Categorie
Cloud Computing

Cloud Computing in Italia: la lista dei principali provider e le funzionalità

Il mercato del cloud computing italiano è in forte crescita, sempre più aziende stanno investendo nella realizzazione di infrastrutture pubbliche, in gran parte di tipo IaaS (Infrastructure as a Service). I dati sull’utilizzo del cloud computing in Italia sono su CloudTalk.it, in questo articolo vediamo quali sono le piattaforme a nostro parere degne di nota in base a 2 fattori: solidità e innovazione. Con la prima intendiamo approfondire quanto queste infrastrutture di cloud computing rappresentino realmente un progetto aziendale e non siano solamente una “aggiunta” di servizio per il provider. 

Consideriamo una infrastruttura di cloud computing un nuovo prodotto che abbia alla base:

  • una tariffazione / billing differente rispetto ad altri servizi
  • una infrastruttura HW dedicata
  • una modalità innovativa di gestione delle istanze tramite software
  • un approccio innovativo su uno o più aspetti

Questo per mettere in guardia i nostri lettori dai tanti cloud providers “sulla carta” che sfruttano questo termine continuando tuttavia a promuovere solamente un vecchio servizio, spesso delle VPS che nulla hanno di innovativo rispetto a nuovi prodotti. 

In breve proponiamo i providers che abbiamo selezionato:

  • Aruba: con Cloud.it ha creato una vera e propria infrastruttura di cloud computing IaaS tra le più innovative provate dal nostro servizio Recensioni.
  • HostingSolutions.it: ha creato una cloud IaaS basata su OpenStack con una forte integrazione nei suoi servizi e un modello di tariffazione totalmente pay-per-use.
  • CloudUp.it: infrastruttura IaaS su OpenStack, con l’idea di creare un network europeo e una tariffazione anche qui a consumo.
  • Seeweb.it: compagnia che ha portato il cloud computing in Italia nel 2009, ha una infrastruttura quasi totalmente dedicata al cloud che sta divenendo il core business della compagnia.
  • AziendeItalia.it: HostingTalk.it ha provato il servizio nascente Cloud DataCenter all’interno del suo nuovo portale CloudPerTe.it. Ha scelto OnApp con un approccio cloud per la gestione di un data center virtuale.
  • KPNqwest.it : Kloud è l’offerta di cloud computing ridondata su due data center con replica dello storage in tempo reale, ha scelto VMware come soluzione per l’infrastruttura. 

Abbiamo escluso da questo report la Nuvola Italiana di Telecom Italia perchè ancora distante da quello che è l’approccio scelto da altri fornitori come quelli citati, tanto per chiarezza dell’offerta quando per tecnologia. Vi sono poi una serie di fornitori minori che non hanno dettagli in merito all’infrastruttura e hanno semplicemente aggiunto al loro sito internet la dicitura Cloud Computing, per i quali attualmente non ci sentiamo di esprimere un parere in merito. 

Tracciare l’evoluzione dei fornitori di cloud computing è particolarmente difficile se parliamo di fornitori che si concentrano esclusivamente sul lato enterprise, per questo nella nostra analisi consideriamo quelli che attualmente hanno una offerta pubblica e un target ampio, dai singoli professionisti fino alle PMI, grandi aziende e PA. L’articolo, per questioni di brevità, non può dare i dettagli complessivi di tutte le soluzioni, ma vuole sottolineare le strategie e riassumere i principali traguardi raggiunti da ogni cloud providers, cercando di far capire quale è il tasso di innovazione di ogni servizio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.