WordPress Rest API: il CMS diventa un framework

Con il plugin REST API, WordPress si prepara a diventere ufficialmente un application framework e ad attirare idealmente nuovi sviluppatori

Plugin WP REST API per WordPress

 

WordPress, il noto CMS che ha conquistato una non trascurabile parte del Web, si appresta probabilmente ad entrare in una nuova fase della propria “vita”. E’ infatti in fase di sviluppo REST API, un’interfaccia di programmazione che consentirà di abbandonare la monolitica struttura adottata fino ad ora dal CMS – espandibile grazie a temi e plugin che possono essere però realizzati solo in PHP, il linguaggio con il quale è stata scritta del resto la stessa soluzione Automattic.

REST API, giunta attualmente alla versione beta 2, è disponibile come plugin (installabile solo su WordPress 4.6 o superiore) e permette alle applicazioni compatibili di beneficiare dei contenuti, strumenti di pubblicazione, funzionalità di amministrazione e configurazione presenti nel “core” WordPress. L’API renderà il CMS a tutti gli effetti un framework concendendo maggiore flessibilità ad aziende e programmatori che potranno “bypassare” la complessità dello sviluppo web e di PHP: molti troveranno ad esempio più comodo realizzare temi, plugin e quant’altro in JavaScript – a tal proposito esistono già alcuni front end realizzati con il noto linguaggio object oriented – o altre soluzioni con le quali si ha maggiore familiarità (Python, Go etc.). Le potenzialità delle API sono ben rappresentate dal front end personalizzato progettato dalla stessa Automattic, Calypso, che si è avvalsa di JavaScript e di altri strumenti come Redux, Node e React.js.

Maggiore flessibilità e competitività per WordPress

Con il perfezionamento del plugin REST API, non tutte le parti dell’interfaccia sono attualmente disponibili ma arriveranno con le prossime release, si assisterà alla nascita di un elevato numero di progetti e ad un salto qualitativo nel livello delle integrazioni, queste ultime cruciali soprattutto nel mondo mobile.

Per rimanere competitivo sulla scena, WordPress ha deciso intelligentemente di non adagiarsi sulla popolarità del vasto database online di cui dispone e di andare oltre: le API sono in grado di attirare un maggior numero di sviluppatori nell’ecosistema del CMS, un elemento cruciale per contrastare tutti le altre soluzioni alternative (vecchie e nuove) presenti in rete.

 

 

Facci sapere cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *