IBM saluta Softlayer, i servizi cloud cambiano nome

Riorganizzazione dell'offerta IaaS per IBM che dopo tre anni abbandona il brand "Softlayer". Il portfolio servizi cloud sarà ora noto come Bluemix.

IBM Bluemix assorbe i servizi Softlayer

 

Nel 2013 IBM acquisiva per 2 miliardi di dollari Softlayerrafforzando la posizione dell’intera compagnia nel competitivo mercato del cloud. Ai tempi AWS era uno dei punti di riferimento del settore ma non aveva ancora “premuto” l’acceleratore come nel biennio appena trascorso – da 8 fino a 10 miliardi previsti per fine 2016. IBM investì una cifra importante: oltre ai 2mld per Softlayer, 1mld per Watson (la piattaforma di analisi dati, ad oggi la scommessa sembra aver pagato in quanto Watson è uno dei più noti ed apprezzati in ambito enterprise) ed un altro miliardo per supportare lo sviluppo di applicazioni cloud nella propria infrastruttura.

“Oggi siamo entusiasti di condividere [con voi] il prossimo grande passo di Softlayer come parte del porfolio cloud IBM: Bluemix [legato fino ad oggi alle soluzioni PaaS IBM, ndr] sta integrando i prodotti e servizi Softlayer nel proprio catalogo” ha annunciato l’azienda alcuni giorni fa. IBM ha voluto rassicurare naturalmente i clienti di vecchia data specificando che non saranno apportati ulteriori cambiamenti oltre al rebrand menzionato: “[Softlayer resterà così come è costituendo una delle pietre fondanti dell’ampio catalogo Bluemix che verrà]”.

Dal portale fino agli altri siti collegati allo storico brand, tutto sarà sostanzialmente come prima a parte alcuni link diretti a soluzioni Bluemix – nome e logo che con il passare del tempo andranno in ogni caso a sostituire completamente il vecchio “Softlayer”. IBM introduce anche l’IBM ID, un account grazie al quale sarà possibile, da un’unica interfacciia, ordinare e gestire servizi, infrastrutture ed applicazioni. A tal proposito tutti i clienti Softlayer riceveranno un bonus di 200$ da spendere nel catalogo Bluemix.

Da Softlayer a Bluemix: cosa ne pensano gli analisti

Secondo IDC, IBM punta chiaramente ad unificare nel cloud l’esperienza da developer ed operator: “Softlayer è il brand che hanno acquisito, ma il brand Bluemix ha molto più [appeal presso la comunità di sviluppatori]. Da ora in avanti investire e concentrare  il capitale in un singolo brand ha senso”. Presentare inoltre soluzioni IaaS e PaaS sotto un unico brand ha lo scopo di rafforzare l’immagine di IBM d’innanzi a competitor come AWS e Microsoft.

La pensa invece diversamente Constellation Research: sebbene il lavoro di semplificazione attuato da IBM potrebbe rivelarsi utile contro AWS e soddisfare alcuni clienti, la strategia potrebbe rivelarsi meno indovinata di quanto sembri. IaaS e PaaS rappresentano due ecosistemi ben distinti e diverse aziende enterprise apprezzano tale separazione: “Si, certe aziende desiderano e necessitano di entrambi per realizzare applicazioni […], ma altre potrebbe avere bisogno solo [dei servizi IaaS] per cambiare data center e non avere alcun interesse [nei servizi PaaS]” ha affermato l’analista.

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *