Google espande i servizi cloud machine learning

Mountain View accelera sul machine learning affinando le API Cloud Vision, Translation, Natural Language e lanciando nuovi strumenti e servizi

 

GoogleGoogle ha presentato nella giornata di ieri nuovi strumenti e servizi per la gamma di soluzioni cloud machine learning, ampliando al contempo la propria offerta con inedite soluzioni e migliorando le funzionalità dei prodotti già disponibili sul mercato e in fase di testing.

Come anticipato da alcuni esperti del settore e confermato con i fatti dalla stessa Google (ad esempio durante il GPC Next 2016), il machine learning (ML) sembra essere la nuova scommessa della compagnia che intende differenziarsi dalla concorrenza e dominare la prossima generazione del cloud – teoricamente quella delle IA, dell’analisi dati e del ML. La creazione della “divisione” Cloud Machine Learning  dedicata esclusivamente a soluzioni enterprise è un altro importante segnale: il reparto sarà affidato a Fei-Fei Li (ex direttrice dello Stanford AI Lab) e Jia Li (ex responsabile settore ricerca presso Snapchat).

API vecchie e nuove

Per quanto riguarda le API, iniziamo da quelle già note al grande pubblico come Cloud Vision. Le funzioni di riconoscimento del servizio, stando a quanto dichiarato, sono state potenziate e nel database di elementi noti a Cloud Vision figurano nuove entità (entitities) come punti di riferimento (es: il Colosseo o la Torre Eiffel) e loghi. Il prezzo di listino cala infine dell’80% grazie all’impiego di chip custom (Tensor Processing Unit, simili ai chip riprogrammabili utilizzati da Microsoft ed altre compagnie) pensati per l’esecuzione delle task che consentono l’erogazione del servizio ed offrire miglior efficienza/prestazioni.

L’API Cloud Natural Language abbandona invece la fase di beta testing e raggiunge la disponibilità generale. Il servizio offrirà un’analisi della più precisa della sintassi  e dei “sentimenti” – l’API è specializzata nella comprensione ed interpretazione del linguaggio umano.

Cloud Translation beneficia invece delle capacità del Google Neural Machine Translation System, un sistema che appoggiandosi ai chip custom e ad avanzate tecniche di apprendimento consente di ridurre ulteriormente la percentuale di errori di traduzione (fino all’85% in meno) da una lingua all’altra. Tutto questo sarà disponibile solo per la variante “premium” dell’API che al momento supporta 8 lingue (inglese, tedesco, francese, spagnolo, giapponese, coreano, turco, cinese).

Google Neural Machine Translation system migliora le traduzioni del servizio cloud machine learning Translation

Nel grafico viene mostrato il livello di accuratezza raggiunto dal sistema neurale elaborato da Google che, in certi casi, si avvicina a quelli di un essere umano

Cloud Jobs è invece una nuova API destinata al mercato del lavoro, nello specifico all’individuazione delle posizioni più consone al profilo di un potenziale candidato. L’API è ancora in fase alpha ma è stata già messa alla prova su noti portali statunitensi come Dice.com e CareerBuilder : quest’ultimo è riuscito a creare un promettente servizio prototipo in circa 48 ore e conta di estenderne l’utilizzo ai propri clienti nell’immediato futuro. Le funzionalità dell’API restano per il momento confinate ai solo Stati Uniti ed al Canada.

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *