DigitalOcean si espande a Londra grazie al data center Equinix

DigitalOcean approda nel Regno Unito grazie al data center Equinix, partner storico della startup cloud di successo che pare inarrestabile

DigitalOcean continua la sua corsa da record nel mercato dei cloud provider annunciando l’espansione della compagnia nel Regno Unito, più precisamente nel data center Equinix di Londra.

DigitalOcean LondraDopo i due data center situati ad Amsterdam (l’infrastruttura è proprietà di TeleCity Group), la cloud startup di successo aggiunge quindi una terza “bandierina” nel vecchio continente. La recente raccolta fondi è stata naturalmente  uno dei motivi principali della strategica mossa: “Sono felice di comunicare che siamo riusciti a mettere da parte un consistente numero di fondi in grado di garantire per il futuro, senza alcuna limitazione, la capacità  necessaria [a soddisfare la domanda]” ha dichiarato Mitch Wainer (co-fondatore della compagnia) che ha aggiunto: “il Regno Unito sta vivendo un vero e proprio rinascimento tecnologico e noi vogliamo mettere a disposizione delle startup un’infrastruttura che le aiuti a crescere”.

DigitalOcean e la questione della privacy dei dati

Londra, ha proseguito Wainer, era una delle region più richieste da parte dell’utenza DigitalOcean; a rendere infine l’approdo sulle rive del Tamigi  un passo obbligato, è stata la necessità crescente di dover ospitare i dati sensibili all’interno dei confini nazionali.

In seguito alla direttiva dell’UE in merito alla privacy dei dati, lo spostamento di questi ultimi oltre i confini è divenuta infatti una “spinosa” procedura per i provider; lo stesso Wainer ha indicato la questione come una delle problematiche che la compagnia dovrà affrontare a più riprese con il procedere della propria espansione (ad esempio in Canada, altra region sotto il mirino di DigitalOcean, vige una normativa simile a quella europea).