Google presenta Accelerated Mobile Pages Project

Il progetto open source si basa su una serie di tecnologie esistenti e mira a velocizzare il caricamento delle pagine su dispositivi mobile

Google AMP Project

L’ultima iniziativa di Mountain View si chiama Accelerated Mobile Pages Project e punta sostanzialmente a rendere immediato il caricamento delle pagine su dispositivi mobile. Il nome del framework è per l’esattezza AMP HTML e aspira divenire uno degli standard principali della Rete. Dopo la modifica dell’algoritmo in chiave mobile friendly, Google torna quindi ad occuparsi di questioni inerenti il medesimo ambito – molti diranno “prevedibilmente” pensando ad Android.

Il progetto open source, del quale è possibile iniziare a consultare alcuni documenti su GitHub, può già contare su una schiera di importanti supporter: WordPress.com, LinkedIn, Twitter, Pinterest, Chartbeat, Parse.ly, Adobe Analytics hanno dato il loro assenso per l’implementazione, sul medio termine, di AMP HTML nelle rispettive piattaforme.

Il framework promette di velocizzare i caricamenti eliminando alcuni degli aspetti più complessi da gestire con HTML, JavaScript e CSS: la soluzione sembra essere quella di ricorrere ad elementi personalizzati (custom elements) che assumeranno quindi un ruolo centrale in fase di programmazione.

Le eterogenee forme che la Rete può assumere (piattaforma e-commerce o di applicazioni o di contenuti tanto per citare alcuni esempi menzionati da Malte UblProject Tech Lead) hanno tuttavia convinto Google a puntare unicamente su un’area ben circoscritta, quella dei contenuti statici, “poichè si presta ad approcci di ottimizzazione più radicali ma allo stesso tempo più semplici da implementare” ha aggiunto Ubl.

Google si offrirà naturalmente di ospitare, senza alcun costo a carico dei publisher, la cache dei vari contenuti pubblicati anche per velocizzarne la fruibilità in Rete – ma soprattutto per rendere più appetibile il proprio standard rispetto ad alternative come Facebook Instant Articles ed Apple News.

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *