Jump to content

cxcs

Members
  • Content Count

    191
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by cxcs

  1. cxcs

    server http

    Più servizi concentrati sulla stessa macchina non sono il massimo.Se poi parliamo di bassi volumi di dati può andare anche bene,ma si può immaginare un fornitore di hosting che mette db,http e mail sullo stesso server?
  2. cxcs

    server http

    Impossibile no ma sicuramente è una cattiva pratica.
  3. Per il login nel pannello di controllo del vps,non vengono forniti i dati di accesso.Sono uguali al nome utente usato per l'area clienti o cos'altro?
  4. Confermo,i servizi sono ripristinati. @Rebel toglimi una curiosità,l'accesso al pannello,quali credenziali usa?
  5. Sono passati più di una decina di minuti :D
  6. Stavo per aprire un post simile, non per gettare ovviamente fango ma per sollevare qualche spunto. Ho migrato su due Vps Flare Vm un cliente (per fortuna non con business vitali) e ieri ho riscontrato un down totale,pensando all'inizio che fosse dovuto a qualche applicazione andata a donnine, e rendendomi poi conto che si trattava di un down dell'infrastruttura.La cosa che ho riscontrato "grave" è la mancata risposta ai ticket, se non dopo quasi 12 ore. Attendiamo fiduciosi il ripristino, sperando che questo primo down possa essere solo d'aiuto a migliorare il servizio. @satollo Personalmente non chiuderei la porta in faccia solo per questo incidente di percorso ad un fornitore appena nato.Considerando che si tratta di una persona molto gentile qui sul forum,e che con gli sbagli si può solo migliorare,direi di continuare a dare fiducia. Saluti.
  7. cxcs

    VPS Low Cost in polonia

    Guarda io credo che non bisogni guardare troppo le cifre,siamo su 8 euro per l'acquisto di un prodotto su cui si pensa tu debba fornire un servizio e garantire un funzionamento.Non puoi affidarti a un OpenVZ da 4 euro al mese.Un investimento (se di questo si tratta) o lo fai bene o non lo fai per niente,ci guadagni di salute.
  8. cxcs

    VPS Low Cost in polonia

    @Xleon non capisco perchè ci si debba andare a complicare la vita in Polonia per comprare una Vps OpenVZ (dio ce ne scansi) quando ad esempio FlareVM » Xen VPS Hosting » promozioni ti da una macchina degna di questo nome (Xen) e con specifiche robuste (256MB ram per la entry). Edit,dopo aver letto che vuoi farci shared hosting,cosa speri di tirare fuori da 64MB? :)
  9. cxcs

    FlareVM

    Beh,pazienteremo,grazie comunque per la risposta :)
  10. cxcs

    Servizio Business

    @DonChisciotte purtroppo parli di assistenza penosa,altrimenti potevi tentare proponendo al fornitore un intervento con il greylisting prima di cambiare aria
  11. Lo script è semi automatico,va seguito,in particolare nella scelta di alcune opzioni a schermo e nell'impostazione della password di Mysql server,quando richiesto. Le configurazioni manuali da fare sono : - Prima di lanciare lo script : l'aggiunta di usrquota e grpquota al filesystem su cui si vogliono abilitare le quote (edit di /etc/fstab) - Dopo aver terminato l'esecuzione : l'impostazione della direttiva Incremental On in /etc/webalizer/webalizer.conf Il file squirrelmail.exp è uno script Expect che configura in automatico squirrelmail per l'utilizzo con courier. L'ultimo passo necessario è il download di ISPconfig e l'installazione,che ho preferito mantenere manuale,finchè non metto a punto altri dettagli. To do : 1.automatizzare la modifica di /etc/fstab e di webalizer.conf 2.automatizzare il download,se disponibile, della versione più recente di ISPconfig,includendo la procedura nello script 3.automatizzare anche l'installazione di ISPconfig con l'utilizzo di Expect N.B come sempre,tengo a precisare,script non adatto ad un ambiente di produzione ispconfig_inst.zip
  12. Ciao a tutti. Sarà privo di basi,un confronto impari ma giocando con un paio di macchine ho tirato fuori un interessante risultato e mi piacerebbe discuterne qui. Un loop che genera 1000 messaggi,diretti ad un utente locale sul sistema.Ho fatto tre prove, la prima con OpenBSD + Postfix, la seconda con Debian + Exim,la terza con Debian + Postfix : #!/bin/bash COUNTER=0 while [ $COUNTER -lt 1000 ]; do echo "Mail test" | mail -s "Mail test" user@my.domain let COUNTER=COUNTER+1 done risultati : OpenBSD 4.6 + Postfix 2.7 - 256MB Ram 32bit # time mailloop 1m33.93s real 0m0.42s user 0m17.18s system Debian 5 + Exim4 - 256MB Ram 32bit # time maillop real 5m53.612s user 0m4.828s sys 0m43.535s Debian 5 + Postfix 2.5 - 256MB Ram 32bit # time maillop real 3m50.378s user 0m6.768s sys 1m1.236s OpenBSD surclassa ampiamente Debian in termini di velocità.Si sapeva già?Commenti?A presto.
  13. In effetti un test del genere vuol dire poco e niente,trattandosi del risultato di un attimo di tempo libero che ho impiegato per giocare,però ho postato per discuterne un pò,e vedo con piacere che c'è un pò di interesse.I due sistemi sono di default,con le versioni di Postfix reperibili a corredo.E' abbastanza eloquente anche il confronto Debian - Exim con Debian - Postfix. Ps.ho sentito di gente che è passata da BSD a Debian per utilizzo mail server,bollando BSD come inadatto per task cpu-bound.Ma sarà vero?
  14. Durante gli interventi di manutenzione periodica sui server, ci si trova molto spesso a seguire uno schema collaudato,basato su alcuni punti principali : - verifica servizi e processi attivi - verifica valori ram - verifica carico medio - verifica connessioni di rete attive - verifica spazio su disco e quote utente (se presenti) - verifica log - verifica coda email (se mail server) - controllo malware con rkhunter e chkrootkit verifica servizi e processi attivi Consiste nell'accertarsi che i servizi presenti sul server siano correttamente funzionanti e attivi. Comandi principali : ps top verifica valori ram I valori della ram,che devono essere adeguati alla quantità ed al tipo di demoni attivi sul sistema,devono essere monitorati per assicurarsi che non si verifichino saturazioni della memoria con conseguente perdita di servizio. Comandi principali : free vmstat verifica carico medio I valori di carico medio del sistema sono dei parametri fondamentali per capire se ci si trova di fronte a qualcosa di anomalo,valori che verrano analizzati per prevenire eventuali colli di bottiglia. Comandi principali : uptime w verifica connessioni di rete attive La visualizzazione delle connessioni di rete attive sul sistema permette di individuare possibili pericoli,come ad esempio i SYN flood.Un alto numero di connessioni con flag SYN_RECVD è un evidente sintomo dell'inizio di un attacco di tipo SYN flood. Comandi principali : netstat ss verifica spazio su disco e quote utente Monitoraggio della quantità di spazio su disco e di eventuali quote utente. Comandi principali : df du repquota
  15. @DonChisciotte sono anch'io d'accordo con te,automatizzare va bene,ma per le cose meno delicate
  16. @grg continuo a sostenere che chi deve interpretare i comandi ed è all'inizio,stia seguendo letture integrative sull'architettura dei sistemi.O forse date per scontato che stiamo scrivendo le guide per i 15enni che installano ubuntu e si svegliano la mattina dopo sistemisti.Continuo a non seguirvi.
  17. Credo che una persona dotata di un minimo di buona volontà e cervello votato alla causa,non abbia difficoltà ad interpretare il risultato di un comando.Penso sia sottinteso che quello che si scrive su questo forum venga letto da una platea con un titolo di studio superiore alla 5 elementare e con un'attitudine all'argomento. Penso che qua si vogliano mettere troppi paletti tra i guru e chi ha voglia di imparare,una bella filosofia, alla faccia della tanto sbandierata condivisione.
  18. Se non ricordo male, il topic era iniziato come una serie di tutorial collaborativi per aiutare chi aveva bisogno di imparare qualcosa.Da parte mia è anche uno sbattimento scrivere a cosa serve du e netstat perchè li conosco da quando poppavo il latte dalla mamma,dunque mi sorprende che vi mettiate a criticare la gente che aiuta a far crescere il topic collaborativo per noob che voi stessi avevate lanciato.Saluti.
  19. cxcs

    Passaggio a VPS, mi conviene?

    Ciao, oltre a dover considerare al rialzo la stima dei 50-60 utenti che ci descrivi,considera anche : - molta ram per supportare il db - capacità di amministrazione della vps,dato che se non hai le competenze necessarie ti troverai a dover pagare più di sistemista che di canone per l'acquisto della macchina Tra i fornitori, controlla le offerte di Ovh (stanno per arrivare le offerte cloud),FlareVM o Linode. Tieni anche conto che spesso una Vps non è adatta ad usi intensivi e il costo per una macchina virtuale con molta ram va a raddoppiare il costo del mantenimento (tra canone e sistemista) rispetto ai tuoi 160 euro di hosting. Se prevedi un buon ROI considera inoltre l'acquisto di un dedicato se prevedi aumenti considerevoli di traffico e visite,fermo restando che bisogna possedere la capacità di saper amministrare una macchina. Le righe di cui sopra,se vuoi fare le cose per benino. ;)
  20. Buonasera a tutti, ho avuto la necessità urgente di approntare uno script di backup per ISPconfig 3. Dato che molti sul forum apprezzano questo pannello, ho ritenuto opportuno postare il codice. In rete esistono molte varianti di script di backup per ISPconfig 3, tutte più o meno adattabili ma ritengo che uno script vada cucito su misura in base al sistema ed alle esigenze di chi lo userà. Quello che segue è un backup semplice, non incrementale, che crea un tar unico di tutti i db e delle cartelle vitali del sistema. Il restore lo posterò spero a breve appena ho tempo. #!/bin/bash - #=============================================================================== # # FILE: ispconfig_backup.sh # # USAGE: ./ispconfig_backup.sh # # DESCRIPTION: Uno script per il backup di ISPconfig 3 # OPTIONS: --- # REQUIREMENTS: --- # BUGS: --- # NOTES: --- # AUTHOR: Gagliardi Valentino - info at calabriaunix.org # CREATED: 13/12/2009 16:16:44 CET #=============================================================================== DIRECTORIES="/etc /usr /var" ESCLUDI="/home/cxunix/exclude_dir" ##il file che contiene le cartelle da escludere BACKUP_DIR="/home/cxunix/ispconfig_backup_$(date +%m_%d_%Y)" DBUSER="root" DBPASSWD="passdimysql" TAR="/bin/tar -vpcPSzf" ATAR="/bin/tar -pcPf" DUMP="/usr/bin/mysqldump" ####### ##START ####### function backup_cartelle { echo "Fermo Postfix..." /etc/init.d/postfix stop > /dev/null sleep 2 echo "Mi preparo al backup delle directory..." sleep 2 mkdir $BACKUP_DIR echo "Eseguo il backup, attendere,output scritto su $(date +%m_%d_%Y).log" $TAR $BACKUP_DIR/ispback_$(date +%m_%d_%Y).tar.gz $DIRECTORIES --exclude-from=$ESCLUDI > $BACKUP_DIR/$(date +%m_%d_%Y).log } function backup_database { echo "Eseguo il backup dei database..." sleep 2 ## dump del database di ISPconfig $DUMP -u$DBUSER -p$DBPASSWD --add-drop-table --add-locks --lock-tables --quick --allow-keywords dbispconfig > $BACKUP_DIR/dbispconfig.sql ## Da qui in avanti possono essere dichiarati tutti i database di cui volete eseguire il backup $DUMP -u$DBUSER -p$DBPASSWD --add-drop-table --add-locks --lock-tables --quick --allow-keywords database1 > $BACKUP_DIR/database1.sql $DUMP -u$DBUSER -p$DBPASSWD --add-drop-table --add-locks --lock-tables --quick --allow-keywords database2 > $BACKUP_DIR/database2.sql } function arch { echo "Creo un archivio totale..." sleep 2 $ATAR $BACKUP_DIR.tar $BACKUP_DIR echo "Pulisco..." sleep 2 rm -rf $BACKUP_DIR } function postfix_restart { echo "Riavvio postfix." sleep 2 /etc/init.d/postfix start > /dev/null echo "Backup eseguito." } backup_cartelle && backup_database && arch && postfix_restart Il file exclude_dir è così composto : /usr/sbin/* /usr/bin/* /usr/share/man/* /usr/share/doc/* /var/backups/ /var/cache/* /var/run/* /var/lock/* /var/opt/* /var/tmp/* /var/lib/amavis/* /var/spool/postfix/dev/log /var/spool/postfix/public/* /var/spool/postfix/private/* /var/spool/postfix/var/run/* Critiche, modifiche, commenti sono bene accetti. Saluti.
×