Microsoft entra nella Cloud Foundry Foundation

Redmond porta avanti la strategia open source inaugurata da Nadella entrando a far parte della Fondazione di Cloud Foundry, nota piattaforma cloud PaaS.

Cloud Foundry

Corey Sunders (Director of Compute Azure) ha annunciato l’ingresso di Microsoft, come gold member, nella Fondazione Cloud Foundry (CF), ente alla base della piattaforma cloud PaaS ideata da VMware e passata poi di mano a Pivotal Software.

La consueta “dichiarazione di rito” sottolinea l’impegno (comunque convinto)  della compagnia di partecipare attivamente ed innovare nell’ecosistema open:

“The partnership with the Cloud Foundry Foundation extends our commitment to deeply collaborate and innovate in the open community. We remain committed to create a diverse and open technology ecosystem, to offer you the freedom to deploy the application solution you want on the cloud platform you prefer”.

Integrazione con Azure

Sunders ha elencato la serie di novità che andranno a migliorare il supporto e l’integrazione di CF nella piattaforma Azure:

  • Cloud Foundry CLI per Azure Cloud Shell. La CLI Cloud Foundry è ora presente di default tra gli strumenti della Cloud Shell Azure.
  • Supporto di Azure Database per i servizi MySQL e PostgreSQL.
  • Azure Cloud Provider Interface (CPI). Strumento che favorisce l’integrazione tra BOSH e l’infrastruttura Azure.
  • Azure Meta Service Broker. Per consentire agli sviluppatori Cloud Foundry di effettuare il provisioning delle applicazioni o per affiancare queste ultime a vari servizi Azure (Azure SQL, Cosmos DB etc.).
  • Visual Studio Team Services plugin.
  • Microsoft Operations Management Suite Log Analytics. Sarà ora possibile raccogliere in OMS log, dati vari inerenti il sistema e le app.

Fonte: 1

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *