MongoDB lancia Atlas, soluzione database as a service

MongoDB amplia la propria offerta presentando Atlas, soluzione database as a service. Ecco alcuni dettagli resi noti dall'azienda.

MongoDB Atlas

Atlas è un servizio dbass (database as a service) lanciato da MongoDB, la compagnia dietro l’omonimo database. L’intenzione dell’azienda è quella di facilitare l’iter degli sviluppatori che, secondo quanto afferma Kelly Stirman (VP of strategy), apprezzano particolarmente il database ma vanno incontro ad alcune difficoltà quando si tratta di effettuare il deploy dell’applicazione in produzione.

Il servizio mette a disposizione un database managed e seguirà un modello di tariffazione “pay as you go”, calcolato quindi sul tempo di utilizzo effettivo da parte del cliente (su base oraria). La piattaforma cloud sulla quale sarà possibile fin da subito effettuare i deploy è Amazon Web Services ma Stirman assicura che Azure e Google Cloud Platform non tarderanno ad arrivare.

Perchè gli utente dovrebbero preferire Atlas a DynamoDB, la proprosta NoSQL di AWS? Stirman risponde a Techcrunch come segue:“la nostra strategia punta chiaramente a renderti indipendente dai cloud provider consentendo di trovare [l’offerta] con i migliori SLA e supporto per la region che preferisci – e potrai continuare ad utilizzare MongoDB anche nel caso in cui passerai ad un altro provider”.

Tra le altre caratteristiche si parla di un servizio in grado di preservare il funzionamento della piattaforma anche in caso di guasti (fault-tolerant) e di provvedere, se possibile, alla risoluzione automatica di eventuali problemi (self-healing). E’ inoltre presente un servizio di monitoraggio e backup dei database, con una particolare attenzione ai dati che sono replicati su varie availability zones. Per quanto riguarda la sicurezza è presente l’immancabile crittografia end to end, in grado di preservare i dati da “sguardi indiscreti”.

Al fine di rendere ancora più competitiva l’offerta, MongoDB ha anche annunciato ufficialmente la compatibilità del database con Apache Spark, un traguardo raggiunto grazie ad una stretta collaborazione con Databriks: sarà quindi possibile impiegare l’analytic processing engine di Spark per interrogare in tempo reale i dati presenti su MongoDB.

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *