Amazon EC2: come creare un cloud server in pochi minuti

Dopo aver valutato i differenti aspetti di Amazon AWS e i tanti servizi, è venuta l'ora di provare qualcosa di più pratico, andando proprio a creare e ad avviare un cloud server attraverso il servizio Amazon EC2. Seguendo la guida, il cloud server sarà pronto in meno di dieci minuti

Nel corso dei precedenti appuntamenti, abbiamo approfondito molti aspetti legati ad Amazon AWS e tutti i suoi servizi, compreso quello di computing Amazon EC2. In particolare, nel corso dell’ultimo approfondimento si è parlato di volumi EBS e, in particolare, di alcune loro peculiarità che li contraddistinguono dai volumi attestati sul servizio di storage S3.

 

A questo punto, non si può fare altro che iniziare a sporcarsi le mani con la parte pratica, cominciando proprio dalle basi, cercando di avviare il primo cloud server su Amazon EC2, servizio specifico che fa parte di Amazon AWS (Amazon Web Services).

 

A quanti credono che questa lezione possa essere difficile, chiediamo di procedere con la lettura, in quanto in realtà non c’è nulla di complicato! Infatti, seguendo questo approfondimento passo dopo passo si arriverà ad avviare un cloud server e a connettersi ad esso in meno di dieci minuti. Tutto questo sarà la dimostrazione di quanto Amazon AWS e il suo servizio di computing Amazon EC2 siano in realtà tanto semplici quanto potenti e adatti alle conoscenze sistemistiche delle figure junior e senior.

 

Propedeutica a tutto ciò è comunque la conoscenza dei concetti di base analizzati proprio nel corso degli appuntamenti precedenti dedicati ad Amazon AWS.

 

Proprio in uno di questi appuntamenti, abbiamo parlato del periodo di Free Tier offerto da Amazon AWS. I più informati e chi ha seguito le differenti lezioni sanno già che il programma Free Tier è pensato per consentire a tutti di provare la potenza di Amazon AWS in modo gratuito per un anno. Per accedere al programma è necessario registrarsi ed è da qui che inizieremo.

 

Amazon EC2: registrarsi al servizio

 

Avviamo quindi il browser e digitiamo nella barra degli indirizzi l’URL http://aws.amazon.com. Non appena la pagina compare, clicchiamo sul pulsante Sign Up presente in alto a destra.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Da qui, seguiamo tutta la procedura di registrazione, specificando i dati richiesti come email, nome, cognome, password e via discorrendo. Nulla di difficile, insomma: si tratta di compilare dei campi con i propri dati e procedere con clic continui su Next.

 

Al termine, avremo modo di entrare nel pannello principale dei servizi di Amazon AWS. Dobbiamo dunque cliccare sul menu a tendina My Account / Console.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Da qui, dobbiamo scegliere il link AWS Management Console. Arriviamo così alla schermata principale di Amazon AWS, dove sono raccolti tutti i servizi attualmente resi disponibili da Amazon.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

A questo punto, per procedere verso la creazione di un nuovo cloud server, dobbiamo cliccare sulla voce EC2 (Elastic Compute Cloud). Accediamo così alla console di controllo EC2, dove vengono fornite tutte le informazioni relative alle istanze già avviate, ai volumi, alle chiavi, ai gruppi, agli IP elastici, alle snapshot, ai balancer e ai gruppi di sicurezza già creati o configurati. Essendo questo il nostro primo accesso, tutti questi valori saranno impostati su 0 tranne che per le snapshot e i gruppi di sicurezza che saranno preimpostati da Amazon AWS.

 

Nella stessa schermata, nella parte inferiore, è indicato lo stato di salute dei servizi: i segni di spunta verdi simboleggiano che tutti i servizi sono nella norma e che l’intera infrastruttura, nella Region in cui si lavora, è operativa e perfettamente funzionante. Eventuali interventi programmati o disagi vengono proprio segnalati in questa parte della console visuale che Amazon AWS mette a disposizione per EC2.

 

Amazon EC2: avviare un nuovo cloud server

 

Senza perdersi però nella schermata, per avviare un nuovo cloud server dobbiamo cliccare su Launch Instance. Compare così una schermata in cui ci viene chiesto quale wizard di avvio vogliamo seguire. Lasciamo indicato Classic Wizard e clicchiamo su Continue.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Nella finestra successiva, dobbiamo scegliere l’immagine di un sistema operativo secondo le nostre preferenze. Attenzione: per rimanere nel free tier e quindi evitare di pagare per le prove che effettuiamo, bisogna scegliere il sistema operativo che presenta sempre il simbolo della stella gialla accanto al pulsante Select. Questi sistemi operativi sono quelli eleggibili per la prova gratuita, per il cui utilizzo, quindi, non dobbiamo corrispondere nulla ad Amazon. Dalla stessa schermata è possibile selezionare un’AMI personalizzata o una AMI offerta dalla community di Amazon AWS, come spiegato nel corso dell’appuntamento dedicato alle AMI. Per procedere, clicchiamo su Select. La nostra scelta è ricaduta su Ubuntu Server 12.04.2 LTS.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Nella schermata che segue, indichiamo come istanza la T1 Micro, l’unica utilizzabile per la prova gratuita. Sono disponibili anche tutte le altre istanze come spiegato nell’appuntamento dedicato alle tipologie di cloud server. Lasciamo indicato No preference nel menu a tendina Subnet. Questo consentirà ad Amazon EC2 di scegliere su quale datacenter far lavorare l’istanza in base al carico di lavoro. Procediamo con un clic su Continue.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Nelle tre schermate che seguono lasciamo i parametri invariati e clicchiamo su Continue.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon EC2: il keypair e il security group

 

Si arriva così alla generazione del keypair. Poiché al cloud server di Amazon EC2 ci si può collegare tramite SSH, per proteggere l’accesso al cloud server serve definire un keypair. Queste keypair sono una coppia di chiavi (pubblica e privata), che consentono di autenticarsi al cloud server in modo criptato, garantendo così maggiore sicurezza. Questo certificato consente un’autenticazione molto più sicura rispetto al riconoscimento dell’utente sulla base di login e password. Per generare la nostra keypair, indichiamone il nome e clicchiamo su Create & Download your Key Pair. Poiché la chiave pubblica viene iniettata nell’immagine e la chiave privata viene salvata in un file con estensione PEM, si aprirà una finestra del browser che ci consentirà di salvare il file PEM in un posto sicuro. Al termine del download, procediamo oltre.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Qui, dobbiamo definire un security group, ossia una specie di firewall per permettere l’accesso al cloud server di Amazon EC2 dall’esterno. Nel momento in cui accediamo alla schermata è già ammessa l’apertura della porta 22 per le connessioni SSH. Per nostro interesse, conviene indicare il nome del gruppo, la descrizione e scrivere il numero 80 nella sezione Port range, confermando con un clic su Add Rule. Questa operazione ci consentirà di aprire sul cloud server anche la porta 80 per testarne le funzionalità di webserver.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Un clic su Continue ci consente di procedere oltre, facendo comparire la schermata in cui confermare il tutto con un clic su Launch. Il cloud server verrà così generato.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Al termine, il cloud server di Amazon EC2 presenterà la voce running nella colonna State e attraverso i pannelli inferiori potremmo accedere a tutte le informazioni di nostro interesse, come ad esempio il DNS pubblico (Public DNS).

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon EC2: collegarsi all’istanza creata

 

A questo punto, non resta che collegarci al cloud server appena creato. Scarichiamo quindi i due strumenti puttygen e putty dai rispettivi link. Avviamo puttygen, clicchiamo su Conversion/Import key e selezioniamo il file PEM precedentemente scaricato. Clicchiamo poi su File/Save Private Key, confermando tutte le schermate che compaiono.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Avviamo quindi putty, clicchiamo su Connection/SSH/Auth e clicchiamo su Browse per indicare dove abbiamo salvato il file convertito con puttygen.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Torniamo in Session e nello spazio Host Name, indichiamo l’indirizzo IP che abbiamo notato nella voce Public DNS del pannello Description del cloud server avviato.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Confermiamo con Open. Compare così la console di Linux e digitiamo il nome utente ubuntu.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Entriamo così nel cloud server Ubuntu. Per avere altre informazioni, ad esempio, possiamo digitare landscape-sysinfo.

 

Amazon AWS EC2 tutorial

 

Come abbiamo avuto modo di notare, avviare un cloud server in Amazon AWS è stato davvero una passeggiata e connettersi ad esso per la sue gestione è stato ancora più semplice.