Facebook cresce, raggiunti 10.000 server, 1800 sono server MySQL

Il social network continua ad incrementare il numero di macchine della propria infrastruttura, giunta ora a diecimila macchine, di cui quasi duemila dedicate al solo database MySQL, componente fondamentale per la struttura. In molti lo conoscono come uno dei piu popolati social network della rete, secondo come numeri solamente a MySpace, ma con tassi di crescita decisamente superiori e soprattutto un target di utenti da sempre definito "piu raffinato" dato che il social network e cresciuto in ambiente universitario e ancora oggi la maggior parte dei suoi utenti sono giovani universitari.

Il social network continua ad incrementare il numero di macchine della propria infrastruttura, giunta ora a diecimila macchine, di cui quasi duemila dedicate al solo database MySQL, componente fondamentale per la struttura.

In molti lo conoscono come uno dei più popolati social network della rete, secondo come numeri solamente a MySpace, ma con tassi di crescita decisamente superiori e soprattutto un target di utenti da sempre definito “più raffinato” dato che il social network è cresciuto in ambiente universitario e ancora oggi la maggior parte dei suoi utenti sono giovani universitari; pochi conoscono però i dati tecnici di Facebook, in particolare del suo sviluppo e della piattaforma che tiene in piedi tutto il sistema.

Lo scorso Ottobre avevamo pubblicato la notizia di un’espansione del datacenter utilizzato da Facebook visti i tassi di crescita record, ora, grazie anche ad un incontro promosso da Sun su MySQL si riescono a conoscere ulteriori dati sulle risorse utilizzate da Facebook. Il social network si appoggia ora su 10.000 servers, dei quali 1800 sono MySQL Servers, gestiti, afferma la compagnia da soli due dbms administrators. La compagnia attualmente ospita le macchine in due diversi datacenter, in California in una costruzione di Digital Realty Trust e in Virginia presso una struttura DuPont Fabros, per chi non le conoscesse, sono due delle maggiori compagnie al mondo nel campo della costruzione e gestione di datacenter.

2419036517_f7505dae5a.jpg

Ancora più interessanti sono però i dati apparsi nel corso di una presentazione all’evento “Scaling MySQL – Up or Out“; James Hamilton, architect di Microsoft Windows Live Platform, ha pubblicato alcuni dettagli sul proprio sito in merito a quanto esposto nel corso della conferenza: oltre a Facebook appaiono i dati relativi ad altre compagnie e progetti, tra i quali anche Wikipedia, Flickr e Fotolog. Hamilton fa notare come i server dedicati da Facebook a Memcached sono superiori a tutti gli altri siti, la compagnia dedica infatti ben 800 macchine solamente a questo scopo: Memcached è un sistema di caching studiato appositamente per alleggerire il load dei database di applicazioni dinamiche come quelle di Facebook o progetti come Wikipedia, dove le richieste al database sono molte e frequenti e diviene fondamentale un adeguato sistema di caching.

Apprezzata anche la “chiarezza” di Facebook, altre compagnie elencate nella presentazione non hanno voluto o potuto elencare i propri dati, prima fra tutte YouTube che non ha dichiarato quanti database dedichi attualmente l’infrastruttura di Google al database MySQL.

2419850566_e802af1520.jpg

Copyright foto Flickr by Darren Mckeeman. I server di Facebook nella webfarm californiana di 200 Paul Avenue di Digital Realty Trust.