Jump to content

Anthony

Members
  • Content Count

    19
  • Joined

  • Last visited

  1. Sì, ma io non vorrei ospitare un sito cono script proxy, più che altro vorrei creare un sito che parli dei proxy in generale e dei tool per trovarli.
  2. Vorrei creare un sito che tratta dei proxy e di tutti i tool per cercarli. Ho letto da qualche parte che spesso gli hosting non accettano questo tipo di siti. A voi risulta una del genere? Altra domanda: ho letto anche che google in genere banna i siti che hanno all'interno del dominio la parola "proxy". Avete mai sentito una cosa del genere? Mi sapreste consigliare un hosting straniero (preferibilmente americano) che accetta tali siti?
  3. Beh, alla fine come si è detto prima anche un hosting provider ha il diritto di sapere se sia rispettata la sua TOS. Però a livello legale, qualche pirla che ce l'abbia col provider potrebbe tranquillamente denunciarlo per "violazione privacy", anche se qua il termine so che non è quello, ma non saprei come dirlo. Una eventuale giuria accuserebbe "chi ha provocato l'azione", cioè la scoperta di tali file o scripts, cercando di capire il movente, sinceramente non so a quel punto chi abbia più ragione se il provider o l'utente. Bisognerebbe chiedere a qualche avvocato, purtroppo bravi in questa materia ce ne sono veramente pochi.
  4. Sì, non lo dovrebbe nemmeno leggere. Ma cmq rimane il fatto che lui controlla il suo traffico e sa benisimo quanto un sito è visitato. Peccato che a quanto sembra non ci sia un modo per tutelarsi da questo rischio.
  5. Beh, io non sto parlando di codice rilasciato o facente parte di qualche script free, mi riferivo ad un codice proprio di un sito fatto a manina da un webmaster che sa il fatto suo.
  6. La mia domanda è proprio quella del titolo del topic. Un hoster, che ospita il mio sito web nei suoi spazi web, può e deve controllare tutto il traffico che circola sui suoi server. Un hoster malintenzionato potrebbe tranquillamente rubare script che sono ottimizzati per garantire un alto ranking su google, o particolarmente studiati per fornire un'ottimizzazione del sito senza precedenti. Un'azione del genere non penso sia legale, a quanto sembra non esiste un modo per tutelarsi, a meno che non esista un modo per proteggere gli script da occhi indiscreti. Mi dite se vi è mai capitata una cosa del genere? e i vostri pareri su una questione così delicata? Premetto che a me non è mai capitata una cosa simile, però il rischio se ci pensate c'è.
  7. Anthony

    Creare dei sottodomini wildcard

    RISOLTO Grazie al consiglio di Ste ho configurato i DNS per usare i namserver di domainregister. Dopo stesso dal Cpanel che fornisce il mio hoster andandto in Domini -> Sottodomini sono riuscito a creare i domini wildcard semplicemente mettendo come dominio *.miosito.it e puntando tutti verso una cartella. Tutto funziona a meraviglia, senza aver contattato il mio hoster, ma soprattutto senza modificare il file http.conf di Apache, cosa che sta segnalata su molte guide. Ho scritto tutto questo perchè penso che molti abbiano l'esigenza di configurare i sottodomini in questo modo. Grazie a tutti
  8. Anthony

    Creare dei sottodomini wildcard

    Quindi posso utilizzare anche i nameserver di domainregister e risolvo il problema, allora devo fare così. Per quanto riguarda invece il problema della configurazione con l'hoster, ho visto che proprio ora anche lui sta leggendo il mio topic: hostwebservice.com come devo fare per risolvere il problema?
  9. Anthony

    Creare dei sottodomini wildcard

    Io ho lo spazio web da un aparte e la gestione dei DNS con domainregister.it Ho contattato questi ultimi che mi hanno detto che dovrei contattare direttamente il gestore dei nameserver sulla quale risiede il mio spazio web. La morale della favola è che dato che sto su un hosting condiviso non penso che il mio gestore mi faccia fare tutte queste personalizzazioni (modifica http.conf di Apache e modifica su nameserver). Una domanda: mi sono letto il tutorial che Ste ha postato nel post precedente, ma non parla proprio di modifiche al nameserver, boh...forse per modifiche intende semplimente l'aggiunta di un'entry nel nameserver sul quale risiede l'hosting. Qualcuno mi può iluminare in merito?
  10. Anthony

    Creare dei sottodomini wildcard

    Non spevo che si impostasse con CNAME, da una parte avevo letto che bisognava mettere l'IP. Per ora il mio problema è il DNS visto che il ping non funziona e non trova gli host del tipo xxxx.miosito.it Ho visto che anche il server che mi ospita deve essere configurato per accettare i domini wildcard, impostando il parametro virtual host. Mica sai se questo può essere fatto da CPanel?
  11. Sono registrato con domainregister.it vorrei sapere se qualcuno di voi è riuscito mai a creare col loro pannello dei domini illimitati tramite il wildcard (il cosiddetto asterisco) che puntano al mio hosting condiviso. la configurazione dovrebbe essere così: *.miosito.it A IPmiosito Qualcuno sa se si può fare con domainregister?
  12. Ragazzi stavo cercando un hosting buono e soprattutto che mi offra una buona assistenza in caso di problemi. Dovrei creare un sito con diverse foto, quindi mi piacerebbe un hosting con almeno 5 GB di spazio. Le caratteristiche dovrebbero essere: hosting linux php 5 (in particolar modo mi interessabero sapere le estensioni installate) database mysql almeno 5 almeno 5 GB spazio web Non so se prenderlo in italia o all'estero per me è uguale, l'inglese scritto per me non è un problema. Avevo individuato delle compagnie leggendo almeno una cinquantina di post qui nel forum: http://www.seflow.it (peccato che offrono solo VPS) http://www.netjaguar.com (mi piace per tutte le funzioni che dicono di installarti (interessante i cron jobs) http://www.netsons.org (sembra buona da come se ne parla, ma nel caso il sito va bene dovrei andarmi a cercare un altro hosting visto che questo offres olo share d e non vps e cose più avanzate) Ditemi quali sono le vostre esperienze in merito, in particolar modo vorrei che mi consigliate un provider che sia in grado anceh di farmi crescere: se mi trovo bene con un provider vorrei avere la possibilità anche di cambiare verso piani superiori, peccato che non tutti i provider facciano questo tipo di politica commerciale, forse i costi sono elevati. Cmq la cosa più importante è che vorrei spendere massimo finoa 70 euro, mi sembra una cifra ragionevole per quello che chiedo contando che lo shared si attesta attorno ai 30-40 euro l'anno. Avevo anche pensato ad un hosting condiviso, però non riesco a trovare niente per meno di 140 euro l'anno(quello di seflow.it), forse all'estero esiste qualcosa. Però non vorrei ritrovarmi con qualcosa di molto economico che poi ha continui down e cose simili.
  13. SCRIVI DENTRO GOOGLE site:tuosito.it e ti trova tutti i sottodomini preesenti dentro google
  14. Il mio dominio se lo sono presi questi: webnow.it Provate a scrivere webnow dentro google e vi uscirà una cosa del genere Mi dite voi tutto questo che significa? Questi i siti li rivendono? Non ci capisco niente. Si sono comprati migliaia di domini, ma perchè? Tutto fa capo a questo famoso sito fotoexpo.net, a quanto pare sono loro che hanno tutto in mano. Fanno promozione di siti, ma che senso ha comprarsene migliaia e metterci un logo loro, per pubblicità?
  15. Io ho aperto due ticket e non mi hanno risposto a nessuno dei due. Cmq come stanno le cose ne aprirò un terzo dove spiegherò tutta la situazione e poi vederemo. Intanto il dominio che mi volevo aggiudicare è entrato nella stato di active e se l'è aggiudicato un sito che rivende proprio domini. Chissà quanto mi chiederanno per averlo, staremo a vedere.
×