Vai al contenuto


Foto
- - - - -

[Mail] Esperienza pessima e migrazione

Mail

  • Per cortesia connettiti per rispondere
7 risposte a questa discussione

#1 alfaalex

alfaalex

    Webbologo

  • Members
  • 230 messaggi

Inviato 02 March 2018 - 05:27 PM

Sto avendo una pessima esperienza con un fornitore italiano (inizia per K), il quale mi fornisce un servizio di posta managed. Molti clienti si lamentano del fatto che alcune loro mail finiscano in spam, ed effettivamente, per determinati provider, prevalentemente della piattaforma di Libero, finisce tutto in junk. Molti loro IP sono listati da SORBS ma non vengono rimossi. Che io sappia richiedendo la rimozione via ticket dal pannello di SORBS avviene in 24/48h, ma a detta loro è impossibile farlo.

 

Sto quindi cercando un servizio di posta managed entry/medium level (quindi no GSuite o Office 365) che mi dia il servizio base e storage personalizzabile, quindi niente ammennicoli di contorno.

 

Il costo a casella dovrebbe essere intorno ai 10€ all'anno, od ancora meglio, costo a spazio occupato.

 

 

Grazie!

 



#2 DonChisciotte

DonChisciotte

    Webhosting Guru

  • Members
  • 1646 messaggi
  • LocationNapoli

Inviato 12 March 2018 - 12:59 PM

Prova a dare un'occhiata a QBoxMail, non ha storage personalizzabile, ma il piano più economico (1 euro/mese per casella) ha 8Gb di storage: https://www.qboxmail.it/

 

ciao


cavalier senza paura di una solitaria guerra..

#3 VonT

VonT

    Appassionato

  • Members
  • 439 messaggi

Inviato 16 March 2018 - 07:01 PM

Non voglio difendere nessuno, però confermo che il delisting da SORBS non sempre va liscio, e può trasformarsi in un incubo...



#4 alfaalex

alfaalex

    Webbologo

  • Members
  • 230 messaggi

Inviato 19 March 2018 - 09:39 AM

Prova a dare un'occhiata a QBoxMail, non ha storage personalizzabile, ma il piano più economico (1 euro/mese per casella) ha 8Gb di storage: https://www.qboxmail.it/

 

ciao

Grazie, ne hai esperienza diretta?



#5 alfaalex

alfaalex

    Webbologo

  • Members
  • 230 messaggi

Inviato 19 March 2018 - 09:40 AM

Non voglio difendere nessuno, però confermo che il delisting da SORBS non sempre va liscio, e può trasformarsi in un incubo...

Non lo metto in dubbio, dipende dalla storia del singolo IP, ma se non ci riesci o finché non ci riesci è prassi buona e giusta rimuoverlo dal pool di indirizzi e riaggiungerlo se e quando sarà pulito.



#6 Shazan

Shazan

    Provider

  • Members
  • 1984 messaggi

Inviato 19 March 2018 - 09:53 AM

Non lo metto in dubbio, dipende dalla storia del singolo IP, ma se non ci riesci o finché non ci riesci è prassi buona e giusta rimuoverlo dal pool di indirizzi e riaggiungerlo se e quando sarà pulito.

Ma anche no, nel caso di SORBS. Proprio perché la rimozione è praticamente casuale, la rende una blacklist altamente inaffidabile e, di conseguenza, ormai quasi per niente usata.

 

Dubito che le email in questione finiscano in SPAM per via del listing su SORBS.


Hosting, server dedicati, registrazione domini, cloud, VPS
https://www.noamweb.com


#7 alfaalex

alfaalex

    Webbologo

  • Members
  • 230 messaggi

Inviato 19 March 2018 - 11:06 AM

Ma anche no, nel caso di SORBS. Proprio perché la rimozione è praticamente casuale, la rende una blacklist altamente inaffidabile e, di conseguenza, ormai quasi per niente usata.

 

Dubito che le email in questione finiscano in SPAM per via del listing su SORBS.

Concordo che SORBS sia poco affidabile, ma comunque il problema rimane, la posta va in spam. Detto ciò andandomi a spulciare il record SPF mi son fatto una lista di server puliti ed utilizzando quelli la posta viene regolarmente consegnata, perdo la crittografia, ma perlomeno funziona.



#8 VonT

VonT

    Appassionato

  • Members
  • 439 messaggi

Inviato 06 April 2018 - 07:13 AM

Concordo che SORBS sia poco affidabile, ma comunque il problema rimane, la posta va in spam.

 

Chiariamo: se il destinatario di un messaggio non lo riceve perché si affida ad un antispam livello Papersera, il problema è del destinatario, e non del mittente.

E quindi è il destinatario che deve risolverlo, non il mittente.

Dobbiamo smetterla con la tendenza a considerare per forza responsabilità del mittente il fatto di finire in spam: è il server (o il client) del destinatario a decidere cosa sia spam o meno, ed i falsi positivi quindi sono piena responsabilità del destinatario.







0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi