VMworld 2016: alcune anticipazioni

L'evento organizzato da VMware è a fine mese ma la stampa specializzata anticipa già alcuni probabili punti chiave della convention VMworld

VMworld 2016

Il Nevada si prepara ad accogliere tra circa 3 settimane il VMworld 2016 (28 Agosto – 1 Settembre 2016), l’annuale convention organizzata dalla nota azienda VMware. La stampa specializzata ha naturalmente iniziato a seguire con largo anticipo l’evento, tastando il terreno in casa VMware e ragionando sui possibili fili conduttori della manifestazione, vediamo meglio quali.

In generale gli analisti riscontrano un moderato ottimismo nei vertici aziendali, VMware ha le risorse/capacità per essere ancora competitiva nel settore ed il VMworld esercita sempre un elevato appeal sull’ecosistema sviluppatosi intorno alla compagnia: “ci aspettiamo probabilmente 400 conferenze stampa dai 200 vendor che saranno presenti [all’evento]. Tutti si radunano attorno al VMworld” afferma Stu Miniman (analista Wikibon), ricordando che gli organizzatori si aspettano almeno 20.000 visitatori, una cifra che conferma la centralità di VMworld per la community VMware.

Tra gli annunci più prevedibili quelli inerenti la prossima versione della suite vSphere (attualmente giunta alla sesta release) ma non solo: l’azienda ha infatti avviato da qualche tempo una strategia di diversificazione del proprio portfolio presentando sul mercato, con positivi riscontri, soluzioni come AirWatch (una piattaforma MDM, mobile device management) e VSAN (Virtual Storage Area Network, soluzione per lo storage condiviso in ambito enterprise).

L’acquisizione di EMC e le mosse dei competitor

Gli analisti sottolineano però come su Las Vegas aleggi anche l’ombra dell’acquisizione EMC (detentore quota di maggioranza VMware). Lo scorso Ottobre 2015 è stata infatti avviata la procedura, non ancora ultimata, che condurrà EMC in casa DELL. L’operazione, che entrerà nella storia per via della cifra messa sul piatto dagli acquirenti (67 miliardi di dollari), desta più di qualche preoccupazione nel settore e tra gli investitori: il CEO Pat Gelsinger resterà sempre al timone di WMware o abbandonerà l’incarico? Wikibon è abbastanza sicura di vederlo salire sul palco per il consueto keynote, lo stesso Pat ha dichiarato di voler mantenere l’importante carica, ma più di una volta si è assistito a dichiarazioni di circostanza (al fine di tutelare le quotazioni del titolo) da parte di dirigenti “molto vicini alla porta d’uscita”.

Bisogna infine valutare le mosse di competitor come Microsoft, OpenStack e Docker (container in generale). Redmond sta puntando molto su Hyper-V e sembra procedere  celermente con il rilascio di nuovi aggiornamenti e funzionalità; la nota piattaforma cloud ed i container sono soluzioni alternative in grado di offrire maggiore flessibilità e costi inferiori rispetto alle soluzioni proprietarie VMware. “E’ in atto una manovra a tenaglia destinata a colpire VMware su entrambi i fronti” afferma l’analista. L’azienda sarà in grado di fronteggiare adeguatamente la pressione dei competitor? Alcune risposte potrebbero venire proprio dal palco della convention di Las Vegas.

 

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *