Categorie
Domini

Creare una dashboard personalizzata su Google Analytics

Un esempio concreto

Un esempio concreto

Dopo aver imparato ad usare le dashboard possiamo sperimentare l’aggiunta personalizzata di widget specifici. Per farlo consideriamo un esempio concreto. Supponiamo di voler creare la seguente dashboard: vogliamo vedere, con un colpo d’occhio, quante sono le visite in un certo periodo e confrontarle con quelle attribuite alla nostra zona geografica. Ad esempio, se la nostra azienda ha sede a Bergamo, vogliamo monitorare quante sono le visite totali (incluso Bergamo) rispetto a quelle provenienti dall’esterno (cioè escluso Bergamo). Crediamo quindi una nuova dashboard che chiamiamo “Monitoraggio”. Dopodiché clicchiamo sul pulsante “+ Aggiungi widget”, collocato subito sotto il nome della dashboard. Si aprirà un pannello identico a quello già visto in figura 1 (che riportiamo qui sotto per comodità)

Figura 5 – Aggiunta dei widget sulla dashboarddashboard_01

Clicchiamo sul pulsante “Aggiungi la metrica” per selezionare la metrica del diagramma. Siccome l’elenco delle metriche disponibili è piuttosto lungo conviene usare la casella di ricerca (quella con la lente di ingrandimento): scriviamo le prime lettere della metrica che ci interessa. Ad esempio, se vogliamo visualizzare il numero di visite, scriviamo proprio “Visite”. Come risultato dovrebbero presentarsi 4 o 5 metriche che contengono la parola “Visite”: tra queste clicchiamo su “Visite”, assegniamo un titolo al widget e salviamo.
Ripetiamo l’operazione, cliccando sul pulsante “+ Aggiungi widget”, per aggiungere di nuovo lo stesso widget, ma stavolta impostiamo anche un filtro. In questo caso, siccome vogliamo escludere le visite provenienti da Bergamo, impostiamo un filtro come qui sotto

Figura 6 – Filtro sulla cittàdashboard_06

Assegniamo un titolo al widget, ad esempio “Visite (filtrate)” e salviamo. Infine, se vogliamo confrontare il risultato dei due widget con le statistiche specifiche delle provenienze geografiche, possiamo aggiungere alla dashboard anche il diagramma delle visite per Regione. Possiamo inserire quest’ultimo widget esattamente come visto a pagina precedente, ovvero andandolo a cercare tra i rapporti standard e aggiungendolo alla dashboard come se fosse un “preferito”. Il risultato finale dovrebbe essere qualcosa del genere

Figura 7 – Dashboard personalizzatadashboard_07

Abbiamo così creato una dashboard che riassume tutti i dati che vogliamo monitorare. Come già detto, una dashboard di questo tipo può esserci utile sia se siamo gli unici ad accedere a Google Analytics, sia se vogliamo incaricare qualcuno di tenere d’occhio la schermata, creando la dashboard solo per un particolare profilo utente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.