Nano Server: uno sguardo all’OS minimal Microsoft

ServerWatch ha effettuato una prima prova su strada della variante minimale di Windows Server 2016, Nano Server. Ecco il resoconto.

Windows Nano Server

Nano Server è stata una delle novità più interessanti (anche se si tratta dell’evoluzione delle versioni Core introdotte da Windows Server 2008 in poi) presentate da Microsoft nel lungo periodo intercorso tra l’annuncio ufficiale e la disponibilità generale dell’OS – lo scorso Ottobre. Gli utenti hanno avuto modo di familiarizzare gradualmente con Windows Server 2016 grazie a 5 technical preview, ognuna delle quali ha aggiunto uno o più tasselli all’ultima fatica Redmond. Il portale ServerWatch ha testato recentemente Nano Server, procedendo alla sua installazione e valutandone alcune caratteristiche. Vediamo nel dettaglio il resoconto della prova su strada.

Trattandosi di una versione minimal, esordisce il tester, non è presente alcuna console interattiva ma solo una console di emergenza con alcune funzioni. E’ possibile aggiungere altre funzionalità (roles) in fase di installazione o successivamente – a processo ultimato. Nano Server supporto i seguenti roles, altri saranno implementati in futuro: ASP.Net, DNS, IIS, Hyper-V, Containers, Clustering and File Services. Viene segnalata inoltre la presenza di una speciale versione della runtime .Net che prende il nome di “.Net Core“.

Procedura di installazione

La pubblicazione di un apposito tool da parte di Microsoft ha facilitato la creazione delle immagini Nano Server – precedentemente possibile solo attraverso alcuni script PowerShell e la creazione di un file virtual hard disk (vhd).

Per effettuare l’installazione su bare metal bisogna procedere alla creazione di un bootable USB disk via Windows Preinstallation Enviroment. Il tutto viene svolto da PC (Win10 versione 1511 o 1607) grazie ad un tool (GUI tool, è richiesta la presenza di Windows Assessment and Deployment Kit nel sistema) che guida l’utente attraverso i vari passaggi tramite un’intuitiva interfaccia grafica. Negli screen successivi catturati da ServerWatch è possibile osservare due schermate del tool:

Nano Server GUI Tool

Selezionando la prima opzione “Create a new Nano Server image” si passa al setup di vari parametri dell’OS, dal nome del computer fino alla password dell’amministratore ed ai pacchetti da includere nel sistema. La seconda opzione trasforma (come funzionamento) l’unità USB in un classico CD/DVD di boot dal quale procedere successivamente all’installazione.

 

Nano Server GUI Tool Deploy

In questa fase occore specificare la macchina di destinazione (fisica o virtuale) e la versione dell’OS che si intende adottare, Standard o Datacenter. Il primo è consigliato per ambienti non virtualizzati o ambienti virtualizzati “non impegnativi”; il secondo per ambienti virtualizzati complessi ed altri casi di utilizzo avanzati (SDN storage e networking).

 

Una volta ultimato il processo di creazione dell’immagine, lo strumento riporta anche la linea di comando PowerShell da utilizzare eventualmente in futuro per eseguire istantaneamente i passaggi precedenti. Le immagini create dal tool supportano le modalità di boot standard e UEFI.

Gestire Nano Server, brevi considerazioni finali

Come osservato in apertura, Nano Server dispone solo di una console di emergenza grazie alla quale è possibile intervenire sulle impostazioni di rete e sul firewall. La gestione avviene invece da PowerShell che, mediante la funzionalità PowerShell Direct, consente di collegarsi direttamente alle VM specificandone il nome – non l’indirizzo di rete. Ecco la linea di comando utilizzata da ServerWatch:

Enter-PSSession -VMName NanoServerDemo

In alternativa Microsoft fornisce altre due soluzioni per la gestione di istanze Nano Server: la prima è cloud based (Server Management Tool) e richiede quindi la creazione di un account Azure; la seconda è l’utilizzo di 5-Nine Hyper-V Manager, un interessante strumento (disponibile anche in versione gratuita) che offre sempre una comoda interfaccia grafica – è stato reso da poco compatibile con Windows Server 2016.

Per l’editorialista Nano Server ha le giuste qualità per proporsi come interessante soluzione in ambienti “pesantemente virtualizzati”: le ridotte dimensioni dell’installazione, i rapidi tempi di avvio e l’approccio modulare (l’OS è modificabile in base alle esigenze) saranno certamente apprezzate dagli admin.

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *