Jump to content

sorpreso

Members
  • Content Count

    6
  • Joined

  • Last visited

  1. Ciao, intendi dire che per fare quello che ho detto bisogna agire anche a livello di applicazione. Normalmente per aggiornare si sovrascrivono i file dei programmi e si lancia uno script per aggiornare il database. In ogni caso ho salvato il sito che hai in firma.
  2. Salve a tutti, ho un'applicazione scritta in php/html5 che utilizza mysql / mariadb (un piccolo gestionale). Vorrei distribuirla in Cloud con un meccanismo automatico con modalità simili a quelle con cui vengono distribuiti i servizi di hosting: un nuovo utente si registra e attiva il servizio il sistema crea un ambiente a lui dedicato con l'applicazione pronta all'uso con un url dedicato l'ambiente del nuovo utente (file system e database) deve essere separato da quelli degli altri utenti possibilità, per me, di aggiornare contestualmente tutte le istanze degli utenti (applicazioni e database) Come fare e a quale servizio affidarsi (stavo guardando AWS , ...) Saluti
  3. il meta <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=windows-1250" > Togliendolo tutto ritorna normale . Come mai ? Mi sarei apettato queto comportamento con utf8 ma non con windows-1250.. Togliendo la riga le vocali accentate funzionano alla perfezione. Chi mi aiuta ? Ciao
  4. Hai perfettamente ragione . E' per questo che vogliamo cambiare. Certo 5 anni fà non era così (e anche in borsa il titolo quotava ben di +) e l'offerta all'epoca era competitiva. Adesso vogliamo "fuggire" ma non possiamo farlo perchè ci vengono negati diritti elementari. In particolare si può cambiare la e-mail del whois senza passare per chi ti gestisce il dominio ? Poi dovremo chiedere il codice per il trasferimento che dovrebbero spedire alla emial del whois. Non oso pensare. In pratica siamo "bloccati". Potremmo anche rinunciare al dominio come sito aziendale ma come dominio delle email è essenziale : sarebbe il caos dover comunicare a clienti e fornitori il cambio e-mail ....... Che possiamo fare ?
  5. Abbiamo un dominio in hoting presso Tiscali dal 2003 con il sito web e le e-mail aziendali. Le e-mail di dominio sono fondamentali e non possiamo perderle quindi il dominio dobbiamo mantenerlo. Vorremmo cambiare hosting (per vari motivi) e ci siamo accorti che: la e-mail del whois non è + in nostra disponibilità hanno cambiato le modalità di accesso al pannello controllo : prima si entrava con una e-mail come username e una password ora si entra con il codice utente e un pin che non abbiamo e non ci hanno mai comunicato. Abbiamo quindi richiesto di effettuare il cambio di e-mail del whois e di darci il pin (propedeutico per poter fare altre richieste on-line) Prima abbiamo mandato e-mail a cui hanno risposto dopo un 10 giorni e vari solleciti di chiamare il 192130 per chiedere come fare a inoltrare la richiesta. Al telefono ci hanno detto di mandare due fax separati a due numeri di versi con alleagata la fotocopia del documento dell'amministratore dopo 10 giorni dall'invio dei fax al telefono ci hanno detto di rimandarli perchè non ricevuti dopo altri 10 giorni hanno detto che il doc dell'amministratore non era leggibile e vedeva nel sistema che avevano ricevuto tutti e 4 i fax. Di mandare un altro fax in cui ci lamentavamo per le lungaggini e allegavamo nuovamente il doc dopo 10 giorni dall'invio di questo nuovo fax ci dicono al 192130 che è molto strano e che avrebbero attivato una erifica interna (oltre a dar loro il mio cell..) dopo 10 giorni al telefono mi dicono .. di mandare una e-mail :062802drink_prv: . Chiaramente perdo la pazienda definitivamente. Ho inviato la e-mail che hanno ricevuto (con la ric di ritorno) due giorni fa mancora non ho avuto alcuna risposta. Cosa fare ? Devo chiamare un avvocato ? Sono passati dalla prima email ben 60 giorni solari. Non mi sembravano richieste eclatanti .......
×