Jump to content

cosmy

Members
  • Content Count

    15
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1
  1. Alla fine ho optato per playnet, proprio perchè ho bisogno di appoggiarmi a qualcosa di strutturato e possibilmente raggiungibile (abito a 10 km dalla loro webfarm). Appena entriamo a regime non mi posso permettere down o problemi.
  2. Ho miriadi di siti che usano un servizio italiano per il dominio (nameserver) e puntano sull'ip del server in america. Non ti so dare note legali, ma sicuramente tecnicamente non ha nessuna complicazione. Però devi metterti nell'animo che le modifiche al dns non si propagano nel mondo in maniera lineare ne immediata quindi per almeno un giorno ci potrebbero essere persone che vedono il sito all'ip vecchio e altre che vedono già il nuovo.
  3. Non vedo il problema. Faccio una ipotetica iniziale e specifico che non concordo se i termini del servizio in discussione sono ciò di cui poi espongo sotto. Mi pareva fosse in discussione il vendere pubblicità su internet come business e su tale assunto mi esprimevo.
  4. Ma se la CDN me la volessi costruire da solo? Ho a disposizione svariati domini e due server (uno molto performante, l'altro una ciofeca da 1Mb di RAM, ma con molta banda), più qualche spazio hosting che però non ha delle performance utili alla causa. Secondo voi merita sbattersi per distribuire i contenuti? Inoltre come qualcuno ha accennato, crearlo solo a livello di dominio mantenendo le cose sulla stessa macchina, non rischia di allungare i tempi (una nuova ricerca dns, per poi andare ad aprire un'istanza in più di apache), o è vero che in generale migliora il caricamento? Se lo miglior però temo che saturi più velocemente la banda. La prima netta separazione che ho fatto è tra inserzioni e web. adserver seprato dal sito. Le immagini invece per spostarle una volta uploadate dovrei mettere su un cron tra i due server che ogni secondo faccia un rsync. Quello che mi preme sono i Javascript e i css, che cambiano di rado. Quelli dite è bene separarli?
  5. Forse non ho ben capito di cosa si parla, ma le cose che dite non sono propriamente vere. La pubblicità si sta spostando dal cartaceo al web ed è un dato di fatto, tanto che i quotidiani svendono le loro pagine. Ovviamente non parlo di circuiti banner, parlo di aziende che vogliono colpire un target ad hoc, sia come posizionamento delle stesse che come realizzazione dell'adv. Io non ho capito bene cosa vuole realizzare l'utente, ma a seconda di quello che fa può funzionare o meno. Se ha accordi con editori e fornitori di contenuti può essere veramente un buon business.. se vuole lanciare un circuito di rotazione banner beh.. auguri!
  6. so che sono conti che trovano il tempo che trovano ma più o meno volevo capire quanti utenti posso supportare con tempi di caricamento dignitosi. E vorrei capire anche come reagisce ai picchi questo link. Io finora ho avuto soluzioni con banda mensile forfettaria, quindi non mi so regolare sulla banda al secondo.
  7. Firebug mi segnala una dimensione della pagina media di 850Kb, non tutta fornita dal mio server (c'è adsense, facebook etc..) quindi la mia parte è stimabile in 600kb di cui l'html 80Kb. Con una banda da 1Mbs garantito (picco max di 10Mbs) quanti utenti/request posso fornire al secondo e soprattutto quanto e come deteriora il servizio? Non mi è ben chiaro (e dire che queste cose le ho pure studiate) che meccanismi scattano nel fornire la pagina e quindi su quali numeri effettivi fare un po' di conti.
  8. voi cosa consigliate? io per or che farebbero al caso mio avrei visto questi: Xeon Quad Core | Prodotto | hosting-linux ma il fatto che mi dia errore mysql quando vado a prenotare mi mette un po' di perplessità :) https://cp.seflow.it/ordini/dserver.php?id=6 Supermicro Xeon3430 - 8Gb di Ram - 5 TB con Uplink a 100Mbps - Managed (anche se devo capire come) a 125€ Hosting & Housing - Seeweb: innovazione e qualità 2 Core - 8Gb RAM - 10 Mbps (Garantita) 116,00 €/mese In più mi sto facendo fare un preventivo da Playnet.it Non ho praticità ne di Supermicro (sempre usato Dell) ne come funzioni un Cloudserver. Però come prezzi e offerta queste tre sono il mio range di scelta
  9. Chiunque in realtà ti venda un servizio non ospitato in Italia..
  10. Ciao a tutti. Ho un sistema di portali di news molto oneroso come risorse che al momento risiede insieme ad altri miei clienti su un server in america (meganet serve / infortech) su una macchina da un giga di ram, pentium 4. Le visite crescono di giorno in giorno e anche le redazioni locali, quando c'è uno scoop a volte capita di avere tanti accessi in contemporanea e se voglio servire tutti, tra apc, caching e altre soluzioni, quasi subito inizia a swappare e si satura, compromettendo la fruibilità anche degli altri clienti. Ergo devo migrare su una soluzione ad hoc e possibilmente in italia rispondendo al ping in tempi inferiori ai 100ms Mi sono visto intorno e il miglior compromesso costi/prestazioni mi pare Seeflow, ma potrei sbagliarmi. Il mercato italiano non lo conosco se non per soluzioni altamente personalizzate e di alto livello ( alcune ditte per cui lavoro hanno accordi personalizzati con banche e telecom con banda illimitata ). La questione sta diventando urgente e mi scoccia tremendamente affrontare certe cose con la fretta, quindi sono a chiedervi un consiglio per un budget possibilmente entro i 150€ (almeno in questa fase in cui vanno a rimessa.. non è detto che sia definitiva)
  11. cosmy

    Come scegliere un VPS

    stavo già provando a richiedere i 15 giorni di prova su hosting virtuale.. ma non riesco a trovare come accedere a questa possibilita: se clicco sul link, mi fanno registrare e firmare il contratto come se stessi comprando definitivamente.
  12. cosmy

    Come scegliere un VPS

    Grazie. questo è un buon inizio. In effetti mi orienterò sull'offerta base e poi si vede un po' se regge o meno, anche se un tetto di spesa vorrei darmelo.. Quindi il piano di hostingvirtuale.com che viene meno di 20 euro il mese e monta vmware non lo consigliate? PS: Circa la serietà di ngi ho appena scritto sul loro forum.. e mi dispiace perchè ngi un tempo non era così. O almeno così credevo
  13. cosmy

    Come scegliere un VPS

    Non uso plesk.. anzi non uso proprio nessun pannello, tramite ovviamento quello della vm per riavviarla e ripristinare i backup.. Per mil resto faccio tutto tramite la buon vecchia debian :) Fai conto che l'applicazione più intensiva che uso è senza dubbio mambo. Mentre il sito per il quale devo prendermi un vps gira su phpnuke: per un unico sito penserei che le offerte base siano sufficienti. Non prevedo di raggiungere il migliaio di utenti al giorno nei prossimi mesi. La banda invece non ho mai capito se regola le richieste al server oppure proprio il traffico in uscita. Per un buon servizio quanta banda minima pensate che dovrei considerare per ogni visitore? Al momento le due offerte più interessanti che ho trovato sono hostingvirtuale e seeflow, anche se i prezzi del primo mi sembrano più allettanti e vmware è pluritestata.
  14. cosmy

    Come scegliere un VPS

    mmm... tutto questo non fa onore ad ngi. Di cui per altro ho sempre avuto un gran rispetto. Praticamente mi trovo costretto a spendere il doppio per mantenere il mio server oppure migrare. Per il resto: La cpu invece su cosa incide nella generazione di una pagina? Proprio la RAM serve, eh.. è la cosa più cara :) Per intendersi.. con 128MB che carico può supportare? Dov'è che posso trovarmi qualche reference per farmi un calcolo sul consumo di ram da parte di uno script? grazie per la risposta e ottimo sito
  15. Ciao a tutti.. [premessa] inizialmente ero un entusiasta della soluzione VPS.. era proprio quello che cercavo e così me ne sono creato uno. Era un virtuo su NGI su consiglio di alcuni amici che già lo usavano.. Non avendo mai avuto metri di paragone non so giudicare come vada nel complesso. Posso dire con certezza che l'ssh e il sistema è lento. Anche i siti non è che hanno un'immediatezza di risposta, eppure sono solo due domini (per ora) e con pochissimi accessi (in contemporanea praticamente nessuno). Mi sarei aspettato una risposta più veloce. Ho il vantaggio di poter gestire le cose come voglio, ma come prestazioni è uguale all'hosting di tophost.. [/premessa] [questione] Ora siccome mi trovo a dover prendere un ulteriore VPS, stavolta per un unico sito molto visitato, mi rendo conto di non sapermi per nulla orientare. Volevo quindi capire come certe caratteristiche influiscono sulle prestazioni dei siti. Mi riferisco principalmente a: RAM, CPU e Banda. Cosa mi comporta avere più o meno di ognuna di queste cose nella visualizzazione di un sito (un php+mysql come può essere mambo o phpnuke)? [/questione] PS.: ho una speranza che la situazione del mio virtuo migliori?? per ora è comunque al limite dell'accettabile, ma ho una paura matta che aggiungendo un altro po' di domini mi collassi tutto. Le prestazioni che ho ora sono stabilizzate o destinate a decadere?
×