Virtualizzazione NFV: perchè è importante

Sempre più aziende stanno spingendo verso soluzioni di virtualizzazione. Il prossimo passo è quello di puntare sull'NFV, Network Function Virtualization

 

Virtualizzazione NFV: perchè è importante

La virtualizzazione gioca un ruolo di fondamentale importanza nel settore del cloud computing. I comparti IT delle aziende stanno ricevendo pressioni per andare in questa direzione. La concorrenza è agguerrita, arrivare prima di altri può rappresentare un vantaggio competitivo non trascurabile.

Le aziende attualmente stanno prestando molta attenzione ai servizi di Software Defined Networking (SDN). Quest’ultimi, coinvolgendo direttamente i data center aziendali, sembrano avere un trattamento prioritario nello sviluppo della rete aziendale. Parallelamente però le imprese stanno muovendosi anche verso le soluzioni di Network Function Virtualization (NFV) intuendo le elevate opportunità che si possono generare da questo tipo di servizi.

Sono davvero in tante le aziende di spessore che hanno scelto di puntare sull’NFV, come ad esmepio AT&T T, Brocade Communications Systems, Cisco Systems CSCO, Citrix Systems CTXS, Dell , F5 Networks FFIV, Hewlett-Packard HPQ , IBM, Intel INTC, Microsoft, NEC e Verizon Communications. Ma di cosa si tratta nello scecifico?

Come funziona l’NFV?

Il funzionamento principale dell’NFV è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione all’interno delle funzioni di rete solitamente consegnate dal gestore attraverso dispositivi hardware. NFV e SDN condividono molte tecnologie ma funzionano in due modi diversi:

  • L’SDN vive in buona parte all’interno del data center,
  • L’NFV vive ai margini del data center, al confine tra la rete aziendale e la rete del gestore della rete.

NFV comprende l’insieme delle funzioni come ad esempio il bilanciamento del carico, firewall, rilevamento delle intrusioni, o accelerazione WAN che vivono lungo il confine e aiutano il vettore a mantenere il loro servizio e connessione con il cliente. Le implementazioni di questo tipo approntate dal gestore hanno un elevato impatto sul mantenimento dei costi e sulla spinta al business aziendale. Quindi meglio accertarsi che il proprio gestore stia muovendo passi in direzione della virtualizzazione di questo tipo. Il risparmio economico resta inteso essere l’ultimo vantaggio per il cliente finale, il vero “driver” è la possibilità di essere flessibili e godere di un miglior livello di supporto.

Quali sono i vantaggi nell’adozione dell’NFV?

I veri vantaggi riguardano la veicolazione dei servizi in maniera veloce. La fornitura di servizi grazie alla virtualizzazione riceve un’accelerata sostanziale offrendo anche la possibilità di approntare modifiche e innalzare il livello di servizio. Essendo inoltre le nuove funzioni virtualizzate basate su software, l’IT è messo nelle condizioni di gestire i dati con maggior agilità.

Non solo più velocità e facilità di gestione ma anche miglior supporto. Il gestore della rete grazie alla virtualizzazione NFV può intervenire con aggiornamenti da remoto e in maniera anche massiva. Ovviamente in questo caso il risparmio è evidente e la certezza di recepimento delle modifiche molto più puntuale.

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *