Categorie
Domini

Come leggere i Rapporti Standard di Google Analytics

Confronti di intervalli temporali

Confronti di intervalli temporali

A pagina precedente abbiamo visto come selezionare l’intervallo temporale del grafico delle visite. Proviamo adesso a confrontare il rapporto con un altro intervallo temporale, ad esempio comparando le visite di una settimana con le visite della settimana precedente. Per farlo dobbiamo aprire la solita interfaccia e spuntare la casella “Confronta con”. In questo modo potremo selezionare un secondo intervallo temporale, che in figura 3 (vedi pagina precedente) abbiamo evidenziato col colore verde.

Per selezionare il secondo intervallo procediamo esattamente come nel primo caso: clicchiamo prima sulla data di sinistra, in modo che il riquadro venga circondato da un bordo colorato, dopodiché clicchiamo sul calendario. In questo modo avremmo selezionato la data iniziale del secondo intervallo. Infine ripetiamo l’operazione per la data finale, sempre procedendo come spiegato a pagina precedente. L’unica differenza è che il secondo intervallo verrà marcato con un colore diverso (probabilmente il verde) sul calendario di sinistra.

La procedura appena vista descrive il funzionamento personalizzato dell’interfaccia. Ciò significa che per selezionare le date del secondo intervallo, dopo aver spuntato la casella “Confronta con” dobbiamo anche scegliere l’opzione Personalizzato.
Le altre opzioni disponibili sono: Periodo precedente e Anno precedente.
Queste sono comode perché permettono di selezionare il secondo intervallo temporale in modo automatico. Ad esempio, se il primo intervallo che abbiamo scelto riguarda un intervallo di due settimane, scegliendo l’opzione Periodo precedente diciamo a Google Analytics di confrontare il rapporto di due settimane con le due settimane precedenti. Se invece abbiamo scelto come intervallo principale un mese (ad esempio novembre), con l’opzione Periodo precedente selezioniamo come intervallo il mese prima (in questo caso ottobre).

Il risultato finale dovrebbe essere qualcosa del genere

reports_04

Figura 4 – Confronto temporale di rapporti

Dove abbiamo confrontato il numero di visite nel periodo “3 novembre – 18 novembre” (in arancione) con quelle del periodo “19 novembre – 4 dicembre” (in blu). Ovviamente, dopo aver selezionato gli intervalli temporali, possiamo cliccare sui pulsanti in alto a destra per decidere quanto granulari debbano essere i dati del grafico, scegliendo tra le seguenti granularità: ora, giorno, settimana, mese.

Dopo aver compreso l’utilizzo dell’interfaccia in un caso semplice (qui abbiamo usato il conteggio delle visite) possiamo sbizzarrirci usando metriche e dimensioni diverse. Incrociando metriche relative agli indicatori che vogliamo misurare, e confrontandole con altre metriche su intervalli temporali diversi, possiamo compiere un numero vastissimo di analisi incrociate diverse. Imparando ad usare lo strumento possiamo trovare la risposta praticamente a qualsiasi domanda che riguarda il traffico del sito. Il numero di rapporti possibili è elevatissimo, perché ogni “incrocio” tra metriche e intervalli temporali è teoricamente possibile: spetta a noi decidere come costruire i rapporti dettagliati che ci interessano. In questo modo impareremo anche a produrre rapporti complessi, che possiamo poi salvare nella sezione Rapporti Personalizzati.

Una risposta su “Come leggere i Rapporti Standard di Google Analytics”

Grazie delle informazioni utilissime. Avrei però una domanda. Ho appena iniziato a utilizzare google analytics, quindi mi è ancora tutto oscuro. Andando su panoramica (il mio blog è aperto da fine ottobre 2014) mi risultano 20 utenti o visitatori unici e 36 visualizzazioni di pagine e 21 sessioni. Ma cosa significa? Che da quando è nato il blog ho questo numero di vis.unici e che questi hanno eseguito quel tot di visualizzazioni? E per verificare invece le visite generali? Perché dai dati di google analytics sembrano esserci molte meno visite di quelle che risultano su blogger. Probabilmente interpreto male i dati. Grazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.