Jump to content

Lucas

Members
  • Content Count

    19
  • Joined

  • Last visited

  1. E' un po' difficile dirti cosa correggere, senza poter esaminare gli script e senza sapere come è stato realizzato... Come e con cosa l'hai realizzato il sito? Usi un cms oppure è stato programmato tutto a mano?
  2. Ciao, premetto che la mia risposta non puoi prenderla come olio colato perchè potrebbero esserci altre cause che non conosco e ti invito anzi a verificare quanto ti scrivo per il caso specifico. Detto questo, ti posso dire che a volte l'errore 500 non dipende affatto da un problema Dns, ma da errori di programmazione. Ti consiglio di fare quanto segue: 1) Scarica e analizza i tuoi log. All'interno, cerca gli errori avvenuti nelle date in cui hai riscontrato i problemi. 2) Controlla che non ci siano errori (anche saltuari) negli script che accedono al database e non solo in quelli. Potresti avere delle pagine con script scritti male che vanno a incidere molto sul tutto. Trattandosi di una VPS e non di un Hosting condiviso, non so dirti di più e magari ci sono questioni diverse da valutare. Come detto in apertura, questa è solo una possibile spiegazione, ma spero di esserti stato di aiuto.
  3. Salve a tutti, ho un sito web all'interno del quale mi piacerebbe creare una piccola sezione in lingua inglese, con contenuti simili. Vorrei quindi sapere dai più esperti, se possibile, tre cose in ottica SEO: La sezione in lingua inglese conviene inserirla in una sottocartella, in un sottodominio, oppure la cosa è indifferente? La sezione in inglese può in qualche modo far storcere il naso ai motori di ricerca considerando che attualmente l'intero sito ha contenuti in lingua italiana? I metatag in inglese (e qualunque altra attività SEO in inglese) possono dare "fastidio" al posizionamento del sito e agli altri metatag in italiano? Se ci sono altri aspetti che non conosco o che non ho indicato, sono graditi altri suggerimenti. Ringrazio sentitamente chi mi darà informazioni.
  4. @VHosting: Prima di tutto grazie per la risposta! Per assistenza "eccellente" intendevo un servizio che risponde in maniera rapida e dettagliata alle richieste e che risolva velocemente eventuali problemi tecnici senza far attendere tempi biblici per una risposta. Dovrebbe essere la norma, ma non è sempre così. Hai perfettamente ragione quando dici che molti problemi sono dovuti a errori commessi dal webmaster (che poi magari telefona arrabbiato per segnalare un problema al server che invece è un errore di programmazione o di altro genere sul sito ) e in quel caso c'è poco da fare se non suggerire allo stesso di correggerli. Grazie ancora per la risposta.
  5. Scusate la domanda forse sciocca ma...per "velocità di caricamento" si intende anche quella dovuta al peso di immagini e pagine web? Oppure solo alla velocità del server? Io direi decisamente la prima, ma aspetto risposte da chi ne sa più di me, grazie.
  6. Ciao a tutti. Premetto che vi leggo spesso e che vi ringrazio per i consigli preziosi avuti da voi in passato. Ora ho bisogno di un hosting per un nuovo progetto da realizzare (hosting shared) e qui sotto vi elenco le caratteristiche di cui necessita il sito. Se potete dare un'occhiata e indicarmi qualche provider per voi affidabile e con cui vi siete trovati bene, ve ne sarò grato. Hosting provider italiano con server in Italia Server Linux Mysql senza troppi limiti ( es: limite di query orarie, massimo 10 mega, ecc..) Ottima assistenza e uptime eccellente Spazio web da un giga in su Traffico garantito di almeno 20 Giga mensili Almeno 10 sottodomini e 20 account email Sistema di backup settimanale Scalabilità del pacchetto con possibilità di aggiungere risorse man mano Budget massimo: intorno ai 100-120 euro annuali ma ovviamente importi minori sono benvenuti, purchè sia un ottimo servizio con assistenza eccellente. Per il momento, il sito è senza installazioni particolari, ma non è detto che in futuro non si cambi: proprio per questo motivo c'è bisogno della possibilità di aggiungere risorse in seguito. Ho guardato nelle offerte e ne ho trovati diversi di provider, ma molti hanno i server all'estero e per questo progetto è richiesto il server in Italia. Avete consigli, per favore? Mi interessano molto i pareri e le esperienze dirette, ma ogni consiglio o indicazione sarà benvenuto. Grazie in anticipo a chi mi consiglierà.
  7. Grazie per la risposta. Guarderò con attenzione la sezione indicata.
  8. Salve a tutti. Ho la necessità di trasferire un dominio e chiedo gentilmente la vostra opinione. Il sito è quasi interamente statico con numerose pagine in HTML e circa 5 pagine dinamiche in php che si connettono a un database Mysql. I contenuti sono quasi tutti testuali con semplici immagini decorative tutte ottimizzate per il web. Esiste all'interno una piccola community e ogni utente, attraverso un'area riservata, con un semplice form può inviare un piccolo articolo di testo che potrà poi essere commentato da altri utenti. Non esiste alcuna procedura di registrazione, nè pagine con profili utente o messaggi privati, in quanto viene eseguita una selezione di utenti che poi collaboreranno all'arricchimento del portale e saranno quindi aggiunti a mano. Il portale non utilizza nessun CMS, ma solo piccole aree riservate da me create in Php e come detto, poche pagine dinamiche che visualizzano gli ultimi N record del database...progetto però di inserire un piccolo blog che fungerà da semplice notiziario (sempre in php). Fornisco di seguito alcuni dati utili relativi alle statistiche dell'ultimo mese Total hits: 326228 Total files: 298486 Total Pages: 59274 Total visits: 19296 Total KBytes: 2424374 Di seguito alcuni dati relativi alle statistiche basate su media giornaliera: Hits per Hour: 453 Hits per Day: 10874 Files per Day: 9949 Pages per Day: 1975 Visits per Day: 629 KBytes per Day: 80812 Infine, vi elenco alcune cose per me necessarie. 1) Uptime garantito e comunque un servizio affidabile. 2) Almeno 3 sottodomini attivabili 3) Almeno 2 giga di spazio web. Il traffico per ora è basso (poco più di 2 giga mensili), ma in previsione di allargamento del sito più ne ho e meglio è. 4) Id-shield per il dominio 5) Possibilità di visionare log del server (access log ed error log), anche solo su richiesta (meglio se da pannello). 6) Poter gestire senza problemi permessi di scrittura su alcuni file, dato che utilizzo un sistema di caching delle pagine e altri script. 7) Statistiche di accessi, visitatori, ecc... 8) Servizio di assistenza veloce e competente. 9) E' fondamentale avere un'offerta scalabile in caso di necessità e che non mi lasci a piedi se ho molte query giornaliere o orarie. 10) Almeno 10 indirizzi email con antispam, meglio se IMAP. 11) Hosting Linux con database Mysql da almeno 100 Mega per andare sicuro. 12) Una banda minima garantita che sia decente. 13) Budget massimo 70 euro, ma posso spendere di più se necessario. E' gradito un sistema di backup per database e files. Una annotazione: traffico e spazio occupato sono al momento irrisori (il database è poco più di 200 K e il sito occupa 100 mega circa ), ma conto di allargare parecchio il tutto, quindi questo va tenuto in conto. Grazie a chi saprà consigliarmi!
  9. Vi ringrazio per le cortesi risposte. Credo che l'unico modo per non perdere nulla a livello di Seo sia utilizzare questo servizio a pagamento che costa 12 dollari: Offsite Redirect Support — WordPress.com Però sto valutando anche altre possibilità per riorganizzare il blog, anche in forma diversa se necessario. Grazie per i consigli.
  10. Ciao a tutti. Ho un dominio .com ottimamente posizionato (ho circa 6 chiavi di ricerca che riportano tra la prima e la sesta posizione sulle serp e numerose altre nelle prime 20 posizioni) e ho anche un blog su wordpress.com che funge da notiziario e approfondimento degli argomenti trattati sul sito, nonchè da contenitore di articoli vari sempre su quell'argomento. Ho anche un dominio .it che fa da redirect sul .com Il blog ora mi sta un pò stretto, nel senso che vorrei migliorare la grafica e gestire il codice html, cosa che con un dominio di terzo livello non è possibile fare essendo su una piattaforma gratuita. Il blog, pur trattando lo stesso argomento (ma in maniera più approfondita) mi porta migliaia di visite sul sito. Ho anche altri progetti per il blog, attualmente irrealizzabili sulla piattaforma gratuita. La domanda è questa: installare wordpress sul dominio .it (che quindi non sarebbe più un redirect ma un dominio a se stante con lo stesso nome del dominio .com) mi conviene in termini di posizionamento? Oppure potrebbe creare dei problemi per contenuti troppo simili (ma scritti in maniera compleamente diversa)? conviene un nuovo dominio visto che vorrei tenere separate le due cose? Finora ho avuti ottimi risultati con il blog http://nomedelmiosito.wordpress.com. Ovviamente lo scopo è quello di migliorare per aumentare anche la visibilità del portale. Grazie a chi sarà così gentile da rispondermi e consigliarmi.
  11. L’isola della poesia è un portale per poeti e scrittori che amano la scrittura e desiderano migliorare il proprio stile e pubblicare le proprie opere. Il nostro sito è diviso in diverse sezioni che contengono poesie di ogni genere, principalmente amatoriali ma anche famose. Sono inoltre presenti una guida alla poesia e una sezione appositamente creata per gli aspiranti scrittori in cerca di editore. Il portale è per la maggior parte statico, ma contiene anche una parte dinamica in cui gli utenti possono, attraverso un cms creato da me, pubblicare poesie e usufruire di una propria vetrina contenente le loro opere. Ho utilizzato il linguaggio PHP e un database Mysql. Il sito è ospitato su un hosting shared (Linux) e ha una media di 600 accessi unici. Ho lavorato moltissimo per ottimizzare le pagine per i motori di ricerca e infatti, scrivendo ad esempio su google "poesie amatoriali", ho conquistato la vetta delle prime due posizioni (ma sono posizionato bene anche con altre ricerche in ambito poetico, come "poeti famosi" o "poesie famose" e numerose altre). Un'altra cosa su cui lavoro molto è la leggerezza delle pagine e in questo modo ho ridotto il traffico consumato a poco più di due giga mensili, nonostante i quasi 13.000 contatti totali giornalieri. C'e' però da dire che essendo i contenuti quasi unicamente testuali (poesie e guide), non poteva essere altrimenti e quindi il traffico consumato e lo spazio occupato sono irrisori. Di recente, ho ottenuto segnalazioni e interviste da parte di associazioni culturali e case editrici e anche una segnalazione dall'accademia mondiale della poesia. Per concludere, io e i miei collaboratori, lavoriamo molto per distribuire e-book di carattere informativo e filmati utili per tutti gli aspiranti scrittori e poeti. Indirizzo: http://www.isoladellapoesia.com
  12. Lucas

    PHP e consumo risorse sul server

    Per quanto riguarda la mia esperienza, google non ha mai dato problemi e non ho mai modificato le impostazioni di scansione. Altri spider, invece, come quello di Yahoo soprattutto, esagerano un pò. Yahoo arrivava a consumarmi centinaia di mega di traffico al giorno, poichè faceva almeno 15-20 scansioni al giorno e ogni volta su migliaia di pagine (aprendo altrettante connessioni al database). In casi come questo, o si modifica il file robots.txt impostando la scansione del singolo spider in maniera più bassa, oppure si agisce a livello di Php. Un'altra soluzione è quella di dare ai link meno importanti l'attributo nofollow (<a href="pagina.php" rel="nofollow">). In questo modo gli spider non apriranno la pagina che fa capo a un certo link, con grande risparmio sui consumi. Rimanendo in ambito programmazione, si può ovviare in parte utilizzando le sessioni. Alcune pagine possono essere rese navigabili e/o attraversabili da uno spider solo se si è effettuato un login o una certa operazione. Mi spiego meglio: un link può essere 'normale' oppure può avere l'attributo 'nofollow'. Tramite php (e non solo php) si può fare in modo, con una semplice istruzione IF, che il link abbia o meno quell'attributo a seconda che l'utente sia loggato o meno. Il link ci sarà sempre e comunque (e chiunque potrà cliccarci sopra per raggiungere la pagina a cui punta), ma lo spider, non avendo effettuato login, si ritroverà con il collegamento 'bloccato" dal nofollow e non seguirà quel link (e non aprirà connessioni al database, nel caso la pagina seguente fosse dinamica). Chiaramente, bisogna scegliere con cura i link da bloccare agli spider, altrimenti ci si ritrova con pagine importantissime non aggiornate o non indicizzate dal motore di ricerca.
  13. Lucas

    PHP e consumo risorse sul server

    Aggiungo una cosa. Bisogna fare attenzione agli spider dei motori di ricerca. Alcuni scansionano migliaia di pagine (aprendo tante connessioni) in pochi secondi, molte volte al giorno. E' importante limitare i passaggi di tali spider impostando tramite robots.txt la frequenza di scansione (quando possibile) e intervenire a livello di programmazione e/o di html sui link per limitare i "giri" inutili (chiaramente non su pagine importanti). In questa maniera, si può risparmiare parecchia banda e traffico mensile.
  14. Lucas

    PHP e consumo risorse sul server

    Vedo che mi state dando consigli veramente preziosi, alcuni li conoscevo ma altri no. Grazie a tutti.
  15. Lucas

    PHP e consumo risorse sul server

    Si...hai perfettamente ragione, la domanda in effetti è posta male. Mi riferivo all'efficienza degli script, non ai compilatori. La vera domanda voleva essere: volendo scrivere, per gestire un sito, piccole applicazioni lato server da zero cosa incide, tra le mille cose, sui consumi di risorse e l'efficienza a livello di codice php? Spero che ora sia più chiara la domanda, grazie per la puntualizzazione corretta.
×