VMware Cloud su AWS: le novità del re:Invent 2017

Dal palco della convention di Las Vegas, VMware ed AWS annunciano l'arrivo di funzionalità disaster recovery e la possibilità di gestire migliaia di VM.

VMware Cloud: gli annunci del re:Invent 2017

Lo scontro a distanza tra VMware/AWS e Microsoft continua e sceglie il palco del re:Invent 2017 di Las Vegas per scrivere l’ultimo capitolo della vicenda iniziata lo scorso 21 Novembre. In breve Corey Sanders (Director of Compute Azure) annunciava l’arrivo di nuovi servizi per facilitare la migrazione di clienti VMware su Azure, affermando inoltre che la proposta VMware Cloud (su AWS, naturalmente il competitor non è stato menzionato) era inadeguata a soddisfare le “esigenze cloud ibrido” di determinati clienti.

La risposta di VMware non si era fatta attendere: nessun tipo di assistenza ai clienti che sceglieranno Azure, piattaforma non testata/certificata dagli ingegneri VMware ed inadeguata a soddisfare le esigenze cloud ibrido e multi cloud dei clienti – scriveva qualche giorno dopo Ajay Patel (senior vp for product development and cloud services presso VMware).

Quale migliore vetrina del re:Invent 2017 per ribadire meglio il concetto a Microsoft? Nella seconda giornata della convention sono infatti arrivati con una certa puntualità una serie di annunci che vanno ad espandere le funzionalità di VMware Cloud: si va da una soluzione “disaster recovery” as a service basata su Site Recovery VMware fino ad una migliorata portabilità/migrazione delle app ed un ampliamento dell’ecosistema partner ma non solo.

Destinazione cloud ibrido

Infografica dedicata al disaster recovery

Panoramica delle funzionalità disaster recovery

 

Nel caso in cui le VM on premise non siano più in grado di operare correttamente, le app ed i workload in esse ospitati saranno spostati automaticamente nel cloud AWS. Il modello tariffario applicato sarà il classico pay per use, i clienti pagheranno in base all’effettivo utilizzo del servizio e solo per le VM che si è deciso di proteggere con la “variante cloud” di Site Recovery.

Il focus sul cloud ibrido continua con Hybrid Cloud Extension, disponibile in preview mode e pensato per per chi gestisce applicazioni ibride. Tra le caratteristiche principali: migrazioni automatizzate e su larga scala per i workload; connessioni sicure e ad alte prestazioni per applicazioni ibride; mobilità delle app tra ambienti vSphere on premise e VMware Cloud AWS; interconnessioni multi sito, ottimizzato per WAN e load balanced. Si unisce poi alla suite anche vMotion che, grazie anche al supporto ad AWS Direct Connect, permette la migrazione di workload in esecuzione da ambienti on premise al cloud.

Il rilancio si completa con un ampliamento dei partner che supportano VMware Cloud su AWS, la possibilità di gestire decine di migliaia di VM e la disponibilità del servizio in una nuova region (US East si affianca alla US West supportata dal lancio).

Fonte: 1

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *