Jump to content

lsiani28

Members
  • Content Count

    5
  • Joined

  • Last visited

  1. E' più difficile da mantenere perché? In quali problemi incorri nella fase di installazione e configurazione di application server tipo WebSphere, Tomcat e simili? Infatti, ho capito che chi tira fuori questo argomento non è molto preparato sul mondo Java. Come mai in .NET non è necessario?
  2. Mi spiace, ma le tue risposte sono inutilmente polemiche. Non le ritengo utili: a cosa dovrebbero servirmi? Se uno chiedesse "Perché gli hosting condivisi .NET sono più diffusi di quelli Java?" secondo te si dovrebbe rispondere "Sai, il motivo è che .NET è della Microsoft e Java no." Sarebbe una risposta utile? Io dico di NO.
  3. Non hai colto il senso del mio discorso. Se leggessi bene i miei messaggi, ti accorgeresti che chiedo di scrivere della gestione della memoria, o di altri problemi concreti, per giungere ad una soluzione su basi "scientifiche" della questione. Dire semplicemente che .NET funziona meglio su Windows perché sviluppata da Microsoft non basta. Allora dovrei dire che Java funziona meglio sui sistemi Linux della Oracle (ORACLE UNBREAKABLE LINUX), in quanto Java è della Oracle (anche il loro RDBMS supporta nativamente Java). Mi aspetto delle risposte specifiche e tecniche, e non generiche. Inoltre, leggendo anche su forum stranieri mi sto convincendo che la questione riguarda non tanto Java in sé, ma gli application server che vengono usati. In un forum ad es. ho letto che con WebSphere e simili è possibile gestire egregiamente Java e risolvere tutti i problemi che molti citano riferendosi a Tomcat. Ciao.
  4. Ciò che vorrei è scendere più nel dettaglio tecnico, proprio sulla gestione della memoria da parte di .NET e Java, in modo da individuare le reali differenze architetturali ed arrivare ad una risposta definitiva alla questione. Altrimenti rimarremo sempre nel dubbio - anzi io rimarrei nel dubbio. Circa .NET, perché dovrebbe avere una gestione delle risorse più efficiente?
  5. Ciao a tutti, vorrei che mi aiutaste a togliermi un dubbio circa la differenza tecnica di gestione di un servizio di hosting Java rispetto ad uno .NET. Allora, navigando sul Web per cercare degli abbonamenti hosting Java relativamente economici (sui 60 euro all'anno), mi sono reso subito conto che è davvero difficile trovarne qualcuno. Da varie considerazioni, fatte insieme a persone con cui ho parlato, si evince che il motivo di tale situazione sarebbe la maggiore onerosità che un servizio di hosting Java richiede rispetto a .NET. In particolare, si dice che Java consumi più risorse hardware (memoria RAM). Naturalmente riferisco a sistemi con JVM condivisa tra più utenti (più istanze contemporaneamente). Qualcuno, forse a torto, dice che la condivisione della macchina virtuale porterebbe anche a problemi di altra natura, dovuti ad es. all'uso della famigerata istruzione <% System.exit(0); %>. Il fatto che non mi spiego è: perché .NET non dovrebbe avere gli stessi problemi? Per darmi una risposta dovrei sapere: quali sarebbero le differenze tecniche strutturali e di gestione effettiva che portano .NET ad essere meno avido di risorse rispetto alla tecnologia Java. Potete aiutarmi a trovare la risposta? Saluti.
×