InfiniBand: 200Gbps nel 2017

Mellanox annuncia l'arrivo di prodotti InfiniBand in grado di raggiungere un'ampiezza di banda pari a 200Gbps, l'ideale per sistemi HPC e machine learning

InfiniBandInfiniBand è uno standard HPI (High Performance Interconnects) ideato nel 2001. Negli ultimi anni le interconnessioni ad alte prestazioni hanno acquisito sempre più importanza grazie alla diffusione di workload che necessitano di basse latenze ed adeguete ampiezze di banda: applicazioni di livello enterprise, machine learning, applicazioni HPC (High Performance Computing) – queste ultime sono solite svolgere simulazioni che prevedono l’avvicendarsi di numerose iterazioni tra le quali l’intervallo deve essere il più breve possibile.

InfiniBand è riuscito a conquistare un ruolo centrale in alcuni “settori di nicchia” proponendosi come valida alternativa al classico Ethernet (che in generale resta il più diffuso) e tenendo a bada il più recente Omni-Path (lanciato nel 2012 da Intel). A rendere InfiniBand preferibile agli altri competitor, ha rivelato un report OrionX che abbiamo analizzato alcuni mesi fa, la maturità raggiunta dalla tecnologia ed i bassi tempi di latenza – 1 microsecondo rispetto ai 3 di una soluzione Ethernet.

Per quanto riguarda invece l’ampiezza di banda, il “picco” garantito dai tre standard rimane vicino ai 100Gbps, almeno fino al 2017. In base a quanto annunciato ieri da Mellanox Technologies (compagnia isreaeliana che fornisce strumentazione di rete per i data center), saranno infatti presentate soluzioni in grado di raddoppiare tale valore e toccare quindi i 200Gbps. La lineup di prodotti HDR InfiniBand (il nome della variante potenziata dello standard) comprende tutta la strumentazione necessaria per allestire un’interconnessione end-to-end da 200Gbps: 6 adattatori ConnectX, switch Quantum (nel formato 40 porte da 200Gbps), cavi e ricetrasmettitori LinkX. Mellanox supporta naturalmente tutte le principali architetture CPU server: x86, Power ed ARM.

Un prodotto destinato a pochi

Come osserva un’analista, nel 2017 non saranno in molti a testare la veloce HDR InfiniBand: ci si aspetta che circa il 10% degli utilizzatori dello standard a 100Gbps effettuino l’aggiornamento. Il dato tiene conto del basso numero di adattatori e controller InfiniBand spediti a livello globale: l’hardware Ethernet continua ad essere il più diffuso e, seppur in percentuale ancora minore, alcune compagnie hanno scelto di affidarsi ad Omni-Path – che va quindi ad erodere le risicate quote di mercato lasciate disponibili da Ethernet.

InfiniBand è considerabile quindi come un prodotto di nicchia legato a task specifiche, altamente complesse ed attuabili con strumentazione non alla portata di tutti. E’ quindi del tutto normale che rappresenti lo standard dominante in ambito HPC dove oltre 200 sistemi della Top500, la classifica dei supercomputer aggiornata 2 volte all’anno che vede la Cina in testa da ormai due anni, hanno scelto di impiegarlo.

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *