Media Temple: 100.000 dollari di risarcimenti per 38 ore di downtime

Cattivo inizio del mese per la compagnia di Los Angeles Media Temple, un nome conosciuto sul web, e hosting provider anche di importanti nomi come TechCrunch. Lo scorso Sabato un cluster della compagnia, per la precisione il cluster numero 2, e andato offline per via di problemi legati al sistema di storage, una serie di corruzioni a livello di file system ha infatti impedito al sistema di tornare online dopo il primo intervento dei tecnici.

Cattivo inizio del mese per la compagnia di Los Angeles Media Temple, un nome conosciuto sul web, e hosting provider anche di importanti nomi come TechCrunch. Lo scorso Sabato un cluster della compagnia, per la precisione il cluster numero 2, è andato offline per via di problemi legati al sistema di storage, una serie di corruzioni a livello di file system ha infatti impedito al sistema di tornare online dopo il primo intervento dei tecnici. 

Il tutto ha costretto i tecnici a verificare l’integrità di 2.9 Terabytes di dati, per un totale di oltre 80 milioni di file da verificare, il che ha richiesto più di 30 ore di lavoro, arrivando a ben 38 ore di downtime per alcuni clienti del servizio GridHosting, il più venduto dalla compagnia. 

Anche la mancanza di sufficiente comunicazione è stato un problema non da poco durante l’accaduto, la compagnia è stata inondata di messaggi su Twitter e alcuni blog di supporto sono stati messi online velocemente per rispondere alle prime domande. La compagnia si trova ora a risarcire oltre 3000 clienti per il downtime subito, per un totale che dovrebbe superare i 100.000 dollari, da notare come il downtime abbia coinvolto all’incirca il 2% dei clienti totali della compagnia. 

Il comunicato ufficiale è presente sul blog della compagnia

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *