Jump to content

Valeriano Manassero

Members
  • Content Count

    1,667
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Posts posted by Valeriano Manassero


  1. MI sono spiegato male, intendevo che quando il server dovesse andare offline prima che riparta il secondario anche se passa qualche minuto non è un problema

    la mia preoccupazione non è un down della struttura ma di un qualcosa dentro la vps che la blocca per un qualsiasi motivo

     

    Secondo il mio umile parere, stai approcciando il problema dalla parte sbagliata e lo dico per te.

    Un "muletto" che parta in caso di necessità, sul cloud lo crei in 10 minuti ma non è ciò che ti serve.

    Se ascolti me, prima di tutto, chiarisci col cliente l'uptime che gli devi garantire e poi in base a quello scegli la soluzione più adatta altrimenti sarà un bagno di sangue e ti ricorderai di questo messaggio quando sarà troppo tardi (toccati :asd: ).

    Poi fai come vuoi.


  2. Ti ringrazio, si esatto, ho proprio bisogno del failover. Qualche minuto di down ci può stare in caso di problemi, non mi aspetto che in mezzo secondo sia passato al server secondario però neanche delle ore. Non sarei sicuramente in grado di gestire il tutto unmanaged

     

    Qualche minuto di down dell'infrastruttura in un anno è un uptime veramente molto alto da garantire.

     

    Forse non sono stato chiaro abbastanza, scusa, riprovo che a volte do per scontate delle cose:

    che uptime annuale devi garantire al Cliente da progetto?

    lo dico perché se l'obiettivo è un uptime garantito stile "servizi bancari", il cliente dovrà essere preparato a sborsare una svalangata di soldi e mi pare che tutta questa storia sia un enorme overkill considerato che non c'è ancora nemmeno il sito (se ho ben capito).

    Se è così, un uptime di una VPS professionale dovrebbe già essere una garanzia sufficiente.


  3. Esatto, devo bilanciare un sito web, il bilanciamento mi serve anche come "piano di riserva" nel caso in cui una vps andasse offline, il bilanciamento rimanderebbe tutto il traffico all'altro.

    Non ti serve bilanciare, come sospettavo, infatti non è che una macchina sola non riesca a sopportare il carico di lavoro.

    Tu vuoi un piano di failover che è una strategia totalmente differente.

     

    Non sono espertissimo, per questo cercavo qualcosa di non dico pronto ma predisposto

    Se per un sistema unico unmanaged dico sempre che ci vuole l'esperienza, in un contesto distribuito il livello di difficoltà sale e parecchio.

     

    Prima di tutto cerca di individuare quanto tempo puoi stare offline col tipo di servizio che offri e poi in base a quello si può parlare della soluzione più adatta.

     

    EDIT:

    Doppio incrocio con Flame, dovremo arrivare a sincronizzarci prima di postare :D


  4. Ciao a tutti, sono alla ricerca di un servizio cloud dove poter creare 2 server e un bilanciassero per bilanciare il traffico tra i 2. Avevo pensato ad Aruba cloud ma non saprei come fare per tenere sincronizzati i dati tra i 2 server, con plesk infatti non è il massimo questa cosa mi hanno detto.

    Qualcuno sa consigliarmi qualcosa?

    Grazie

     

    Plesk non ha niente a che vedere col bilanciamento.

     

    Intanto bisognerebbe vedere che cosa vuoi bilanciare e perché per scegliere la soluzione giusta.

    Immagino tu voglia esporre HTTP e HTTPS al pubblico, dubito tu voglia bilanciare mysql, piuttosto vorrai metterlo in failover ma stiamo parlando di due livelli di rete differente.

     

    Insomma, per andare su strutture di una certa complessità il pannello non lo prenderei nemmeno in considerazione se non DOPO aver creato tutta la struttura a manina con NFS, heartbeat, mysql in configurazione cluster ed altro.


  5. Come succede registrando per esempio le estensioni .de, è necessario avere un indirizzo locale in Germania, alcuni fornitori hanno quindi avuto la brillante idea di mettere a disposizione dei "prestanome".

    Quindi avvalendosi di questa pratica tu potresti per esempio registrare un .it con uno di questi registrar e far figurare questo "prestanome" al tuo posto, mantenendo quindi l'anonimato.

     

    M.

     

    Tutto legale, sicuro?


  6. Perchè allora questo ragionamento non lo si fa anche con i servizi di web hosting, visto il costo ormai accessibile di server virtuali, server dedicati e cloud?

    Perché un server va gestito e checchè se ne dica, il 99% degli utenti non lo sa fare e si affida al pannellino LOL di turno, magari free e anche famoso per essere un colabrodo :D . Poi fra 6 mesi torna qua a piangere che le sue mail vanno in spam o che, STRANAMENTE, il sito con 5 utenti attivi è inchiodato e comincerà ad incazzarsi che il provider non gli fornisce supporto per una vps da 5 euro al mese.

     

    Però da un certo punto di vista c'è del positivo in tutto ciò (non per noi ovvio), ovvero c'è sempre carne nuova da botnet :D

     

    P.S.

    Una soluzione di hosting un pelino più PRO con un certo tipo di garanzie potrebbe essere la scelta giusta in questi casi, ovviamente il cliente deve essere disposto a pagare per abbandonare una soluzione low-cost. (che poi parlassimo anche di 150 euro l'anno, per un professionista serio, sono noccioline da mettere a budget dai).


  7. Ad oggi non possiedo ancora nessun log.

    Secondo me c'è un problema di comunicazione tra te e l'hoster che dice, due righe più su, che te li avrebbe forniti.

     

    Per quanto controllabile da awstats e gli strumenti di google di problemi non ve ne sono, e anzi aggiungo non ve ne sono mai stati.

    Awstats e Google non sono strumenti di debug. Ti potrei illustrare centinaia di casi in cui con una sola richiesta di pochissimi kb, ti sparo la cpu al 100% per un po'. E poi non è detto che il problema sia il website ma potrebbe essere l'MTA, te l'ho già anche detto.

     

    Non per stressare o altro, ma HostingVirtuale ha sospeso il servizio perchè ha rilevato che qualcosa non andava con il mio dominio, ma cosa ha rilevato?

    Possibile che, sospendono perchè sanno che sia colpa del mio dominio, ma non sanno cosa sia ? Se lo sanno e non lo vogliono dire perchè è lavoro del cliente è ancora più grave.

    Non conosco le politiche di HostingVirtuale ma è possibilissimo che abbiano rilevato un'anomalia di consumo di qualche risorsa e non per questo conoscano la causa che risiede all'interno del tuo applicativo per cui loro non possono ovviamente intervenire. Se la tua auto fa fumo come una ciminiera, non passa il collaudo, ma il collaudatore non ti fa mica la diagnosi del motore, per quello ci vuole il meccanico che deve aprire tutto e capire dove sta il guaio.


  8. In questo dominio più che per l'hosting sitoweb lo uso per la Posta elettronica (lavoro).

    Una casella di posta per uso business con certe garanzie non la si ottiene con questo tipo di prodotto, hai fatto un errore di valutazione.

     

    Assolutamente apprezzabile l'orario di assistenza (ore 22.00-23.00)

    ma preferivo sicuramente non avere problemi piuttosto che avere assistenza a orari extra.

    :asd: :asd:

    Questa è fantastica :D Tutti preferirebbero non avere problemi nella vita, ma capita; è il come si interviene che fa la differenza.

     

    E' compito mio capire dove sia il problema

    Giustissimo.

    E' anche giusto che per poter fare debug devi poter avere strumenti adatti per poterci lavorare. I log di Apache sono il primo passo se parliamo del webserver, ma ci vorrebbero anche i log del MTA perché magari è lì che hai avuto un problema.

    Who knows?


  9. io aprii gia partita iva nel 2005 ma grazie al nero ho dovuto chiuderla dopo un anno.

     

    Posto che dovresti lavorare un pochino sulla tua capacità di formulare frasi di senso compiuto (non ti offendere, ma faccio fatica a capire cosa vuoi comunicare).

    Se ho ben capito sei ancora nella fase in cui si deve aprire partita iva. Primo pass: business plan e relativa quota necessaria all'investimento.

    Il resto viene dopo.


  10. Direi reseller, anche cloud. Registrazione dominio, spazio web linux, backup cloud

     

    Quindi un reseller di svariati prodotti piuttosto eterogenei.

    Direi che devi produrre una sequenza di contratti e non uno solo, inoltre, molto probabilmente, venderai prodotti combinati per il quale devi elaborare contratti specifici.

    E' assolutamente lavoro per un legale che devi mettere a budget.


  11. Quali molteplici ragioni? Sono curioso. :)

     

    Io con TI ho un rapporto conflittuale. Odio il loro supporto clienti che ho sempre trovato decisamente antipatico (non pretendo una preparazione estrema per un primo livello, ma se non capisci cosa ti dico scali, non fai l'offeso). Inoltre ho avuto una grana con un telefono che doveva essere omaggio come "risarcimento" per un disservizio che non mi è mai arrivato (chissenefrega) ma che poi mi è stato addebitato nella bolletta (!!!).

    A mie rimostranze mi hanno detto che non ci eravamo capiti (evabeh) e che il telefono era stato consegnato con tanto di scansione della ricevuta di consegna con una firma evidentemente non mia.

    A rimostranze ulteriori mi veniva detto di fare causa (si per 40 euro) ed allora ho messo TI in lista nera, mi avranno ciulato 40 euro ma non vedranno mai più un cent da me, che brucino :D


  12. Diverso è quando a risponderti è un tecnico "umano" che ti si rivolge sgarbatamente o addirittura in maniera offensiva. Essendo stato io ad aprire il topic posso dirti che è di questo che stavo parlando, non di altro, mi dispiace di non essere stato sufficientemente chiaro, o di aver dato addirittura la sensazione che si trattasse di un attacco alla categoria.

    Beh, un momento, il rispondere sgarbatamente o offensivamente verso un cliente io non lo prendo nemmeno in considerazione. E' chiaro che stiamo parlando di un rapporto di lavoro che, pertanto, deve essere regolato dalla normale civiltà richiesta.

    Io parlo, piuttosto, di ciò che può essere percepita come assistenza non "umana" perché automatizzata o perché non dovuta (quindi risposta con link alla kb e arrivederci).

     

    E' chiaro che se il tuo sito esplode perché è l'host ad essere esploso, in quanto provider sono tenuto a darti risposte ed anche a scusarmi.

    E' altresì chiaro che, se sull'host viene aggiornato PHP eliminando una versione in end of life ed il tuo cms non lavora sulla versione nuova, l'host non può fare una configurazione specifica per te che quindi ti devi sbattere a portarti al passo coi tempi.

     

    Ho portato questi due esempi presi dal repertorio di bei momenti che ho visto in prima persona e, in ambo i casi, l'utente finale (che seguivo io) bestemmiava in aramaico contro l'hoster, ma solo nel primo era nel giusto.

    Giusto per rendere l'idea.


  13. Magari stanno tentando un "ricatto" tipo Netflix/Verizon può essere...

    E' la stessa cosa che ho pensato anche io.

     

    Perchè proprio Vodafone? Sei masochista? :D

    Ue ue ue, io non sto in una grande città e qui sotto le montagne tra cinghiali e caprioli (e me :asd: ) non è che ci sono tante alternative :D

     

    Purtroppo ho solo il rame disponibile e quindi, eliminata Telecom Italia per molteplici ragioni mi rimaneva solo Vodafone per un pacchetto Business decente.

    Non ho nemmeno da lamentarmi, la connettività che mi danno è più che sufficiente per ciò che faccio e l'assistenza business è sempre stata veloce e puntuale, solo sta cosa mi è saltata su per puro caso e, un po' influenzato da cosa si sente in giro sulla net neutrality ho deciso di rendervi partecipi che magari scoprivo l'acqua calda :D


  14. Shaping o semplice saturazione di certi link? Per raggiungere la vpn passati dagli stessi carriers?

     

    In effetti, tramite la VM esco dall'Italia al MIX su Level3 fino a NeuLion (l'azienda che fa iptv per NFL ed altri). Se vado diretto tramite connettività Vodafone, al MIX prendo per Limelight.

    I traceroute dicono poco (sembra tutto a posto) ma l'impressione è proprio che la banda sia cappata. Insomma, un nodo saturo di solito va ad alti e bassi e comunque non è costante, mentre in questo caso stai costantemente sui 150 kb/s senza fluttuare.

     

    Certo, non ne ho le prove sicure, ma l'impressione è che qualcuno abbia chiuso a metà un rubinetto :D


  15. Buongiorno a tutti,

    eccovi un bel quesito interessante, magari alcuni di voi hanno avuto esperienze simili :D

     

    Io ho un ADSL Vodafone Business e devo dire che ne sono sempre stato soddisfatto in linea generale.

    Anche se è connettività, per l'appunto, da lavoro, mi capita di usarla per vedermi lo streaming delle partite NFL tramite regolarissimo abbonamento Gamepass che usa un comunissimo protocollo RTS.

     

    Fin qui nulla di che, ho sempre avuto banda sufficiente anche a sparare la qualità al massimo.

     

    Nelle ultime tre settimane la solfa è cambiata con un repentino calo della banda disponibile fino a qualche giorno fa quando lo stream bufferizzava continuamente anche a 250 kb/s.

    A parte le bestemmie (che poi è tempo sprecato che gli Eagles hanno giocato di cacca :asd: ), ad un certo punto mi è venuto un dubbio (anche perché un Youtube qualsiasi va a stecca).

     

    Creo una Debian sul mio cloud account, installo Openvpn e mando in route tutto il traffico dalla mia adsl verso l'esterno (primo caso al mondo di VPN on the fly durante una partita NFL :asd: ).

     

    Sorpresa, riesco di nuovo a vedere gli stream a qualità eccelsa :D

     

    Ovviamente a richiesta informazioni l'operatore nega che ci sia qualsiasi forma di shaping (è anche vero che, secondo me, ha mica capito cosa gli ho detto) e, nel contratto non vi è menzione alcuna di questo tipo di "ottimizzazione".

     

    Qualcuno di voi ha notato esperienze simili (anche con altri provider)?


  16. In questo HostingTalk è una evidente anomalia, non tanto perchè ci sono i providers, ma perchè mancano quasi completamente gli utenti finali. Questo forum (al quale sono affezionato, altrimenti non sarei qui 6 anni dopo l'iscrizione) è più utile a voi providers che all'utenza o ai potenziali clienti di hosting, ed è un peccato.

     

    Sono d'accordo col fatto che HT sia un'anomalia per quanto riguarda la sua tipologia di utenza.

    Infatti HT ha sempre puntato su contenuti tecnici di altissima qualità.

     

    Ci sono post, in questo forum, che sono vere e proprie perle tecniche che non troverai da nessun'altra parte perché i forum "concorrenti" hanno un livello medio bassissimo dove molto spesso chi ti "aiuta" è un newbie che fa più danno che altro. Del resto è anche giusto, un aiuto gratuito è "as is" ma è anche vero che ho letto certe boiate in giro da far venire i brividi.

     

    Insomma, alla fine tutto sta in che cosa si vuole ottenere.

×