Categorie
Webhosting

Aruba PEC: ci sono 3.5 milioni di caselle attive e il 50% di mercato

Aruba PEC ha rappresentato una delle mosse più redditizie di sempre per la nota società di hosting. Siamo a 3.5 milioni di caselle.

Aruba PEC è la società del gruppo Aruba che più di tutte ha fatto parlare di se ultimamente. Non solo cloud computing, hosting, email, siti web, Aruba ha trovato nella PEC una fonte di ricavi immensa e una straordinaria possibilità di business, anche dal punto di vista del marketing, visto il successo avuto grazie a questo strumento anche per altri prodotti. Oggi un comunicato della società dice che Aruba PEC ha registrato oltre 3.5 milioni di caselle PEC in totale, un numero altissimo, e che 1.4 milioni sono state ricevute solamente nell’ultimo anno, grazie ad una legge che conosciamo bene tutti: anche le ditte individuali hanno dovuto registrare una PEC. Il popolo della partita IVA ha dovuto quindi passare alle comunicazioni digitali certificate, scegliendo un gestore. 

Anche i dati diffusi dall’Agenzia Digitale Italiana a Luglio  confermano la leadership in ambito PEC di Aruba che detiene al momento oltre il 50% del mercato, mentre la restante fetta è distribuita tra tutti gli altri Gestori. Aruba riveste, inoltre, il ruolo di primo operatore anche nel settore dei domini certificati attivati: oltre 178 mila, pari all’85% del mercato italiano. Per intenderci: quando si registra una casella PEC si può decidere di usare un dominio esistente del provider (noi utilizziamo questa soluzione, con un classico wetalkgroup@pec.it) oppure di abilitare un proprio dominio per la ricezione di email PEC. 

Per Aruba, che ha puntato molto su firma digitale e PEC, il successo è dovuto anche alla sua vicinanza al settore della PA. L’acquisizione di Actalis e le operazioni connesse hanno portato Aruba in una posizione di leadership difficile da scalfire su questi prodotti, nonostante il periodo antecedente al 30 Giugno 2013 abbia visto un incremento di registrazioni per tutte le società di hosting che forniscono direttamente PEC o la rivendono tramite terzi. 

Siamo fieri del successo ottenuto dalla campagna PEC dedicata alle ditte individuali – spiega Stefano Cecconi, Amministratore Delegato di Aruba –  pensiamo che tale esito sia legato da un lato al fatto che Aruba sia ormai percepita come punto di riferimento per professionisti e aziende in ambito PEC, dall’altro alla campagna di comunicazione condotta e che, attraverso la TV, ha potuto coinvolgere un pubblico più ampio. Il nostro impegno non si è però esaurito, in quanto vogliamo venire incontro a chi non ha potuto ancora sottoscrivere la propria PEC, prorogando l’offerta gratuita fino alla fine di Settembre.”

E si, proprio la TV ha aiutato Aruba a consolidare ulteriormente questo genere di prodotto e allargare il target dei suoi clienti, una mossa azzeccata, che nel mercato italiano fin ad ora si sono potuti permettere in pochi. Per ora la PEC rimane ancora attivabile gratuitamente per le ditte individuali in ritardo, almeno fino al 30 Settembre 2013. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.