotografata più volte da vari studi, sembra qundi sortire positivi effetti sull’economia del settore che, nei prossimi anni, sarà particolarmente impegnata nei mari di “tutto il globo”.

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *