HTML5 sarà la scelta di default su Chrome

Flash continua ad essere oggetto delle "attenzioni" di Google che prevede sul medio termine di sostituirlo definitivamente con HTML5

HTML5

Google sembra intenzionata a non arrestare il processo di dismissione dell’amato/odiato plugin Flash, il cui futuro risulta per la verità già compromesso da qualche tempo – l’abbandono del nome “Flash”, prima annunciato e poi confermato, per la suite di strumenti online Adobe è un segnale inequivocabile.

Secondo quanto emerso in questi giorni, a partire dall’ultimo trimestre del 2016 Mountain View imposterà di default sul popolare browser Chrome (che attualmente detiene in solitaria oltre la metà delle quote di mercato) l’impiego di HTML5 : ciò significa, in base alle informazioni disponibili, che i contenuti flash embedded non saranno più avviati; ed eventuali tentativi via JavaScript di rivelare il plugin non andranno a buon fine. Nel caso in cui sia un sito a richiedere espressamente l’impiego del software Adobe, Chrome chiederà all’utente se attivarlo o meno.

Una whitelist per Flash

I portali di un certo rilievo, come lecito aspettarsi, non saranno coinvolti almeno in un primo momento dalla politica restrittiva di Google: i domini della “top10 Flash” – Amazon, Facebook, Twitch (che sta testando una versione della piattaforma in HTML5) solo per citarne alcuni – non vedranno quindi bloccato il caricamento del plugin. La whitelist è in ogni caso considerata dalla stessa Mountain View come un soluzione temporanea e dalla quale “i partecipanti” dovranno cercare di sfilarsi il prima possibile – il tempo di permanenza massimo nella lista delle esclusioni dovrebbe essere di un anno.

A fronte di quanto detto, sebbene posto ai margini e/o “rinnegato” da più parti (aziende, sviluppatori, designer e via dicendo), Flash continuerà in ogni caso ad essere presente nel futuro dei browser, almeno fino a quando contenuti complessi (come ad esempio i flash games) ed affini non saranno perfettamente replicabili in HTML5.

 

 

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *