Jump to content

ministry

Members
  • Content Count

    14
  • Joined

  • Last visited

1 Follower

About ministry

  • Rank
    Nuovo utente
  1. Ciao! Non, non ho ancora valutato un budget perché appunto non so cosa mi serve. Una soluzione managed potrebbe andar bene, però non mi è chiaro se l'hosting fornisca anche consulenza/indicazioni o semplicemente adempia alle richieste del cliente...
  2. Ciao a tutti, sto lavorando a un'applicazione web che deve costantemente interagire con dei dispositivi remoti. In sostanza, tramite l'interfaccia si programma il "comportamento" dei client (nella fattispecie, Raspberry PI, ma in futuro anche app mobile sviluppate ad hoc). Il passaggio delle informazioni avviene tramite periodiche chiamate http da remoto, ma sto implementando il protocollo websocket per il monitoraggio in tempo reale. Al momento ho una macchina Centos su Cloud.it e gestisco una ventina di client senza problemi, ma mi rendo conto che man mano che il loro numero aumenterà (a 50? 100? 1000?) dovrò far fronte a delle criticità, e non ho competenze da sistemista... e chi ha allestito la macchina inizialmente non è più disponibile. Sto cercando di capire come muovermi, insomma, e vorrei farlo con adeguato anticipo. Una soluzione è trovare un sistemista freelance che mi affianchi; l'alternativa è trovare un'azienda di hosting che fornisca anche assistenza tecnica su misura... Spero possiate darmi qualche consiglio, perché non saprei proprio quale delle due strade battere, ne tantomento a chi rivolgermi
  3. Ciao a tutti, sono un'azienda con partita IVA e vorrei attivare un account su Amazon Aws ma non ho capito come funziona la fatturazione. Ho letto infatti che Amazon a maggio ha aperto una sede fiscale in Italia e quindi emetterà fatture con partita iva anche per i soggetti fiscali superando la pratica del reverse charge, ma questo si applica anche ai servizi AWS? In sostanza, riceverò fatture con IVA o dovrò effettuare sto benedetto intrastat (che per me è un costo aggiuntivo)?
  4. Ciao a tutti, vorrei attivare una vps da provider italiano e, allo stato attuale, la miglior soluzione che il mio budget mi permette pare essere una macchina Okta di Kolst (opportunamente carrozzata). Il mio dubbio riguarda l'assistenza: nelle faq leggo che il supporto risponde dalle 9 alle 19 dei giorni feriali. Cosa succede quindi se ho un problema, che so, la sera di venerdì? Mi attacco al tram fino a lunedì mattina? Avete esperienze al riguardo?
  5. Ciao, sto cercando un server dedicato per ospitare una web application... Non è molto esosa di risorse (si tratta sostanzialmente di un gestionale) ed attualmente è ospitata su un vps server (se volete faccio il nome) con cui mi trovo bene, eccezion fatta per i frequenti down. Per questo sto cercando soluzioni alternative e stavo pensando, per partire, al server dedicato Basic 2.2 Tabella Comparativa - Server Dedicati | Aruba.it Le caratteristiche sulla carta sono simili a quelle del mio vps, con la differenza che si tratta di un server dedicato e quindi dovrebbe essere più "sicuro". Quello che mi interessa è l'affidabilità in termini di uptime: qualcuno ha esperienza? Com'è l'assistenza? Ovviamente trattandosi di un server unmanaged lo daremmo in gestione a un sistemista.
  6. ministry

    Quale registrar italiano?

    Grazie... potrebbe in effetti essere una soluzione interessante. Forse è un po' eccessiva però, considerando che a me interessa solamente la gestione dei domini e relativi dns (avendo i siti e le caselle di posta su server esterni).
  7. ministry

    Quale registrar italiano?

    Beh ma lì trovo essenzialmente servizi di hosting, mentre a me interessa la registrazione/gestione dei domini. Inoltre vorrei conoscere le opinioni di chi ha più esperienza d'uso... :)
  8. Qual è, a vostro avviso, il miglior registar italiano? Io ho i siti su mio server e attualmente uso Tophost, che è economico e ha un pannello di configurazione dns abbastanza flessibile, che consente di gestire domini di terzo livello, record mx ecc. Tutto ok per le nuove registrazioni, ma quando devo fare un trasferimento son dolori, e a volte resto con il sito offline per diversi giorni... senza contare problematiche come l'indirizzo dell'admin-c che non è corretto, la mail di conferma che non arriva ecc. che ti allungano i tempi. Non so comunque se siano tempistiche comuni o se rivolgendosi ad altri provider le procedure siano più snelle. Insomma vorrei capire quali siano le alternative più valide. Una funzionalità gradita sarebbe quella di poter modificare autonomamente i record whois senza chiedere l'intervento del registrar stesso (che nel caso di Tophost è a pagamento), nonché un servizio di assistenza tecnica efficiente. Ovvio che mi aspetto di spendere un po' di più di quanto faccio ora. :)
  9. Intendevo costo massimo di 20 euro/anno per casella, perché prendevo come riferimento Google Apps. Ma vedendo i prezzi dei servizi indicati forse sono è pure un budget esagerato. :)
  10. Ti ringrazio. Sembra interessante, anche perché fornisce la pec e quindi potrei gestire tutte le caselle con un unico provider. L'assistenza tecnica com'è? Per me è un aspetto importante dato che dovrei fornire la posta ai miei clienti. Girovagando mi sono imbattuto in Qboxmail, che però è ancora in fase beta...
  11. Ciao a tutti... visto che Google Apps è diventato a pagamento, sto cercando un'alternativa affidabile per "esternalizzare" le caselle di posta, con possibilità di personalizzare il dominio (mantenendo cioè il sito sul mio server e configurando opportunamente i server MX). Caratteristiche: almeno 1gb a casella, possibilità di gestire inoltri e filtri vari, accesso pop/imap, costo annuo di 20 euro. Si trova qualcosa di affidabile?
  12. Il 5 luglio ho chiesto il trasferimento di un dominio .net da Aruba a Tophost. Ho subito confermato tramite immissione dell'auth code ma ad oggi l'operazione risulta ancora in corso... vedo ancora il vecchio sito e quotidianamente ricevo una mail di aggiornamento da Tophost che mi invita ad aspettare: "Il trasferimento e' in corso, l'admin-c ha approvato attraverso il nostro modulo, Register.it - per conto di Tophost.it - ha richiesto il trasferimento all'authority la quale attende il nulla osta dell'attuale registrar." Insomma, quanto tempo ci vuole? Immagino che la procedura sia ormai automatizzata... non capisco perché in 10 giorni non si sia ancora conclusa! E' Aruba che fa "melina" o sono tempistiche normali? Mi viene un po' da sorridere, perché ricordo che quando si usava ancora il fax per questo genere di operazioni i tempi erano molto più rapidi...
  13. In effetti ora come ora mi è impossibile quantificare le reali richieste di sistema... quindi l'ideale sarebbe partire più "in piccolo" e poi upgradare a seconda delle esigenze. Non avevo considerato l'ipotesi del reseller... tu dici che con questa soluzione avrei la libertà "tecnica" che mi è necessaria? Immagino inoltre che, per contenere le latenze, sia necessario un hosting italiano, giusto?
  14. Ciao a tutti. Sto cercando un hosting per una web application in php+mysql che sto sviluppando e, dopo un periodo di testing, presenterò al mondo :zizi: Attualmente, con un gruppo di 5 persone, sto testando l'applicazione sul classico server Aruba; tutto sommato gira bene anche se a volte le latenze sono sensibili. Quando il volume di traffico aumenterà servirà sicuramente una soluzione più adeguata (la mia idea, come avrete capito, è di avere un'installazione accentrata e vendere gli account). Mi servono quindi essenzialmente tempi di risposta rapidi, un db "capiente", uptime garantito e assistenza veloce nelle risposte. Prevedo accessi massicci al database e quindi non voglio limitazioni su questo fronte (anche se è difficile, allo stato attuale, fare quantificazioni) Essenziale sarebbe un hosting multidominio, così ne approfitterei per "convogliare" sullo stesso spazio vari domini di rappresentanza che ho sparsi tra i vari Aruba e Tophost e che generano pochissimo traffico (ovvero vorrei mappare i singoli domini ad altrettante sottodirectory del server). Immagino che i costi siano elevati e quindi pensavo di coinvolgere nell'impresa un paio di amici, che si troverebbero a loro volta a gestire i propri siti e clienti. L'ideale in questo caso sarebbe avere accessi ftp personali o addirittura partizionare lo spazio. Insomma, avrete capito che le classiche soluzioni "a pacchetto" non bastano ma che è necessaria flessibilità e autonomia. Alcuni mi consigliano il cloud hosting (es. Seeweb) e la scalabilità delle risorse potrebbe essere una buona cosa. Altri mi parlano di server dedicati. Boh... non so dove sbattere la testa... è la prima volta che penso così "in grande" e forse magari esagero. :sbonk: Budget: per ora avrei stanziato 300/350 euro l'anno (da suddividere eventualmente coi miei "soci"), ma in futuro l'investimento può aumentare. Cosa mi consigliate?
×