Jump to content

Stefano Bellasio

Members
  • Content Count

    83
  • Joined

  • Last visited

1 Follower

About Stefano Bellasio

  • Rank
    HT Member
  1. Ciao Marco, grazie mille per il tuo post e benvenuto :) Per l'hosting, patti chiari ma apri un nuovo thread ;)
  2. Stefano Bellasio

    Hosting per Forum molto popolato

    Lacky, le regole del forum sono chiare: i provider accreditati sono autorizzati a utilizzare i loro riferimenti in firma. Per il resto puoi pubblicare anche tu link da consigliare ma fornendo prova che tu abbia domini da loro. Grazie
  3. Stefano Bellasio

    Firma con link al proprio sito

    Perfavore, la email da utilizzare è info@hostingtalk.it per questo genere di richieste e informazioni. Ti prego di usare quella :) Grazie, chiudo.
  4. Stefano Bellasio

    Quale pubblicità funziona di più?

    se parliamo del settore dei servizi hosting e domini forse qualche consiglio credo di poterlo dare, basato sull'esperienza e su quello che ognuno può vedere in giro per il web, con un occhio critico: - Banner e creatività, guarda oltre il click la pubblicità tramite banner, che sia su un portale o che sia su Google AdWords serve: questo perchè gli utenti che non cliccano guardano in ogni caso la vostra pubblicità, e la "assimilano", questo è un aspetto che gli investitori in pubblicità considerano poco ma che è di fondamentale importanza per far conoscere il brand e far sapere che "noi ci siamo". Nessuna azienda paga qualche migliaio di Euro per volta per apparire sui giornali se non ha un ritorno di immagine, e per definizione una rivista o un giornale non sono per niente "misurabili". Il web si lo è, questo è un vantaggio ed uno svantaggio a volte, perchè vi sono molti inserzionisti che ragionano esclusivamente con l'ottica del pay per click. Credo che sparirà nel giro dei prossimi anni, così come i banner si stanno già evolvendo e le compagnie lo comprendono. - Monitorare i contenuti va bene, ma ci sono i contenuti? Guarda il tuo sito! Senza offesa, alcuni operatori italiani hanno dei siti web risalenti almeno al 1998 come impostazione e grafica, se questi sono contenti e non soffrono flessioni nelle vendite, meglio, ma se questo è uno dei problemi non c'è davvero pubblicità che tenga. I clienti che acquistano domini e prodotti hosting non sono più solamente i poco esperti di una volta. Oggi sanno valutare attentamente una azienda e magari fanno qualche ricerca se insospettiti dalla poca professionalità con cui vengono presentate le offerte: peggio ancora se non vi è di fatto alcuna indicazione di come sia strutturata l'azienda, di come venga erogato il servizio e con quali modalità. Insomma, nessuna azienda che presenti male i suoi prodotti può pensare di vendere online grazie ad una campagna pubblicitaria: anche portare tutto sulla prima pagina del Nytimes.com servirebbe a poco se il prodotto è davvero presentato in maniera sbagliata, come se ne vedono davvero tanti. - Comunicare con i clienti e partecipare Lo fanno società di grande livello, come Rackspace, o come ServInt, non vedo perchè società più piccole vedano spesso la partecipazione nelle community, nei blog e in generale negli eventi e portali di settore come una perdita di tempo. Nessuno ha ore da sprecare in questo lavoro, ma sarebbe utile iniziare a capire che questo porta realmente delle vendite concrete e aiuta la reputazione a crescere. - nel 2010 vendere un piano shared hosting senza pannello di controllo, 50 MB di spazio a 500 Euro l'anno non funziona Proprio così, non c'è verso di farlo funzionare, nemmeno se siete dei geni del marketing. E purtroppo si vede ancora qualche caso simile: cercate di dare un occhio al resto del mercato e spesso lasciare l'idea "noi siamo migliori", perchè purtroppo per molte realtà non è così e anche i clienti se ne accorgono rapidamente con un confronto delle altre offerte sul mercato. Potremmo continuare, ma vediamo se ci sono altri spunti utili :)
  5. Stefano Bellasio

    ottimizzare vps

    Iniziando a leggere le decine di articoli a riguardo su HT: Articoli | HostingTalk.it :)
  6. Bravo, è di questo che si doveva discutere, e vi prego di continuare su questo ;)
  7. Stefano Bellasio

    [Hosting Java] Dove? Come ? Perche ? :)

    In Italia non vi sono moltissime aziende del settore hosting che forniscono soluzioni Java, ti consiglio di guardare Hosting Java Tomcat - prova gratis il nostro servizio e JAVA TOMCAT e JBOSS HOSTING e HOUSING, Tomcat, Jboss, Jsp Servlet hosting, PHP Hosting, Mail, Database Services, VPS, che sono i due che offrono da sempre Java. HostingSolutions so che lo offre nel piano Platinum (Hosting Solutions - Platinum Linux) da sempre e poi penso ce ne siano pochi altri di cui non sono a conoscenza attualmente. Tieni conto che io non ho provato questi servizi, ti dico solamente quelli che so offrono questo servizio :)
  8. Stefano Bellasio

    Collegamento sospetto hostingtalk.it

    Ci sono alternative molto valide, basate su Windows, per ora procederemo a mettere in sicurezza Openx per valutare poi il passaggio :) Ci scusiamo con gli utenti per il disagio arrecato
  9. Beh devi tenere conto che si, puoi avere una spesa maggiore, a fronte però di tanti vantaggi per quanto riguarda l'uptime e la stabilità del sistema. Prova a guardare per prima cosa anche Amazon EC2 e S3, dopo di che il consiglio è quello di vedere per Rackspace CloudServer, anche qui però hai dei servizi professionali e i costi non sono irrisori :)
  10. Grazie ad Antonio per l'intervento. Fazer alla prossima sei fuori, se troviamo PM ban immediato
  11. Stefano Bellasio

    virtualizzare con hyper-v

    L'ho provato per un po' di tempo qualche mese fa nella versione "standalone" e devo dire che non mi sembrava male, però non avendo a corredo tutti i vari strumenti di gestione è dura dare un confronto con VMware :)
  12. Stefano Bellasio

    Cosa sono i database non relazionali (NoSQL)

    L'ha scritto Andrea, Giorgio, è scritto come Autore in alto :) Ottimi spunti comunque, se Andrea vuole può modificare l'articolo eventualmente o rispondere qui direttamente
  13. Si il paragone con Twitter non mette a confronto le due cose, semplicemente fa notare come Apple abbia spinto per avere un intervento significativo in questo caso, danneggiando la sua immagine. Per Flash e Adobe, a me non conta il succo, conta il comportamento di Apple che fa da barriera, non per ragioni tecniche, ma puramente commerciali, come nel caso di Google Voice: come possono nascere ottime cose in futuro su una piattaforma cosi chiusa? Concordo con Y2K sul resto, personalmente non mi sento parte di chissa cosa, Apple fa buoni prodotti e buon software, se questo viene meno, e il sw è troppo chiuso allora ciao ciao Apple. Microsoft, per assurdo, va verso ambienti e politiche più aperte, dopo anni che è stata accusata del contrario.
  14. Stefano Bellasio

    Scelte ambienti di sviluppo e pubblicazione

    Molto interessante anche la percentuale di persone che usano shared e server dedicati, quasi uguale
  15. Esatto, Giorgio questi toni non sono da chi ha 3000 messaggi, rilettura del regolamento? Grazie
×