Categorie
Cloud Computing News

La crescita folle di DigitalOcean: perchè la vostra prossima VPS potrebbe esser qui

DigitalOcean è una cloud hosting startup che ha bruciato letteralmente le tappe grazie ad una crescita sorprendente: i dati forniti da Metcraft sono chiari, l’azienda può certamente affermarsi, in un futuro non troppo lontano , come alternativa di primo livello per colossi come Amazon ed Hetzner.

digital-ocean-logo-4x3Confrontiamo ad esempio il numero di macchine operanti come server web (web facing computers) nell’arco temporale compreso tra dicembre 2012 e giugno 2013 (area geografica statunitense):  Hetzer ha avuto un incremento del 11.88% (da 75.880 a 84.896 computer), Amazon del 23,35% (da 134.117 a 165.438 computer), Alibaba un ottimo 160,91% e infine DigitalOcean – che polverizza letteralmente la concorrenza – con un +5084,64% (da 138 a 7134 computer). Risultati che lasciano stupiti ma che perdono buona parte del loro effetto dirompente se confrontati con i dati relativi al territorio statunitense di Marzo 2014:  Metcraft segnala infatti un numero di computer pari a circa 40.632 unità.

DigitalOcean pare quindi inarrestabile: con sei data center all’attivo (2 a New York, 1 a San Francisco, 2 ad Amsterdam e uno inaugurato il mese scorso a Singapore), facilità di utilizzo e configurazione dei servizi, velocità (l’azienda dichiara di poter attivare un’istanza virtuale in 55 secondi e rendere disponibile un server ssd entro 60 minuti nei cinque data center della compagnia – Singapore escluso), convenienza (il costo per ora di un server è meno di 1 centesimo e pari a circa 1/3 della controparte Amazon più economica), non sorprende che un numero sempre maggiori di siti stia migrando verso i server della sorprendente cloud startup.

Cifre alla mano, tra maggio e giugno 2013 i siti confluiti in DigitalOcean sono stati circa 6211: a farne le spese  soprattutto Rackspace (- 1475) e Shore Network Tech (-1028) mentre, tra febbraio e marzo 2014, i valori sono decollati letteralmente a +43.267  con Rackspace e Shore Network Tech che hanno accusato, rispettivamente, una perdita di  – 31279 e -4897 siti.

 

 

Una risposta su “La crescita folle di DigitalOcean: perchè la vostra prossima VPS potrebbe esser qui”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.