Facebook: nuove forme di pubblicità e più dati a disposizione

Uno degli ultimi numeri di Harvard Business Review parla di come il mercato dell’advertising online stia divenendo incredibilmente complesso e sia sempre di più basato sull’analisi di migliaia di dati per permettere agli inserzionisti di esporre i loro messaggi esclusivamente al giusto target. Facebook, che nella pubblicità ad oggi ha trovato il suo unico modello di business, sta percorrendo una strada simile, fatta di nuovi tentativi di migliorare l’erogazione della pubblicità all’interno del social network: negli ultimi giorni l’annuncio di un nuovo sistema che consente di proporre Sponsored Stories sulle bacheche degli utenti in base ai siti visitati prima da quest’ultimi, e non più solamente in base alle informazioni contenute all’interno del social network. Per il mondo dell’advertising online si parla di ReTargeting. 

E i primi dati, provenienti dall’interno di Facebook, dicono che la resa di questo modello è davvero superiore a quanto sperimentato fino ad oggi dall’azienda, con un apporto superiore anche fino a 50 volte. Facebook si sta muovendo anche sul fronte dell’offline: incrociare dati dei propri clienti offline con quelli contenuti nel social network è un’operazione interessante per migliaia di grandi aziende, e rappresenta un ulteriore canale di revenues per la compagnia. Certo rimane da chiedersi come Facebook eviterà che il social network divenga popolato da troppa pubblicità, qualcosa che metterebbe in dubbio anche gli utenti più fedeli e a lungo andare potrebbe far diminuire l’utilizzo del social network; dagli investitori giunge un segnale positivo, Facebook deve lavorare soprattutto sul mobile, li si concentrano la maggior parte dei suoi utenti di oggi e di domani, e sarà li che dovranno funzionare tutte le strategie di advertising. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.