Google Cloud Platform: nuova region in Germania

La piattaforma cloud Google lancia una nuova region in Germania abbassando le latenze dei paesi dell'Europa meridionale e dell'est.

Il blog ufficiale della compagnia ha annunciato stamattina la disponibilità di una nuova region in Europa, si tratta della europe-west3 (Germania, Francoforte) che va affiancarsi alle già presenti region del Belgio (europe-west1) e del Regno Unito (europe-west2, Londra).

In base alle dichiarazioni rilasciate, il lancio della nuova region consentirà di ridurre fino al 50% i tempi di latenza (rispetto alla region belga) dei clienti attivi e potenziali in Austria, Svizzera (ed Italia ipotizziamo, anche se non citata nel post), Europa dell’est.

Dando uno sguardo alla tabella riassuntiva dedicata ai servizi Google utilizzabili nella region, si nota un portfolio pari alla region londinese ma inferiore a quella belga che resta l’unica in cui sono disponibili Cloud Bigtable, Cloud Spanner e Machine Learning Engine:

Google Cloud Platform: i servizi disponibili nella nuova region della Germania

Tutti i servizi presenti nella nuova region della Germania. I servizi più recenti non sono ancora sbarcati in Europa (es: Cloud Functions). Fonte: sito ufficiale.

Tappa obbligatoria

Il post ha anche menzionato alcune delle importanti aziende (con relative dichiarazioni di CEO ed affini) che inizieranno ad utilizzare da subito la region come Rewe Digital, Kärcher, Meisterlabs.

Francoforte e più in generale la Germania si riconferma quindi una tappa obbligatoria per i cloud provider e le aziende che vogliono consolidare la propria presenza in Europa – AWS e DigitalOcean sono arrivate ad esempio nel 2014 e nel 2015 (accordo con Equinix).

E in Italia vedremo mai la region di uno dei “grandi” cloud provider? Nel Dicembre 2016 erano state rilanciate alcune indiscrezioni circa una presunta trattativa tra AWS ed Enel per l’acquisto di centrali dismesse e la loro riconversione in data center. Da allora non sono tuttavia emerse nuove informazioni o dichiarazioni ufficiali.

Fonte: 1

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *