Linux Foundation: la richiesta di figure professionali open source resta elevata

Sviluppatori, DevOps e sysadmin tra i più ricercati dalle aziende. La sintesi del recente "2017 Open Source Jobs Survey and Report".

Open Source

Linux Foundation e DICE (noto sito statunitense in cui vengono raccolti annunci di lavoro per il settore IT) confermano con la pubblicazione del “2017 Open Source Jobs Survey and Report” che le figure professionali open source sono tra le più ricercate dalle aziende. L’open source è diventato ormai da alcuni anni il metodo prevalente per lo sviluppo dei software, osservano gli analisti, e ciò si riflette sul mondo del lavoro.

A mantenere alta la domanda sono principalmente tre fattori (gli interpellati potevano indicare una o più risposte): la crescita delle compagnie (60%), il maggiore utilizzo di tecnologie open (42%), l’open source è diventato core business dell’azienda (30%).

As open-source becomes increasingly relevant and more companies globally leverage the technology in their stacks, demand for professionals with open source experience will only intensify

ha commentato Michael Durney (CEO DHI Group, parent company DICE). E giungendo alle consuete classifiche e percentuali di rito, iniziamo con la lista delle tre posizioni lavorative più desiderate dai manager:

  • sviluppatore (73%);
  • DevOps (60%);
  • System Administrator (53%)

Presentarsi nel mondo del lavoro con esperienza nei seguenti ambiti aumenta considerevolmente le probabilità di trovare un impiego (le percentuali indicano il grado di desiderabilità da parte delle aziende interpellate):

  • tecnologie inerenti il cloud computing (OpenStack e soprattutto Cloud Foundry), in crescita del 4% rispetto al 2016 (70%). Skill open source legate al cloud ed alla virtualizzazione sono molto apprezzate;
  • tecnologie inerenti il Web (JavaScript il più ricercato), in crescita del 5% (67%);
  • Linux. Lo studio osserve un leggero calo della domanda che è passata dal 71% al 65%.

In generale, ad influire sull’assunzione o meno dei potenziali candidati anche competenze cloud (62%), application platforms (56%) e Big Data (53%).

Conclusioni dello studio

  • Per il 67% dei manager, nei prossimi sei mesi le assunzioni di professionisti open source aumenteranno in vari dipartimenti della compagnia;
  • il 60% delle compagnie cerca lavoratori a tempo pieno (+7% rispetto al 2016);
  • il 47% delle aziende sarebbe disposta a pagare per rendere “open source certified” i propri dipendenti.

Open-source is a dominant force in software development, and opportunities abound for those looking for careers with strong prospects for growth. This year’s […] Report reinforces what we have seen the past several years; open-source is professionalizing, and employers are seeking staff with demonstrable skills

ha commentato Jim Zemlin (Executive Director della Fondazione Linux).

Fonte: 1

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *