Re:Invent 2016, alcune anticipazioni

Per il consueto Amazon re:Invent 2016 diverse fonti anonime assicurano l'arrivo di annunci riguardanti machine learning, database ed istanze "flessibili"

AWS re:Invent 2016

L’evento si svolge a Las Vegas dal 28 Novembre al 2 Dicembre 2016. I biglietti sono esauriti già da diverse settimane

Lunedì 28 Novembre 2016 inizia l’atteso re:Invent 2016, annuale evento organizzato da Amazon e durante il quale il cloud provider è solito annunciare importanti novità riguardanti la propria piattaforma servizi. Come già accaduto in passato, anche stavolta iniziano a circolare in anticipo rumor ed indiscrezioni sulla scaletta della convention. E’ stato il portale Fortune a pubblicare nella giornata di ieri ed “in esclusiva” (così si afferma nel titolo della news)  delle interessanti anticipazioni, vediamo quali.

Un primo annuncio riguarderà i database con l’arrivo di una versione managed di PostgreSQL. Come spiega sinteticamente lo stesso giornalista, avremo una variante PostgreSQL di Aurora, servizio che rende disponibile agli utenti una “copia” di un database MySQL ospitato nei data center AWS. Secondo Fortune, la strategia punta a conquistare un maggior numero di aziende della Top500 con un database ritenuto teoricamente preferibile a MySQL ed un servizio più vantaggioso rispetto alle alternative Oracle.

La notizia sarebbe stata confermata da diverse fonti (anonime) che hanno partecipato direttamente ai preparativi ma non sono ovviamente autorizzate a rivelare “ufficialmente” alcun dettaglio. Interpellata da Fortune, Amazon non ha rilasciato alcuna dichiarazione in merito  – del resto “bruciare” l’annuncio a pochi giorni dalla convention non avrebbe alcun senso.

Machine learning ed EC2 al re:Invent

Si parla poi di nuovi servizi machine learning, un settore in cui AWS necessita di ampliare e rafforzare la propria offerta perchè “in ritardo rispetto a Microsoft e Google”, dichiari una delle fonti di Fortune. Alexa, l’assistente virtuale alla base di Echo (la colonnina “smart” con la quale è possibile interagire con la voce) e diretto concorrente di Cloud Natural Language e Speech, potrebbe essere coinvolto nell’annuncio con avanzati strumenti machine learning pensati per gli sviluppatori.

Elastice Compute Cloud (EC2) potrebbe infine offrire nuove opzioni di personalizzazione dell’istanza, consentendo di aggiungere o ridurre al volo le risorse in base alle esigenze (numero di core, memoria etc.). Attualmente gli utilizzatori di EC2 non dispongono di tale libertà, potendo unicamente scegliere la propria configurazione “fissa” da un elenco stilato da AWS. Un prodotto riconfigurabile aggiungerebbe maggiore flessibilità ad EC2 colmando il gap creatosi dopo il lancio delle Google Custom Machine Type lo scorso Febbraio 2016.

 

 

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *