Jump to content

PSampras

Members
  • Content Count

    7
  • Joined

  • Last visited

  1. Stiamo optando per OVH, ho messo sul tavolo i vostri consigli e le vostre esperienze negative con l'assistenza, ma non riusciamo a trovare un'alternativa valida e conveniente. Lo proveremo per 3-4 mesi e vediamo come va, inserendo nel pacchetto l'assistenza VIP (Supporto - OVH) che, almeno teoricamente, dovrebbe tutelarci un po' di più. Adesso dobbiamo decidere il tipo di infrastruttura. Scartando il "dedicated cloud" (costa troppo…), ci sono queste due soluzioni: 1) quella descritta in cima a questo topic, ovvero 5-6 VPS (3-4 dedicate per i nostri siti "critici", le altre condivise tra altri siti). 2) quella consigliata da Shazan che ha trovato il favore anche del mio responsabile, ovvero prendere un dedicato (Server per virtualizzazione: Hosting - OVH, pensiamo di prendere quello che costa di più) e gestirlo in autonomia. Voi quale delle 2 soluzioni ci consigliate? Quali sono i costi "nascosti" del dedicato? A me vengono in mente: licenze plesk, software per il backup (tutte opzioni incluse nella soluzione VPS)... Vi ringrazio in anticipo per la collaborazione e vi saluto, Giuseppe
  2. Sì Grazie. Do un'occhiata a questi due fornitori e mi faccio un'idea... Se si vengono in mente altri nomi, ben vengano...
  3. Vorremmo comunque una soluzione "pronta per partire". La soluzione VPS OVH ci interessa perché ce la forniscono con Plesk già installato e possiamo iniziare da subito a migrare i nostri domini. Abbiamo un supporto sistemistico interno, vero, ma non siamo pronti (economicamente e come da tempo da dedicarci) per concentrarci su soluzioni "avanzate".
  4. Oh caspita… Valide alternative ad OVH? Dovremmo crearcele noi le macchine virtuali, giusto? E poi centralizzare tutto non è rischioso dal punto di vista hw? Se succedesse qualcosa, tutti i nostri siti andrebbero in DOWN.
  5. Intanto vi ringrazio per le risposte. Sì, pensiamo di gestire noi l'aspetto sistemistico delle VPS. Che opinioni hai letto sulla loro assistenza? Vorrei capire se è peggio di quella che abbiamo adesso, che si limita a riavviare la macchina su richiesta e che non si è MAI assunta la responsabilità di un disservizio (è sempre colpa dei nostri siti…). Darò un'occhiata all'offerta dei dedicati. Secondo te un dedicato è sempre e comunque meglio, nella nostra situazione, di un VPS? Ho fatto un calcolo "a spanne". A 4 clienti devo dare 4 VPS dedicati esclusivamente a loro. Rimangono circa 150 domini e ho pensato di "spalmarli" su 3 VPS, di tipo VPSCloud2 o VPSCloud3 (VPS Cloud: hosting in Cloud Computing - OVH - OVH), che mi pare non siano male dal punto di vista delle risorse. Secondo te è eccessivo? Vale la pena pensare di prendere 1 dedicato al posto delle 3 VPS?
  6. Ciao a tutti, questo è il mio primo post, sono Giuseppe e lavoro in una cooperativa sociale che si occupa, anche, di web. Stiamo pensando di dismettere il nostro rack (ospitato in un Data Center di Milano) in quanto i costi sono molto alti e, soprattutto, le macchine sono tutte decisamente datate, sia lato hw che lato sw. La nostra idea è quella di abbandonare le nostre macchine dedicate e migrare i domini dei nostri clienti su VPS. Secondo voi è una buona soluzione? Potrebbero esserci delle ripercussioni negative nel fare questo passaggio, dal dedicato al virtuale? Qualche informazione aggiuntiva: Piattaforma : Linux Informazioni sui domini : circa 180, di cui: 65% siti dinamici, 25% siti statici, 10% redirect/landing page. La maggior parte dei domini ha anche il servizio email. Linguaggi e database utilizzati : PHP+MySql Mb di spazio disco: In media 500 MB a sito. Al massimo 20 siti superano 1 GB di spazio su disco. Traffico mensile : In media 500 MB di traffico mensile. Altri servizi richiesti: Pannello Plesk, IP dedicati aggiuntivi per installazione SSL, Backup e ripristino, Monitoring servizi Budget : 5000 € annui Come ci consigliate di dimensionare la nostra nuova struttura? Ho ipotizzato 6-7 VPS per ospitare i 180 domini con le caratteristiche sopra descritte, 3 le dedicheremo quasi esclusivamente ai siti chiave che hanno bisogno di alta disponibilità. Negli altri 4 ospiteremo il resto dei domini. A tal proposito, per i domini non critici, vale comunque la pena optare per VPS o potremmo pensare ad un hosting condiviso su macchine gestite? Come fornitore per i server virtuali avremmo individuato ovh.it. I servizi e le risorse (spazio su disco, processori, RAM, backup e ripristino con veeam, etc.) che offrono sono davvero invitanti e anche i prezzi sembrano decisamente convenienti. Qualcuno ha mai lavorato con loro? Sapreste darci qualche dritta in merito, in relazione alla vostra esperienza? Rispetto ai più famosi (o più pubblicizzati) provider italiani, sembra non ci sia paragone, in termini di costi, risorse e qualità dell'assistenza. È gradito anche qualsiasi altro tipo di suggerimento circa altre eventuali piattaforme di hosting provider a vostro avviso solide e, se possibile, convenienti. Chiarisco, non cerchiamo quello che costa meno, ci va bene pagare a patto di avere un servizio affidabile. Grazie in anticipo e scusate per la lunghezza del post, Giuseppe
  7. Ciao a tutti, nella cooperativa sociale in cui lavoro stiamo pensando di dismettere il nostro rack in quanto i costi sono molto alti e, soprattutto, le macchine lì ospitate (linux, di nostra proprietà) sono tutte decisamente datate, sia lato hw che lato sw. La nostra idea è quella di abbandonare le nostre macchine dedicate e migrare i domini dei nostri clienti su VPS messi a disposizione da un fornitore esterno. Prima domanda: secondo voi è una buona soluzione? Potrebbero esserci delle ripercussioni negative nel fare questo passaggio, dal dedicato al virtuale? Come fornitore per i server virtuali avremmo individuato ovh.it. I servizi e le risorse (spazio su disco, processori, RAM, etc.) che offrono sono davvero invitanti e anche i prezzi sembrano decisamente convenienti. Siamo andati a conoscerli a Padova in un meeting da loro organizzato e ci hanno fatto davvero una bella impressione. Rispetto ai più famosi (o più pubblicizzati) provider italiani, sembra non ci sia paragone, in termini di costi, risorse e qualità dell'assistenza. Però vorremmo avere un parere da qualcuno di più esperto. Qualcuno ha mai lavorato con loro? Sapreste darci qualche dritta in merito, in relazione alla vostra esperienza? È gradito anche qualsiasi altro tipo di suggerimento circa altre eventuali piattaforme di hosting provider a vostro avviso solide e, se possibile, convenienti. Chiarisco, non cerchiamo quello che costa meno, ci va bene pagare a patto di avere un servizio affidabile. Grazie in anticipo, Giuseppe
×